il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mani bianche

Mani bianche

(23 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Manifestazioni in tutte le città contro il decreto Gelmini

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La controriforma dell'istruzione pubblica)

La Buona Scuola che reprime

Solidarietà allo studente di Carpi sanzionato con un 6 in condotta a causa delle critiche mosse contro il sistema dell'alternanza scuola-lavoro

(10 Aprile 2018)

no buona scuola

Il Partito Comunista dei Lavoratori esprime solidarietà al compagno studente colpito dalla repressione esercitata dal dirigente scolastico della propria scuola (ITIS Da Vinci di Carpi), che è stato punito con un 6 in condotta per il solo fatto di aver espresso sulla propria bacheca Facebook delle critiche rispetto alla sua esperienza di alternanza scuola-lavoro. «Il messaggio offendeva la ditta e l’impegno degli insegnanti», è arrivato a dire il dirigente scolastico per giustificare il proprio atto contro lo studente al quarto anno.

Un fatto gravissimo che deve portare alla presa di posizione e alla mobilitazione di tutte le organizzazioni studentesche. Il fatto accaduto trova posto perfettamente nella trasformazione dell'ormai ex scuola pubblica in scuola-azienda, ora al servizio delle imprese, con una gestione padronale attraverso il preside-sceriffo-manager.

È necessario rispondere attivamente a questo attacco frontale ai più elementari diritti studenteschi, intraprendendo una lotta mai veramente iniziata contro l'alternanza scuola-lavoro (lavoro gratuito di studenti) e il modello della Buona Scuola (mercificazione dei saperi e militarizzazione delle scuole). A partire dall'ITIS da Vinci, attraverso l'occupazione della scuola, rivendicando il ritiro della sanzione discliplinare.

Rifiutiamo l'alternanza scuola-lavoro, per l'autorganizzazione degli studenti e dei lavoratori della scuola e nei luoghi di lavoro, per la libertà di scegliere e di decidere sulla nostre condizioni di studio, vita e lavoro secondo i nostri bisogni e necessità, non secondo le regole imposte dal mercato!

Fuori il Jobs act dalle scuole e dai posti di lavoro!

Per una scuola libera, pubblica, laica e al servizio dei proletari e delle masse popolari!

9 Aprile 2018

Partito Comunista dei Lavoratori - Commissione studenti

4536