il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

The Health Farm

The Health Farm

(15 Luglio 2011) Enzo Apicella
Cisgiordania notebook

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Ankara e Istanbul voltano le spalle a Erdogan

(1 Aprile 2019)

elezioni amministrative turchia

Ciò che gli osservatori avevano posto al centro dell’attenzione per le amministrative turche: quella crisi economica che attanaglia il Paese, facendo segnare un’inflazione al 20% e una disoccupazione al 13% tanto da costituire un fattore di rischio per il governo-regime dell’Akp, ha confermato i timori. Il Partito della Giustizia e dello Sviluppo perde la capitale e, al momento della stesura di queste note anche la metropoli simbolo tanto cara a Erdogan: l’Istanbul che l’ha visto calciatore e sindaco, leader e premier, ammaliatore e fustigatore, benefattore per chi aderiva al suo sogno di diventare un presidente onnipotente. In realtà nella metropoli sul Bosforo i candidati sindaco Imamoglu (opposizione) e Yldirim (governo) si sono entrambi dichiarati vincitori di stretta misura: per 28.000 e 4.000 preferenze quando sono state scrutinate il 99% delle sezioni. Ma l’agenzia Anadolu dà il successo al primo col 48.6% contro il 47.7%. Trattasi, per ora, d’un lancio d’agenzia ufficioso poiché sono in corso controlli su schede contestate e i candidati s’inseguono a filo, ma ormai il dato viene confermato anche da altre agenzie internazionali. Più definita la sconfitta dell’uomo con cui il presidente aveva cercato di tamponare il malcontento circolante: Mehmet Özhaseki ha ottenuto il 47.2% dei consensi, mentre il volto dell’opposizione Mansur Yavas ha superato la metà dei votanti e col 50.9% e assume la guida dell’altra città simbolo, quella del potere effettivo, dove sono il Meclis e il sontuoso palazzo presidenziale. Una beffa doppia perché com’era stato previsto dai sondaggi Yavas, forte di una propaganda vivacemente nazionalista, s’è fatto lupo fra i ‘Lupi grigi’ e ha raccolto parecchi voti in quella sponda.

La scossa, dunque, c’è stata.
La piccola borghesia urbana - di cui il partito di governo dal 2002 raccoglie il consenso, preoccupata da una crisi di cui negli anni addietro aveva solo sentito parlare - reagisce voltando le spalle all’osannato fautore di quell’impulso, lanciato dal primario liberismo di Özal e orientato verso un sistema di consenso dall’ideologizzazione erdoganiana. Ancor più clamoroso è lo schiaffo repubblicano nella terza città turca, Izmir, dove Mustafa Tunc Soyer col 58% sopravanza nettamente l’uomo del blocco islamico, Nihat Zeybekci fermo a un 38.5%. Consola solo parzialmente il risultato generale che offre il successo all’Alleanza del popolo (Akp più i nazionalisti del Mhp) con 51.7%, mentre l’opposizione, pur vincente nelle citate città, non va oltre il 37.6%. Non solo i sondaggisti, gli stessi consiglieri economici del sultano avevano dipinto un quadro a tinte fosche, seppure oggi ciascuno guarda al proprio bicchiere mezzo pieno. Erdogan da giocatore incallito, ma anche da lottatore indomito, fa capire d’avere in mano la formula per la ripresa: le sognate riforme. E conferma che la strategia per la cura ricostituente dell’economia interna prevede una conservazione delle regole del libero mercato, mentre maledisce gli speculatori finanziari che si sono accaniti sulle debolezze turche, come se quello non fosse il princìpio vitale dei meccanismi borsistici globali.

Nei dati pervenuti
l’opposizione kurda, che non mostrava accordi con altre componenti d’opposizione (i più democratici risultano i repubblicani), ha una percentuale del 4,22% parecchio al di sotto dei lusinghieri risultati degli anni precedenti. Bisogna considerare il peso della repressione degli ultimi tre anni che ha mietuto vittime civili e condotto in prigione migliaia non solo di attivisti, ma di sindaci e pubblici ufficiali, ben 90 municipi sono stati sciolti con la forza da polizia, esercito, magistratura. Il Partito Democratico dei Popoli conserva il suo primato nel sud-est a Mardin, Diyarbakir, Batman, Siirt, Van, Hakkari, e a nord-est a Kars, Igdir. Invece anche in province (Agri, Sirnak) da tempo apertamente schierate con questa formazione, l’Akp ottiene la maggioranza utile a lenire lo smacco della perdita delle tre maggiori città del Paese. E’ la solita Anatolia rurale a contenere una flessione che vede il partito-regime attestato sul 44%, certo ampiamente superiore al 30% dei repubblicani, l’unica forza d’opposizione in grado d’impensierirlo. Da questo confronto che, se non ci saranno terremoti socio-economici, terrà lontano dalle urne gli elettori sino al 2023, escono due novità. S’apre una grossa crepa sull’invincibile compattezza dell’Akp che, finora aveva superato anche contrasti e defezioni interne di leader noti. Perdere d’un colpo città-simbolo come Istanbul e Ankara ridimensione il carisma presidenziale, lanciando il messaggio che un rovesciamento di chi ha monopolizzato costituzionalmente il potere può diventare possibile. Viene ribadito, anche a favore dell’opposizione, il quadro che in un Paese polarizzato le alleanze risultano vitali. Fattore che finora aveva legato le sorti di islamisti e nazionalisti parafascisti e che per ora ha avvicinato repubblicani e i nazionalisti Iyi Parti, cui i turchi danno 3 milioni e mezzo di voti, più della formazione di Bahçeli.
1 aprile 2019

articolo pubblicato su
enricocampofreda.blogspot.com

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «I cento volti della Turchia»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

2321