il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Arabia inaudita

Arabia inaudita

(19 Giugno 2011) Enzo Apicella
Le donne dell'Arabia Saudita sfidano il divieto di guidare un auto

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Igiene ambientale: padroni e sindacati asserviti sferrano un nuovo attacco

Serve la risposta unita dei lavoratori e del sindacalismo conflittuale

(8 Gennaio 2021)

fronte unico bla bla bla n. 3

I sindacati di regime hanno dato una nuova dimostrazione di quanto siano disposti a inchinarsi agli interessi padronali in cambio del riconoscimento del monopolio della cosiddetta “rappresentanza”.

È accaduto nel settore dell'igiene ambientale.

Il 17 dicembre scorso Fp-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Fiadel hanno sottoscritto con le associazioni padronali (Utilitalia, Cisambiente, LegaCoop Produzione e Servizi, A.G.C.I. Servizi, Confcooperative, Fise Assoambiente) un accordo che rinvia le elezioni Rsu fino (non oltre) al giugno 2021 ma non proroga la validità delle Rsu vigenti, prevista scadere il 31 dicembre 2020 e affida ogni prerogativa sindacale in capo a queste, alle segreterie provinciali dei sindacati firmatari.

Non è poca cosa perché nell'arco di questi sei mesi avranno luogo due fatti molto importanti: la trattativa per il rinnovo del contratto nazionale dell'igiene ambientale e la fine – il 31 marzo – del blocco dei licenziamenti.

Oltre a ciò, è una questione d'ordine generale che viene messa in discussione: i rappresentanti sindacali eletti dai lavoratori in azienda vengono esautorati d'ogni prerogativa sindacale a vantaggio delle dirigenze provinciali dei sindacati di regime.

Se è vero che gli organismi sindacali aziendali – quali Rsu e Rsa – per loro natura tendono a stringere la visione dei lavoratori dei problemi sindacali entro l'orizzonte dell'azienda, soprattutto in mancanza di organismi territoriali – che i sindacati collaborazionisti si guardano bene di costituire –in cui riunire lavoratori e delegati al di sopra delle divisioni fra aziende e categorie;

se è vero che le Rsu, con l'accordo intersindacale denominato "Testo Unico sulla Rappresentanza" del gennaio 2014 hanno ulterirmente ridotto i margini di un loro possibile utilizzo proficuo da parte del sindacalismo conflittuale, stringendo il controllo su di esse da parte del sindacalismo collaborazionista;

è altrettanto vero che evidentemente tutto ciò non bastava a padroni e sindacati di comodo e che questo accordo del 17 dicembre scorso segna un ulteriore passo in avanti nella loro lotta contro il sindacalismo conflittuale e i lavoratori.

La firma del Testo Unico sulla Rappresentanza da parte della Confederazione Cobas e dell'Usb ha ulteriormente diviso il campo del sindacalismo conflittuale provocando una spaccatura apparentemente insanabile.

Al di sopra delle considerazione di merito, questo è secondo noi un grave errore: l'unità d'azione di tutto il sindacalismo conflittuale è una necessità improrogabile.

Accordi indecenti come quello del 17 dicembre dovrebbero offrire l'occasione a tutti i sindacati di base di mettere in campo una reazione comune, coinvolgendo anche le opposizioni di classe in Cgil.

Ci auguriamo e ci batteremo affinché ciò accada nei prossimi rinnovi contrattuali nazionali e nelle battaglie contro i licenziamenti che si moltiplicheranno all'indomani del 31 marzo.


8 gennaio 2021

Coordinamento Lavoratori/Lavoratrici Autoconvocati per l'Unità della Classe

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Servi dei padroni»

2428