il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

L'Italia tripudia la guerra

L'Italia tripudia la guerra

(5 Novembre 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Boicottare Israele per aiutare concretamente la resistenza palestinese

Gaza-Palestina: continuano i crimini del sionismo imperialista contro il popolo palestinese. Israele si accinge a rioccupare la striscia di Gaza militarmente.

(6 Maggio 2008)

Organizzare con metodo il boicottaggio dei preparativi e gli sponsor della Fiera del libro che si terrà a maggio a Torino. Il comitato della Fiera del Libro vuole rendere omaggio a Israele nel 60° della sua nascita invitandolo come ospite d’onore, nonostante si fosse impegnato precedentemente con l’Egitto e ignorando ipocritamente che questo anniversario rappresenta la catastrofe per il popolo palestinese, la Nakba.

Boicottare permanentemente ed attivamente tutte le attività economiche, culturali e politiche del governo israeliano.
Boicottare attivamente le aziende, gli enti italiani ed europei e le multinazionali che mantengono e sviluppano rapporti economici con lo stato sionista.

Israele è uno stato imperialista che occupa arbitrariamente, con la protezione degli USA e della UE, il territorio palestinese.

Nell’ultima settimana a Gaza, a seguito degli attacchi militari israeliani, vi sono stati più di 100 morti, di cui più del 70% costituito da civili, fra i quali decine di bambini.
L’invasione da parte dell’esercito israeliano della striscia di Gaza costituisce l’ennesimo criminale attacco al popolo e al territorio palestinese. Questa operazione tende ad annientare la resistenza, il legittimo governo eletto dopo libere elezioni e le sue giuste rivendicazioni di indipendenza.
La violenza praticata dagli Israeliani anche sui civili ricordano la violenza e la barbarie del nazismo di cui peraltro gli ebrei furono vittime. Il governo israeliano, con la complicità oggettiva di Abu Mazen, vuole risolvere definitivamente la “questione palestinese”, annientando Hamas e le sue milizie. Il tutto con il pretesto che il governo di Hamas a Gaza metterebbe in pericolo l’integrità dello stato di Israele attraverso il lancio di razzi su alcune colonie israeliane.
Israele giustifica tutte le sue violenze, i suoi arbitri e i bombardamenti contro i civili come guerra al terrorismo, coadiuvato in questo dai mass media internazionali e dai governi di ogni colore politico.
Vergognose sono nel nostro paese le modalità con cui vengono date le notizie provenienti da Gaza e dai territori occupati. Gli aggrediti (i palestinesi) diventano gli aggressori; mentre gli Israeliani sono trasformati in vittime. I 21 bambini palestinesi uccisi in meno di una settimana non fanno notizia, mentre 4 morti in tre anni nelle colonie israeliane di confine diventano odiosi episodi di terrorismo.
In realtà il governo israeliano, gli USA, assieme all’UE come complice attiva, vorrebbero risolvere la questione palestinese tramite la costituzione di una “entità” priva di autonomia destinando ad essa una piccolissima area senza continuità territoriale.
Tutto ciò non avrebbe niente a che vedere con uno stato indipendente, ma molto con l’apartheid del Sud Africa prima di Mandela.
Vorrebbero costituire delle specie di bantustan, vale a dire riserve all’interno dello stato di Israele prive di qualsiasi autonomia statuale, tanti lager sotto la tutela israeliana, coordinati magari da un governo fantoccio presieduto da Abu Mazen.
Questo progetto e questo obiettivo passano necessariamente attraverso la sconfitta e l’annientamento di Hamas e delle sue milizie, del suo legittimo governo e di tutta la resistenza armata comprese quelle formazioni che ancora sono nell’orbita di Abu Mazen.
Una “normalizzazione” che non è nient’altro che una operazione di pulizia etnica. Il governo israeliano sta cercando con ogni mezzo di creare condizioni di vita talmente insopportabili per i palestinesi da costringerli ad abbandonare la loro terra. Il vero scopo di Israele e del suo alleato USA è la dearabizzazione della Palestina. Il popolo palestinese è coraggioso, ma quanto ancora potrà resistere dopo 60 anni di umiliazioni, sconfitte, tradimenti, morti e distruzione? Il diritto internazionale e umanitario è dalla sua parte eppure viene trattato sempre come un popolo di serie B che non merita l’appoggio della comunità internazionale.
La vera questione morale è la situazione in cui versa il popolo palestinese da 60 anni, che è compito di tutti noi risolvere. on con il “politicismo”, non con le posizioni “equidistanti”, non con l’ipocrita senso di sconfitta se le iniziative intraprese non hanno successo immediato, ma con la determinazione e la forza che vengono dalla consapevolezza che la salvezza di questo popolo passa attraverso gli atti di resistenza di tutti noi.
Possiamo impedire che l’Italia abbia accordi commerciali con Israele? A breve termine certo no, ma si possono creare le condizioni perché questo avvenga in tempi ravvicinati, ad esempio iniziando a compiere magari degli atti tipo quelli di non comprare certi prodotti o di non frequentare luoghi in cui sono venduti i prodotti israeliani. Se guardiamo alla storia passata chi di noi avrebbe mai pensato trent’anni fa che Mandela sarebbe diventato presidente del Sudafrica?
Ebbene incominciamo a diffondere capillarmente l’informazione che l’Italia è tra i 5 maggiori partner commerciali europei di Israele; è uno dei più importanti mercati europei per le esportazioni israeliane con l’11% pari ai Paesi Bassi, segue solo la Francia con il 10% ed è superata dalla Germania con il 21% e il Regno Unito con il 18%; che le esportazioni italiane in Israele hanno raggiunto nuovi primati proprio nello scorso anno e che anche le esportazioni israeliane verso l’Italia stanno crescendo; che Israele è uno dei più importanti esportatori mondiali di attrezzature militari con il 10% nel 2007; che Israele importa dall’Italia il 4,8% delle sue importazioni totali che comprendono attrezzature militari, beni di investimento, diamanti grezzi, combustibili, beni di consumo.
Aggiungiamo che l’Italia è l’unico paese europeo in cui non vi è stata una manifestazione di piazza contro l’assedio di Gaza coordinata insieme alle altri capitali europee e che l’Italia è il paese europeo in cui la campagna di boicottaggio contro Israele si è improvvisamente arrestata, diversamente da altri paesi in Europa in cui negli ultimi tre anni si è invece consolidata.

