il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Gugliotta

Si apre una finestra sui metodi della polizia italiana

(14 Maggio 2010) Enzo Apicella
I TG trasmettono l'intervista a Stefano Gugliotta, che porta i segni del pestaggio immotivato da parte della polizia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

DIRITTI DEI LAVORATORI

Storie di ordinaria repressione

(1138 notizie dal 30 Marzo 2002 al 9 Settembre 2017 - pagina 1 di 57)

Diritti dei detenuti: in Italia carceri sovraffollate e troppi maltrattamenti

Lo afferma il rapporto del Comitato Prevenzione tortura del Consiglio d'Europa, che arriva dopo il sopralluogo dell'aprile del 2016. Lo “Sportello dei Diritti”: colpa dell’abuso della carcerazione preventiva e del (troppo) scarso utilizzo delle misure alternative

Arriva anche dall’Europa la prevista strigliata sulla situazione carceraria italiana. Un vero e proprio dramma che incide sulla tutela della dignità umana di chi si trova detenuto e sul quale gli strumenti e le misure sinora adottati si sono rivelate del tutto inefficaci. A dare risalto e a fotografare il fenomeno del sovraffollamento eccessivo delle carceri - che sfugge a gran parte...

(9 Settembre 2017)

Giovanni D’AGATA

Diritti dei detenuti: non dev’essere consegnato al Paese d’origine lo straniero se non gli viene garantito un trattamento “umano”

Dopo la sentenza pilota della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo sulle condizioni di detenzione in Romania, le corti territoriali devono vagliare puntualmente se il condannato rischia trattamenti disumani e degradanti una volta estradato, specie se può finire in una delle carceri della lista nera della CEDU. In questa circostanza deve rimanere in Italia

Altra bocciatura per una corte territoriale in tema di mandato d’arresto europeo e consegna al paese d’origine che per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” continuerà a far discutere anche una parte dell’opinione pubblica italiana che in preda ad un’ingiustificata ondata xenofoba, quando si tratta di stranieri, è troppo...

(1 Settembre 2017)

Giovanni D’AGATA

Diritti dei detenuti. Con le temperature di questi giorni gli istituti di detenzione sono fornaci e la dignità dei reclusi viene schiacciata

Con politiche di efficientamento energetico si potrebbero ridurre i costi per la collettività, salvaguardando la dignità dei detenuti

Appello al Ministro della Giustizia Orlando affinché visiti gli istituti penitenziari in questi giorni e avvii nuove politiche per i ristretti La dignità delle persone sempre al primo posto. Perché calpestarla completamente significa barbarie, parificabile ai delitti più efferati. Ed in questi giorni bollenti per le ripetute “bolle africane” che stazionano, attanagliando...

(6 Agosto 2017)

Giovanni D’AGATA

G20 Amburgo: libere tutte, liberi tutti!

Il Partito Comunista dei Lavoratori chiede con forza l’immediato rilascio di tutti i compagni e le compagne arrestati ad Amburgo durante il G20 e ancora detenuti in Germania.

I compagni veneti Maria e Fabio, candidati nelle nostre liste a Belluno alle recenti elezioni comunali, sono in stato di arresto in Germania da settimane, e con loro ci sono anche altri quattro ragazzi italiani. Fermati e poi reclusi per il solo fatto di aver partecipato alle manifestazioni contro i potenti del mondo durante le giornate anti-G20 ad Amburgo. Fabio e Maria sono stati arresti non durante...

(1 Agosto 2017)

Partito Comunista dei Lavoratori

FABIO E MARIA LIBERI!

FELTRE, 12 LUGLIO: PRESIDIO SOLIDALE IN LARGO CASTALDI

HAMBURG NO•G20 COME GENOVA 2001 QUELLO CHE LA DEMOKRAZIA PUÒ OFFRIRCI In questi giorni ad Amburgo decine di migliaia di persone hanno opposto rabbia e lotta all’ennesimo vertice tra i padroni del mondo. Venti carogne che regolarmente si incontrano per pianificare miseria, decidere sfere di influenza, affinare lo sfruttamento, distruggere il pianeta (senza peraltro mettersi d’accordo). La...

(11 Luglio 2017)

Postaz_per una vita non imposta

Libertà per Fabio e tutti i compagni!

