il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mercenari di Berlusconi

Mercenari di Berlusconi

(28 Febbraio 2011) Enzo Apicella
Silvio Berlusconi difende la scuola cattolica contro quella pubblica che subirebbe l'influenza deleteria di ideologie che non rispettano la verità

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • L’iniquità dell’Irpef
    (18 Gennaio 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Verona: la concertazione ritrovata

    patto per la concertazione tra Assindustria Veronese e Cgil, Cisl e Uil

    (9 Marzo 2002)

    E 'stato firmato ieri a Verona un "patto per la concertazione " tra l'Assindustria Scaligera e Cgil, Cisl e Uil.

    Queste ultime settimane, nel veronese, come nel resto d'Italia, sono trascorse nel segno delle lotte operaie e degli scioperi, sia programmati che spontanei; a Verona è stata bloccata per ore l'attività produttiva anche negli stabilimenti più grandi come l'Aermec dello stesso presidente dell'Assindustria Scaligera, Alessandro Riello.

    Una situazione evidentemente giudicata incresciosa non solo dagli industriali, ma anche dai sindacati confederali, che hanno deciso di sedersi allo stesso tavolo e di rilanciare la necessità del dialogo con l'obiettivo della "modernizzazione" e della "competititivà" del sistema industriale.

    Questa la dichiarazione di Roberto Fasoli della Cgil riportata dai quotidiani:


    «Fare accordi che valorizzano le parti sociali in questo momento, in Italia, è un fatto sicuramente degno di nota.
    Quanto deciso a Verona è l'esempio che vi è la possibilità di arrivare a progetti su cui sindacati e industriali lavorano insieme per rendere più moderno e competitivo questo Paese.
    Con l'Assindustria Veronese abbiamo già deciso di ritrovarci per arrivare ad ulteriori accordi su progetti che riguardano i lavoratori extracomunitari, l'apprendistato, la formazione.
    E questo, sempre nel pieno rispetto delle leggi e dei contratti».


    Dichiarazioni sulla stessa lunghezza d'onda di quelle dell'industriale Riello:


    «Vogliamo ritornare ad un dialogo aperto perché solo così si possono risolvere i problemi che vengono a galla e riuscire a cogliere al meglio una possibile ripresa dell'economia».

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Notizie sullo stesso argomento

    Ultime notizie del dossier «Servi dei padroni»

    5568