il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Gutta cavat lapidem?

Gutta cavat lapidem?

(19 Dicembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

13 dicembre 2002 sciopero della Sanità, degli Enti Locali, dello Stato e degli Enti Pubblici

Comunicato unitario CGIL FP - CISL FPS - UIL FPL - UIL PA

(5 Dicembre 2002)

Oggi abbiamo proclamato una giornata di sciopero per il 13 dicembre 2002 a sostegno della vertenza per il rinnovo di contratti nei settori pubblici.

Dopo aver firmato, con il Governo, un accordo, il 4 febbraio, che fissava le coordinate per la stagione contrattuale nel pubblico impiego, affermando il principio di garanzia del potered’acquisto delle retribuzioni, a partire dal recupero sul precedente biennio, nonchè dopo una serie di incontri con l’allora Ministro per la Funzione Pubblica, Frattini, che si era impegnato ad incrementare le risorse previste in Finanziaria, per rispondere, almeno parzialmente, allo scarto tra inflazione programmata e quella attesa, la situazione non si è sbloccata.

Il Ministro, dopo l’ultimo incontro con il sindacato, tenutosi il 15 ottobre, aveva affidato all’Aran un mandato esplorativo per quantificare le risorse necessarie all’avvio dei negoziati alla chiusura dei contratti dei lavoratori dei Ministeri; che è atto propedeutico alla stipula degli altri contratti di lavoro, a partire da quello dei lavoratori degli Enti Pubblici non economici, impegnandosi a far presentare al Governo un emendamento alla Finanziaria per modificare le risorse già individuate. Di quell’emendamento ad oggi non c’è traccia.

Oltretutto, la stessa Finanziaria taglia i trasferimenti dallo Stato agli Enti Locali, i quali hanno finora reagito timidamente all’impostazione della Legge e non hanno ancora, in nessuna sede, indicato tra le proprie priorità il rinnovo del CCNL riguardante la Sanità e le Autonomie Locali. La finanziaria interviene, inoltre, diminuendo, in modo significativo, la retribuzione dei dipendenti degli Enti Previdenziali e mettendo a rischio più di un migliaio di posti di lavoro degli stessi enti.

Queste Segreterie nazionali prendono atto che il Governo non onora gli impegni assunti, e che non risponde ancora positivamente al diritto dei lavoratori di avere il rinnovo del contratto.

Per questi motivi abbiamo promosso la mobilitazione dei lavoratori della Sanità, degli Enti Locali, dello Stato e degli Enti Pubblici attraverso la dichiarazione di sciopero, nonchè attraverso manifestazioni territoriali che le singole strutture effettueranno tenendo conto delle realtà in cui operano.

Laimer Armuzzi CGIL FP
Rino Tarelli CISL FPS
Carlo Fiordaliso UIL FPL
SalvatoreBosco UIL PA

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Contratto Sanità»

5356