il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Déjà vu

Déjà vu

(13 Ottobre 2011) Enzo Apicella
La Casa Bianca accusa l’Iran di progettare un attentato contro l’ambasciatore dell’Arabia Saudita a Washington

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

8 novembre: Stop the wall, stop the war

Vita, terra, libertà per il popolo palestinese e tutti i popoli del medioriente

(19 Ottobre 2003)

Il 9 novembre del 1989 cadeva il muro di Berlino. Nel novembre del 2003 un altro muro sta sorgendo in Palestina, nei territori occupati nel 1967, ad opera del governo israeliano di Ariel Sharon. Il muro dell'apartheid si prospetta come il più grande furto di terre dal 1967 in poi tanto che, una volta completato, avrà una lunghezza di 650 chilometri e permetterà ad Israele di controllare definitivamente più della metà della Cisgiordania rendendo così impossibile qualsiasi soluzione negoziata del conflitto israelo-palestinese.

Questa costruzione - chiamata con eufemismo «barriera di sicurezza»- non segue infatti il confine tra Israele e la Cisgiordania occupata ma penetra all'interno della West Bank per oltre 20 chilometri connettendo tra di loro e con Israele la stragrande maggioranza delle colonie ebraiche (illegali per la Convenzione di Ginevra e la comunità internazionale) che sarebbero così annesse definitivamente allo stato ebraico con una buona metà delle terre palestinesi della Cisgiordania, e con la gran parte delle fonti idriche della regione. Un altro muro è previsto nella valle del Giordano, scorrendo a 20-30 chilometri all'interno della Cisgiordania occupata, con l'obiettivo di tagliare fuori i palestinesi da terre fertili, risorse idriche e da ogni sbocco verso la Giordania. In tal modo, con questo secondo muro, verranno definitivamente annesse ad Israele sia la valle del Giordano che il «deserto della Giudea».

La vita dentro il muro, in particolare nel nord-ovest della Cisgiordania sarà impossibile: il popolo palestinese, imprigionato dentro vere e proprie "riserve" circondati da muri e con una sola porta di entrata e di uscita per ogni città e villaggio perderà la possibilità di coltivare le sue terre rimaste al di fuori del muro, le risorse d'acqua e quindi i suoi mezzi di sostentamento oltre alla possibilità di recarsi a scuola o negli ospedali del centri maggiori. I primi 150 chilometri del muro sono già completi oltre il 10% dei palestinesi della Cisgiordania, in particolare quelli delle comunità più vicine al confine con Israele, Qalqiliya, Tulkarem etc, sono già imprigionati dentro il muro come avveniva nei ghetti ebraici delle nostre città nei tempi più bui della storia europea.

Secondo l'organismo israeliano per i diritti umani Betzelem circa 80.000 palestinesi perderanno ogni forma di sostentamento dal momento che le loro terre sono rimaste al di là del muro. Questi terreni nella parte nord-occidentale della West Bank (Jenin, Tulkarem, Khaliliya) costituiscono il 40% delle terre coltivabili della Cisgiordania e sono tra le più produttive con una resa doppia rispetto a quelle delle altre regioni.

In questa zona, già investita dal muro, ci sono inoltre i 2/3 delle sorgenti della West Bank e ben 28 pozzi si trovano ormai al di là della muraglia, verso Israele.

Ancora più tragica la sorte di quei palestinesi, circa 30.000, che abitano 13 villaggi che si sono trovati ad ovest del muro tra il confine con Israele e la grande muraglia, impossibilitati ad andare nello stato ebraico, impossibilitati a recarsi nel resto della Cisgiordania e persino nelle città più vicine alle quali facevano riferimento per gran parte delle loro esigenze lavorative, di studio, familiari e per accedere ad ogni servizio di base. Impossibilitati a raggiungere i campi da cui traggono il loro sostentamento.

La costruzione di alcune «porte» di passaggio, dal momento che la loro apertura è decisa dall'umore dei soldati israeliani, si è rivelata una tragica beffa. In tal modo non solo verrà annesso ad Israele circa il 60% della Cisgiordania ma, rendendo loro la vita impossibile, privandoli dei loro mezzi di sussistenza e di ogni prospettiva di studio, di lavoro e di movimento verrà realizzata una vera e propria pulizia etnica ai danni di un numero di palestinesi compreso tra i 90.000 e i 200.000.

Una volta che il muro sarà stato costruito i palestinesi saranno rinchiusi in tre grandi «riserve» (una sorta di salsiccia da Jenin a Ramallah, un'altra da Betlemme a Hebron e una terza attorno a Gerico) separate le une dalle altre, e da ogni sbocco esterno, su una superficie pari all'incirca al 40% della Cisgiordania (il 9% della Palestina mandataria).

