il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Ecce Italia

Ecce Italia

(15 Novembre 2010) Enzo Apicella
Continua la protesta degli immigrati bresciani sulla gru contro la sanatoria truffa

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(L'unico straniero è il capitalismo)

Aperitivo migrante

(25 Settembre 2018)

Il 30 settembre, alle ore 18.00, in via San Romano 65 (Roma)

potere al popolo in marcia

+++DOMENICA 30 SETTEMBRE SARÀ L'ULTIMA OCCASIONE PER ADERIRE A POTERE AL POPOLO PRIMA DELLA VOTAZIONE DELLO STATUTO: VIENI A FARLO ALL'APERITIVO+++

Lo sapevi che a Roma si sta creando un gruppo d'azione popolare sulle migrazioni? È da poco più di due mesi che, per rispondere all'odio spacciato per panacea di tutti i mali, a Roma abbiamo iniziato ad incontrarci e ragionare su come coinvolgere i migranti nelle nostre lotte attraverso il mutualismo, l'inchiesta e il controllo popolare.
Sono stati due mesi intensi di discussione, ma non solo. Purtroppo la nascita del gruppo d'azione migrazioni è coincisa con lo sfratto della comunità Sudanese di Scorticabove. Potere al Popolo ha supportato e supporta tutt'ora la resistenza e la propositività della comunità che domenica 30 ci racconterà i loro progetti per il futuro.

Ci aspettano tempi di sgomberi e sfratti di italiani e stranieri, detenzioni arbitrarie e arresti immotivati. Violenze razziste di stato e violenze razziste volutamente ignorate dallo Stato. Ronde, presidi contro l'accoglienza ma anche indifferenza strisciante e canaglia. Questa è la matrice politica, anzi elettorale, di tali violenze di Stato e quelle dei singoli sdoganate dal motto "prima gli Italiani". Ormai è chiara a tutti e nasce dalla sempre attuale tecnica del capro espiatorio: puntano il dito contro gli ultimi, senzatetto, migranti, rom, quando il vero problema è la disuguaglianza nella redistribuzione del reddito ed il blocco della mobilità sociale. Contrastare le enormi concentrazioni di ricchezze e consentire a tutti di avere un lavoro e un reddito dignitosi al di là delle condizioni familiari, sarebbero oggi la vera priorità, a dieci anni esatti da una crisi, quella del 2008 che ci ricorda molto quella del 1929 e tutto quello che ne è seguito.

I compiti che ci spettano sono tanti. Distruggere il sistema di accoglienza e sostituirlo con in sistema di integrazione. Abbattere i CPR (ex CIE) e spezzare la divisione tra migranti economici e richiedenti asilo. Rendere pubblica l'accoglienza, internalizzare i lavoratori, eliminare la mafia delle cooperative. Abbattere il regolamento di Dublino e sostituirlo con il semplice principio che il progetto migratorio deve essere rispettato, le comunità vanno ricongiunte e che ci sono responsabilità coloniali europee in tutti i tipi di migrazioni che devono essere esplicitate.
Venite e partecipate alla discussione collettiva e alle attività del gruppo d'azione. Incontriamoci domenica 30 ottobre alle 18.00 aVia di San Romano per un momento di convivialità discussione e lotta. #primaglisfruttati #PoterealPopolo!

Potere al Popolo - Roma

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «L'unico straniero è il capitalismo»

Ultime notizie dell'autore «Potere al Popolo»

2220