ECCO PERCHE’ di fronte a questo quadro drammatico si impongono scelte chiare anche per chi nel nostro paese intende contribuire concretamente al sostegno della resistenza e della causa palestinese.
Quindi rinunciare o attenuare l’organizzazione del boicottaggio alla Fiera del Libro di Torino significherebbe, tra l’altro:
- subire il ricatto dei sionisti e della sinistra moderata che fanno di tutto per manipolare la realtà, mettendo sullo stesso piano il razzismo antisemita con una coerente lotta contro il sionismo e la sua politica di aggressione e di occupazione;
- avallare la confusione di chi mette sullo stesso piano la lotta e l’impegno militante contro il governo israeliano ed il suo esercito con una politica razzista contro la religione ebraica. Con la decisione di boicottare la Fiera del Libro a Torino non si mette in discussione il diritto a praticare liberamente una religione, l’ebraica in questo caso, ma si contrasta la decennale politica di occupazione da parte di Israele di un territorio non suo e si combatte il disprezzo con cui i governi israeliani hanno sempre ignorato le risoluzioni dell’ONU contro la sua politica di espansione imperialista, di annessione e di negazione di qualsiasi diritto statuale dei palestinesi. Far celebrare ad Israele i 60 anni della sua nascita avallerebbe anche la strategia dello “stato di fatto” perpetrata da sempre dai suoi governi. Nel 1948 non è nato lo stato di Israele, Israele si è autoproclamato stato e non ha mai soddisfatto la condizione imposta dall’ONU, con la risoluzione 194, per rendere legittima la sua costituzione, cioè quella di consentire il ritorno dei profughi palestinesi.

Usciamo dall’ambiguità e diciamo basta al ricatto morale dell’olocausto!
Lo diciamo con la serenità di chi lotta da sempre con coerenza e determinazione contro i rigurgiti fascisti e nazisti: non abbiamo paura delle critiche scontate di una certa parte corrotta della società israeliana e di alcuni rappresentanti della comunità ebraica italiana. Non è più tollerabile il silenzio e la compiacenza verso i crimini israeliani.

E’ ORA DI DIRE BASTA!
In ogni città ci si mobiliti in ogni modo e con ogni mezzo per denunciare e far fermare i crimini israeliani a Gaza e in tutta la Palestina

A FIANCO DELLA RESISTENZA PALESTINESE
ROMPIAMO L’ASSEDIO DI GAZA
ABBATTIAMO IL MURO DELL’APARTHEID
PALESTINA LIBERA!


Milano, 2 maggio 2008

L’altra Lombardia – SU LA TESTA

7755