il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

ITALIAni BRUCIAno

ITALIAni BRUCIAno

(21 Agosto 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

  • 18 Ottobre 2019 - Mestre (VE)
    Contro lo sfruttamento del lavoro e della natura, contro repressione e militarismo, per un fronte di lotta anti-capitalista

SITI WEB
(Lavoratori di troppo)

Padova: Firema - OMS “Rifiutiamo le scelte della proprietà. Padova non deve chiudere”

Comunicato Fim, Fiom, Uilm

(19 Settembre 2003)

Venerdì 19 settembre i lavoratori della Firema di Padova terranno un’assemblea aperta in fabbrica con la presenza delle Rsu dei diversi stabilimenti del gruppo, di parlamentari, di rappresentanti di istituzioni ed Enti locali per decidere le iniziative di mobilitazione e di lotta a difesa dello stabilimento stesso.

E’ questa la prima iniziativa assunta dai sindacati dei metalmeccanici Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil dopo l’invio da parte dell’attuale proprietà del gruppo di 260 lettere di messa in mobilità per altrettanti lavoratori. Di questi, 15 sono dipendenti dello stabilimento di Milano e 243 di quello di Padova. Questo atto unilaterale compiuto dalla proprietà significa, in pratica, la chiusura per lo stabilimento delle ex Officine Stanga, una delle fabbriche più note e importanti del padovano.

In una loro nota, Fim, Fiom, Uilm affermano che il “gesto unilaterale” compiuto da Firema, mentre il tavolo di trattativa presso la Presidenza del Consiglio è ancora aperto, è “ingiustificabile”. Secondo i sindacati, infatti, la proprietà ha confermato “il rifiuto della commessa” relativa al revamping, ovvero alla ristrutturazione, di 900 carrozze ferroviarie mentre “contemporaneamente, licenzia le lavoratrici e i lavoratori di Padova e di Milano”.

I sindacati rilevano, inoltre, che la quota di Finmeccanica nella proprietà Firema è scesa al 19% rispetto al precedente 49%. “La situazione dimostra – affermano Fim, Fiom e Uilm – che avevamo ragione nell’opporci all’uscita di Finmeccanica da Firema prima che la situazione industriale fosse sicura per tutti gli stabilimenti.”

“Le organizzazioni sindacali e il coordinamento Firema – prosegue la nota – nel rifiutare le scelte dell’azienda, intendono mettere innanzitutto al centro della loro iniziativa il salvataggio dello stabilimento Firema di Padova. Il futuro del gruppo andrà affrontato con un piano di rilancio vero che preveda impegni concreti da parte della nuova società.”

Il gruppo Firema, attivo nel campo della produzione e ristrutturazione del materiale rotabile per le ferrovie, si articola attualmente su sei fra sedi e stabilimenti: Milano, Padova, Spello (Perugia), Roma, Caserta e Tito (Potenza). In totale gli addetti sono quasi mille.

Roma,17 settembre 2003

Uffici stampa Fim, Fiom, Uilm

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Lavoratori di troppo»

Ultime notizie dell'autore «Le Segreterie nazionali Fim, Fiom, Uilm»

9522