In tal modo emerge chiaramente come l?obiettivo del muro sia non certo la «sicurezza» di Israele, raggiungibile solamente con una giusta pace tra i due popoli, ma l'annessione allo stato ebraico della "maggior parte delle terre con il minimo di arabi" che invece verranno concentrati all'interno delle città e dei villaggi privi ormai di ogni retroterra.

Uno stato palestinese libero e indipendente diventerà quindi impossibile dal momento che le condizioni minime perché possa costituirsi sono: il ritiro di Israele, colonie, coloni e soldati, alle frontiere del 1967, una continuità territoriale all'interno dell'entità palestinese e un suo sbocco verso l'esterno, la Giordania e l'Egitto, oltre naturalmente al riconoscimento del diritto al ritorno dei profughi - la cui attuazione andrà poi negoziata. Eppure di fronte a questo vero e proprio tentativo di distruzione dell'esistenza del popolo palestinese come una legittima entità sociale, politica ed economica attraverso la distruzione della sfera pubblica e privata degli abitanti della West Bank e di Gaza, le reazioni internazionali e nazionali sono praticamente inesistenti.

Per questa ragione un vasto arco di forze politiche e sociali del nostro paese, raccogliendo l'invito proveniente dalla Palestina per una mobilitazione internazionale, ha proposto una manifestazione nazionale a Roma il prossimo otto novembre contro il muro dell'apartheid, contro l'occupazione israeliana della West Bank e di Gaza e a sostegno del diritto inalienabile del popolo palestinese alla vita, alla terra, alla libertà.

Una manifestazione dall'alto profilo che chieda al governo, all'opposizione, all'opinione pubblica, alle forze politiche e sindacali, alle singole persone impegnate per il raggiungimento di una pace giusta in Medioriente di pronunciarsi chiaramente contro il muro della vergogna e l'occupazione israeliana e di adottare concrete misure di pressione su Israele - come il congelamento, sulla base della clausola sui diritti umani, del trattato di associazione di Tel Aviv all'Unione Europea.

Una mobilitazione, il più vasta possibile, punto di arrivo ma anche punto di partenza perché l'Italia dica No al muro della vergogna, No all'occupazione, No alla prigionia del legittimo presidente palestinese Yasser Arafat, di Marwan Barghouti e di tutti i prigionieri politici palestinesi nelle carceri israeliane e in quella di Gerico.

Un No che, nel solco delle grandi mobilitazioni per la pace dello scorso anno, rifiuti la teoria e la pratica della «guerra preventiva» e la follia della «guerra permanente» di Bush e Sharon contro gli stati e i popoli del Medioriente - dall'Iraq, alla Siria, al Libano, all'Iran - e la partecipazione italiana a tali avventure coloniali tese a disgregare, «balcanizzare» e dominare la regione mediorientale.

Una manifestazione che invece chieda una soluzione negoziata del conflitto israelo-palestinese, che riaffermi la necessità del rispetto della Convenzione di Ginevra sulla protezione delle popolazioni dei territori occupati (in Palestina come in Iraq), del rispetto e dell?attuazione delle risoluzioni dell'Onu sulla questione palestinese -181 (divisione della Palestina in due stati), 242 (ritiro da tutti i territori occupati), 194 (diritto al ritorno dei profughi palestinesi) - e dei diritti umani e nazionali del popolo palestinese e di tutti i popoli del Medioriente.

No al muro dell'apartheid in Palestina
No all'occupazione israeliana della West Bank, di Gaza e delle alture del Golan
No alla guerra permanente di Bush e Sharon contro gli stati e i popoli del Medioriente
No alla partecipazione italiana all'occupazione Usa dell'Iraq

Si al ritiro israeliano alle frontiere del 1967 e alla nascita dello stato palestinese
Si al rispetto delle risoluzioni dell?Onu e della Convenzione di Ginevra
Si alla liberazione di Yasser Arafat, Marwan Barghouti e di tutti i prigionieri politici palestinesi
Si ad un Medioriente di pace senza armi di distruzione di massa
Si al ritiro del contingente italiano dall'Iraq

DOMENICA 26 OTTOBRE, ALLE 10.00, RIUNIONE NAZIONALE A ROMA PER PREPARARE LA MANIFESTAZIONE, IN VIA GIOLITTI 231 (a fianco della Stazione Termini).

