il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio compagne

Addio compagne

(23 Febbraio 2010) Enzo Apicella
Il logo della campagna di tesseramento del prc 2010 è una scarpa col tacco a spillo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Bersani nuovo ulivo- Ferrero "vengo anch'io..."

(8 Settembre 2010)

Ferrero: “Vengo anch’io..”

Repubblica (26 agosto) come al solito detta la linea:

"Nuovo Ulivo contro il premier"
Molti sì alla proposta di Bersani
Un 'sì' convinto arriva anche da Rifondazione comunista: "Condivido in pieno - dice in una nota il segretario del Prc/Federazione della Sinistra, Paolo Ferrero - la proposta di Bersani di dar vita ad una alleanza democratica per sconfiggere Berlusconi. Non si tratta solo di cacciare un governo mefitico, ma di ricostruire - afferma Ferrero - il quadro democratico del Paese. Questa alleanza deve porsi l'obiettivo di uscire definitivamente da questa sciagurata seconda repubblica e cementarsi attorno alla difesa e al rilancio della Costituzione, al varo di una legge elettorale proporzionale, alla giustizia sociale. Si tratta dell'unica strada per sconfiggere una destra populista antioperaia e pericolosa per la democrazia".

Nell’intervista al Manifesto del 29 Agosto lo stesso Ferrero afferma: per una nuova legge elettorale proporzionale e uscire dal bipolarismo sono disposto ad allearmi anche con il diavolo”.
Poi alla domanda dell’intervistatore: “Ma il leader del Pd ribadisce la scelta del bipolarismo e la preferenza per l’uninominale. Non il proporzionale: vuole il ritorno al Mattarellum.
Ferrrero risponde: Da questo punto di vista il Mattarellum (uninominale) è un passo avanti (!) . Poi il grado di compromesso si vedrà . Ma si va nella direzione giusta….


Commento:
Si ripete l’ennesimo “vengo anch’io” a tutti i costi.
Eterni fiancheggiatori dell’asse Pd - Cgil proni a tutto…..
Oggi arrivano a teorizzare come novità le alleanze a cerchi concentrici, ovvero ancora l’Ulivo con i soliti satelliti (o cespugli…).
Incorreggibili..
Per dirla con Dante Alighieri “non ragioniam di lor, ma guarda e passa.”

E’ vero che la sinistra rivoluzionaria non dispone in questa fase di forze autosufficienti per ricostruire nel breve periodo un vero partito comunista rivoluzionario, ma oggi siamo circondati di macerie e di edifici pericolanti che vanno abbattuti senza esitare o ci crolleranno in testa, al massimo si può recuperare qualche mattone riciclabile.
Senza rimuovere gli ostacoli politici, sindacali ed ideologici non si potrà costruire nulla di nuovo,
questo è il lavoro faticoso che va fatto, da subito, a chi non vuol vedere resta una sola possibilità aprire gli occhi o essere travolto.
La via è quella di un nuovo sindacalismo metropolitano alternativo alla Cgil, e quella della costruzione di un partito comunista di quadri con punti di forza mirati su aree metropolitane ad alta conflittualità sociale, solo con questo percorso una tattica di unità d’azione si può impostare in modo in modo non subalterno.

Giancarlo Staffolani (coll. comunista B. Brecht v. o)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Dove va Rifondazione Comunista?»

Ultime notizie dell'autore «Giancarlo Staffolani»

6779