">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La Scala

La Scala

(8 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Contestazione e cariche della Polizia alla "Prima" della Scala

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La controriforma dell'istruzione pubblica)

Distorsioni dell'ordinamento scolastico

(17 Giugno 2023)

Come funziona il sistema scolastico sul versante disciplinare? Lo stesso organo che accusa (ossia il dirigente scolastico) ha il potere di giudicare e di sanzionare. In sostanza, non esiste un'autorità che sia terza e neutra, ovvero una figura "super partes". Allorquando un dirigente promuove una preventiva contestazione d'addebito ed avvia un procedimento disciplinare nei confronti di un sottoposto (che sia un docente o un ATA), ed in seguito lo convoca in sede di giudizio, è il medesimo dirigente che sentenzia ed infligge una eventuale sanzione nei confronti del dipendente. In altri termini, non mi sembra che si tratti di un ordinamento corretto ed equilibrato, e ancor meno democratico. Il sistema in questione è arbitrario e sbilanciato a netto favore del dirigente scolastico, vale a dire a vantaggio di quell'organo gerarchico che si erge sul piedistallo del "pubblico ministero" e, contemporaneamente (!), del "giudice arbitro" che detiene quell'autorità per emettere una sentenza. A maggior ragione, un tale meccanismo "giuridico" risulta oltremodo iniquo e squilibrato, se si tiene pur conto dei poteri e delle prerogative che la legge 107 del 2015 (altrimenti nota come "La Buona Scuola", varata dall'allora governo Renzi) attribuì ai dirigenti scolastici immessi in ruolo.

Lucio Garofalo

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La controriforma dell'istruzione pubblica»

Ultime notizie dell'autore «Lucio Garofalo»

1857