PER ADERIRE ALLA MANIFESTAZIONE: stopthewall@tiscali.it

FORUM PALESTINA; Comitato per non dimenticare Sabra e Chatila; Comitato di Solidarietà con l'Intifada; Comunità Palestinese di Roma e del Lazio; Associazione Amici della Mezzaluna Rossa Palestinese in Italia; Mauro BULGARELLI (Deputato dei Verdi); Maurizio MUSOLINO (giornalista de La Rinascita - PdCI); Letizia MANCUSI (CPN del PRC); Bruno STERI (Dip. Esteri del PRC); Partito dei Comunisti Italiani; Confederazione COBAS; Associazione SOCIALISMO 2000; Alberto BURGIO (Dip.to Giustizia PRC); Vauro SENESI (giornalista del Manifesto); Luciano PETTINARI (Deputato DS); Joseph HALEVI (Docente Università di Sidney); Associazione Al Awda - Emergenza Palestina; Comitato contro la guerra Roma sud; CUB Scuola - Federazione romana; Associazione JENIN (Roma); Adriana SPERA (Consigliera comunale PRC - Roma); Giovanni BARBAGLI, Capogruppo PRC in Cons° Region. Toscano; Claudio BICCHIELLI, Segreteria region. toscana PRC, Capogruppo PRC in Comune di Empoli; Alessandro LEONI, CPN del PRC, Segreteria federale fiorentina PRC; Tiberio TANZINI, Presidente Consiglio Comunale di Empoli; Mauro LENZI, consigliere provinciale PRC Siena; Stefano CRISTIANO, Assessore comunale a Pistoia, CPN del PRC; Roberto CAPPELLINI, Segretario federazione PRC di Pistoia; Marta BILLO, capogruppo PRC in Consiglio comunale Sesto Fiorentino ( Fi. ); Sergio BOVICELLI, assessore PRC in Provincia di Grosseto; Luciano GIANNONI, capogruppo PRC in Consiglio provinciale di Livorno; Letizia LINDI, Coordinamento nazionale Giovani Comunisti; Rosalia BILLERO, capogruppo PRC in Consiglio comunale di Pistoia; Ugo BAZZANI, Collegio di Garanzia federaz. PRC di Pistoia; Maurizio BROTINI, Direttivo CGIL di Empoli; Adriana MINIATI, Direttivo CdL°m di Firenze CGIL; Luca ROVAI, assessore PRC al comune di Montelupo Fiorentino; Federazione delle RAPPRESENTANZE DI BASE; i VERDI; ASSOCIAZIONE PROGETTO COMUNISTA (Sinistra del PRC); Gualtiero ALUNNI (Assessore PRC Municipio 8 - Roma); Associazione Sardegna - Palestina; Gruppo Palestina del Forum Sociale di Modena; Comunità Palestinese Toscana; Circolo ARCI Agorà (Pisa); Fulvio GRIMALDI (giornalista); I Verdi di Ravenna; Associazione I Fenicotteri (Viareggio); la redazione di Tombo (Viareggio); Veneto controguerra (ANSWER Italia); Associazione BKP (Roma); Circolo Italia - Cuba Valle del Tevere; Associazione "La goccia e la pietra" di Fara Sabina (Rieti); Associazione Italia - Nicaragua; 100 idee per la pace (Siena); Democrazia Popolare; Sandro CANGEMI (giornalista - Torino); Nora GUERALLA (poetessa - Villafranca, TO); la redazione di Nuova Unità; Angelo MARZOLLO (docente Università di Udine e consulente UNESCO); CSA Asilo Politico (Salerno); Unione Generale Ingegneri e Architetti Palestinesi - sezione Italia; Collettivo Aula C Scienze Politiche (Bologna); Michela CHIMETTO (Segreteria DS di Vicenza); Collettivo di Lingue e Filosofia della Sapienza (Roma); Network per i Diritti Globali (Barletta); Coordinamento di lotta per la Palestina (Milano); Franco FUSELLI (PRC Genova); Marina CRISCUOLI - Comunità di S. Benedetto al Porto (Genova); Collettivo di Scienze Università La Sapienza (Roma); Ramon PARRAL (poeta); Servizio Civile Internazionale; Centro di Solidarietà Internazionalista Alta Maremma; Circolo Pink (Verona); Mirella CANINI VENTURINI (Cons. Com. Verdi Alternativi S. Arcangelo di Romagna - RN); Serena ANTONELLI (Roma); Comitato Antimperialista Antifascista (Prato); Comitato "Spartaco Lavagnini" (Firenze); Ass. Progetto Comunista - Collettivo di Rieti; Filippo BIANCHETTI (Varese); Andrea GENOVALI - associazione PUNTO CRITICO; Giorgio STERN - Salaam Ragazzi dell'Ulivo (Trieste) - Unione Comunale dei DS (Vicenza); Associazione Benefica di Solidarietà con il Popolo Palestinese (ABSPP); CSA Vittoria (Milano); CSOA Ex carcere (Palermo); Coordinamento Palestina (Palermo); Mario GALASSO (Progetto Città - Cantiere sociale); Franco FERIOLI - Chango ONLUS (Ferrara); Circolo PRC "A. Tognetti" (Pisa); Osservatorio Permanente sulle Carceri; Paola FERRONI - Aiutiamo la Jugoslavia

3635