il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

63 anni di marionette

63 anni di marionette

(24 Maggio 2011) Enzo Apicella
Obama: "Israele deve tornare ai confini del '67, anzi... non intendevo dire questo!"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • PICCOLA RUMINAZIONE IN LODE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI CHE IN QUESTI GIORNI...
    (UN DISCORSO FATTO A VITERBO NELL'ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI ALFIO PANNEGA)
    (21 Settembre 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Imperialismo e guerra)

    G8 esteri: a Trieste si pianifica il genocidio

    Volantino diffuso a Trieste in occasione del G8 esteri

    (27 Giugno 2009)

    In questi giorni nella nostra città le principali potenze a livello mondiale e alcuni governi ad esse succubi si riuniscono in un vertice volto a portare avanti le loro logiche di dominio e di spartizione del potere a prezzo del sangue versato dai popoli oppressi.

    Infatti, le illusioni su un presunto nuovo corso dell’era Obama sono state tragicamente smentite dal rinnovato slancio bellicista dell’imperialismo americano, soprattutto in Afghanistan e Pakistan. Vere e proprie guerre neocoloniali, alle quali il governo italiano sta dando un contributo determinante, anche con l’aumento del contingente d’occupazione.

    Ciò conferma che non esiste un esiste un imperialismo dal volto umano e che le missioni militari sono finalizzate unicamente ad affermare lo sfruttamento economico e il controllo geopolitico di intere aree del pianeta.

    L’ideologia della “lotta al terrorismo” è volta così a giustificare veri e propri genocidi: si pensi alle quotidiane stragi dei bombardamenti della Nato in Afghanistan, agli oltre due milioni di profughi nel Pakistan settentrionale a causa delle mattanze provocate dai droni americani e dall’avanzata dell’esercito di Islamabad, al vero e proprio olocausto del popolo iracheno (un milione e 500 mila morti circa dall’inizio dell’aggressione, altrettanti morti negli anni di embargo)…

    Difronte a questo quadro la Resistenza nei paesi occupati, in forma di guerriglia e di mobilitazione popolare, rappresenta una reazione fisiologica delle masse alle ingiustizie e alle barbarie del colonialismo.

    È necessario perciò sviluppare un movimento di solidarietà ai popoli che resistono, innanzitutto rafforzando la lotta di classe sul fronte interno contro il comune nemico: i governi dei padroni, della guerra e dello sfruttamento.

    Ritiro delle truppe italiane da tutti i fronti di guerra!
    L’unico vero terrorista è l’imperialismo!
    Dalla Palestina all’Afghanistan, viva la lotta di liberazione!


    25/6/2009 Trieste

    Gruppo Primo Maggio 1945 - Trieste

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «No G8»

    Ultime notizie dell'autore «Gruppo Primo Maggio 1945 - Trieste»

    6904