Nel panorama delle grandi mobilitazioni contro il G20 che si sono svolte in questi giorni ad Amburgo, nelle operazioni di repressione poliziesca che richiamano metodi di regime dittatoriale, due giovani bellunesi, che avevano dato il loro supporto entrando nella lista del PCL per le elezioni comunali di Belluno, sono stati fermati ed arrestati. Nella notte tra giovedì e venerdì, durante...

(9 Luglio 2017)

Partito Comunista dei Lavoratori

La “democrazia” (sempre più blindata)
di lorsignori

Ci giunge notizia (“Il manifesto”25.05.17) che il giorno 24 maggio, nella Roma blindata per la visita del presidente USA Trump, tre attivisti della Rete NO WAR sono stati fermati per aver tentato di esporre un cartello con la scritta “Trump/NATO/G7=Wars on people, war against the planet, fathers of terrorism with Saudis, Qatar and Turkey” (“Trump, Nato e G7 uguale guerre...

(31 Maggio 2017)

Nucleo Comunista Internazionalista

Il carcere, la risposta sbagliata

Tra aperture e restrizioni, dal 1975 a oggi la vita penitenziaria è stata regolata da un sistema a fisarmonica, malato di schizofrenia legislativa, specchio di una politica trasversalmente debole in materia e vittima di un’ossessione generalizzata della sicurezza. Prova ne sia l’utilizzo smodato e irrazionale della custodia cautelare: sebbene la legge 94 del 9 agosto del 2013 abbia...

(29 Maggio 2017)

Tania Careddu - altrenotizie

IL G7 DELL'IPOCRISIA, TRA NON DECISIONE E FOGLIO DI VIA

Mentre i grandi della Terra sono entrati in una fase di stallo, le libertà politiche venivano lese

Dal punto di vista dei contenuti il G7 ha offerto molti e vaghi proclami, mai così incerti e divisi, privi di asserzioni concrete e ombra perfetta di un potere globale che ha scelto di eternarsi sordo alle trasformazioni. Nel dubbio (e nel mentre) forte la scure sugli attivisti che sceglievano di contestare l'assise planetaria Poco o molto poco rischia di restare agli annali, dopo il vertice...

(28 Maggio 2017)

Domenico Bilotti

La provocazione continua: confermate le misure restrittive per Aldo

Apprendiamo con rabbia che sono state confermate le misure restrittive ad Aldo Milani coordinatore nazionale del SI Cobas. Le dichiarazioni del procuratore di Modena sono assolutamente trasparenti ed esplicite e danno il senso di come questo attacco repressivo sia un tentativo esplicito di intimidazione, la cattura di un “ostaggio” per costringere i lavoratori e i solidali a cessare...

(23 Febbraio 2017)

I compagni e le compagne del Csa Vittoria

La vicenda di Lavagna un esempio di depravazione istituzionale

Fernando Arrabal raccontando la guerra civile spagnola osservava come il grado di degradazione conseguente alla sconfitta della rivoluzione avesse presentato anche fenomeni di depravazione: alcune madri denunciarono il proprio figlio alle autorità franchiste. A Lavagna una madre avendo constatato che il figlio sedicenne “si drogava” per essere stato trovato in possesso di 10 grammi...

(17 Febbraio 2017)

Nicolai Caiazza

NO ALLA CRIMINALIZZAZIONE DELLE LOTTE!
TOCCANO UNO, TOCCANO TUTTI!

La determinazione di un migliaio di operai e facchini provenienti da tutta Italia, del S.I.Cobas, dell'A.D.L. Cobas e delle realtà politiche e sociali solidali ha di fatto infranto il provocatorio e inaccettabile divieto a manifestare che la Questura di Modena aveva opposto poche ore prima del concentramento del corteo nazionale contro guerra, razzismo e repressione. Una ulteriore sterile...

(7 Febbraio 2017)

I compagni e le compagne del C.S.A. Vittoria

Contro le montature padronal-poliziesche, estendere il fronte di lotta e rafforzare l’organizzazione di difesa delle condizioni di vita e di lavoro dei proletari

Ancora sul recente attacco repressivo contro il S.I. Cobas, riceviamo e volentieri pubblichiamo Ora che sono stati chiariti molti aspetti relativi all'arresto, con l’accusa di estorsione, del coordinatore nazionale S.I. Cobas durante una trattativa sindacale a Modena (in particolare, per quanto riguarda ruolo e identità del personaggio che materialmente intasca la busta e che non appartiene...

