il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Auguri

Auguri

(8 Aprile 2012) Enzo Apicella
Nonostante la crisi il governo Monti ha deciso di procedere all'acquisto di 90 F35

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Poverta' in italia

(11 Ottobre 2005)

Anche l’Istat certifica la crescente povertà in Italia: nel 2004 i poveri hanno superato quota 7,5 milioni (ossia il 13,2% dell’intera popolazione), con oltre 2,6 milioni di famiglie colpite dal fenomeno, vale a dire l’11,7% del totale rispetto al 10,8% dell’anno precedente. L'Istat ha messo nero su bianco anche i numeri dell’indigenza che stanno spingendo pericolosamente milioni di italiani sotto la soglia di povertà relativa con il 7,9% delle famiglie considerate a rischio. Per loro, i bisogni primari come alimentazione, casa, abbigliamento e istruzione consumi non superano i 919,98 euro (il 5,2% in più rispetto al 2003), cioè la soglia fissata come spesa media mensile per due persone.

E appena sotto la soglia di povertà si colloca un altro 6,2% delle famiglie, considerate ‘appena povere’ con consumi che vanno dai 919,98 euro ai 735,98 euro. Per tutte le altre (il 5,5%), quelle ‘sicuramente povere’ e che sono in condizione di estremo disagio la soglia scende sotto i 735,98 euro.

Nel Sud, una famiglia su quattro (il 13,2% della popolazione) vive al di sotto della soglia di povertà relativa. Un dato significativamente cresciuto nel giro di un anno: era il 21,6% nel 2003, è diventato il 25% nel 2004, pari ad oltre il doppio della media nazionale, stimata all’11,7%.

Al Nord invece i nuclei familiari poveri sono il 4,7% mentre al Centro il 7,3%. La condizione di povertà aumenta in modo significativo nelle coppie giovani (dal 2,8% del 2003 al 5,5%), le coppie con più figli (dal 9,1% al 13,9%; arriva al 14% se c’è un minore).

Al Centro dove seppure è sostanzialmente stabile in linea generale, la povertà peggiora tra gli anziani, soprattutto tra gli over 65, la cui incidenza è più che raddoppiata passando da 4,2% a 10%. Ma è fra i disoccupati che si trova la percentuale di famiglie più povere: il 28,9% se a capo c’è una persona in cerca di occupazione e al 37,4% se sono due a cercarla.

Le famiglie di lavoratori autonomi sono meno toccate dall’indigenza: 7,5% contro il 9,3% delle famiglie con lavoratori dipendenti e il 13,1% di quelle in cui sono presenti ritirati dal lavoro

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «I «numeri» della lotta dei classe»

Ultime notizie dell'autore «Centro di documentazione e lotta - Roma»

4778