(3 Febbraio 2017)

Partito comunista internazionale (il programma comunista – cahiers internationalistes – the internationalist)

NO ALLA CRIMINALIZZAZIONE DELLE LOTTE!
RIFLESSIONI DOPO LA SCARCERAZIONE DI ALDO

Il compagno Aldo Milani è finalmente libero, scarcerato sabato pomeriggio dopo l'udienza di convalida tenutasi tra le mura del carcere di Modena. Il GIP chiamato a decidere sulla convalida dell'arresto del compagno lo ha comunque confinato, nei fatti, a Milano imponendogli un obbligo di dimora. La montatura sta però crollando sotto il peso della stessa architettura maldestramente assemblata...

(1 Febbraio 2017)

I compagni e le compagne del C.S.A. Vittoria

NEMMENO VENTIQUATTR'ORE
IL SI COBAS ALLA GOGNA
MEDIATICA BORGHESE

Nemmeno ventiquattr’ore. Non hanno atteso nemmeno l’arco di una giornata – per aspettare che gli elementi a sostegno delle accuse si chiarissero, che la vicenda stessa nella sua interezza assumesse contorni più definiti – e avevano già inchiodato alla gogna mediatica il SI Cobas e il suo coordinatore nazionale, condannato in un baleno a mezzo stampa, reo di essersi...

(31 Gennaio 2017)

Prospettiva Marxista

UN'IGNOBILE CANEA MEDIATICA PER COLPIRE LE LOTTE DEL S.I. COBAS.

Col passare delle ore diviene sempre più evidente l'infondatezza del castello accusatorio ordito dalla Questura di Modena contro Aldo Milani e soprattutto l'infame disegno politico che si cela dietro questa vicenda, teso a screditare e "sporcare" tramite un bombardamento mediatico la lotta portata avanti dal SI Cobas a livello nazionale contro lo sfruttamento nei luoghi di lavoro. Il teorema...

(28 Gennaio 2017)

SI Cobas Nazionale

Giù le mani dalle lotte!
Solidarietà ai lavoratori del SiCobas!

Giovedì sera è stato arrestato Aldo Milani, dirigente del SiCobas, con l'accusa di aver intascato una mazzetta da una azienda, in cambio dell'interruzione della lotta. Quale che sia la dinamica dei fatti - che per quanto ci riguarda sarà chiarita dal sindacato e non certo dalla magistratura borghese, strumento del padronato contro le lotte operaie - quello che è certo...

(28 Gennaio 2017)

Pdac

Ieri sera la questura di Modena ha arrestato Aldo Milani

Nel tardo pomeriggio di ieri, 26 gennaio 2017, il nostro coordinatore nazionale Aldo Milani è stato prelevato dalla Polizia, arrestato e tradotto nel carcere di Modena e a tuttora il suo difensore non è stato messo in grado di contattarlo. È evidente che ci troviamo di fronte a una escalation repressiva senza precedenti: lo stato dei padroni, non essendo riuscito a fermare con...

(27 Gennaio 2017)

SI COBAS NAZIONALE

Né buoni né cattivi, ma manifestanti che lottano per un mondo migliore.

“ I Buoni e i cattivi “ è un album musicale del 1974 di Edoardo Bennato che ascoltavo da adolescente, mi ricordo soprattutto le canzoni “Un giorno credi” e “In fila per tre”. Leggendo in questi giorni giornali e articoli sui social e sentendo i Tg , in merito alla manifestazione antimilitarista di Capo Frasca ho sentito e letto un sacco di sciocchezze. Il...

(27 Novembre 2016)

Antonello Tiddia Attivista Antimilitarista

UN UOVO ROSSO DA 10.000 EURO? STORIA DI NORMALE REPRESSIONE

Non mettere in discussione l'esistente. E' questo quello che passa tutti i giorni dai media e dalle istituzioni. Non mettere in discussione niente altrimenti la pagherai. E questa normalità che puzza tanto di "ordine e disciplina" che rimanda al ventennio si applica con tutti e con tutte. A chi protesta davanti alle fabbriche contro lo sfruttamento, a chi denuncia l'abbattimento progressivo...

(9 Novembre 2016)

I compagne e le compagne del C.S.A. Vittoria di Milano

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | ...    >>

581477