il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Ecce Italia

Ecce Italia

(15 Novembre 2010) Enzo Apicella
Continua la protesta degli immigrati bresciani sulla gru contro la sanatoria truffa

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(L'unico straniero è il capitalismo)

14 ottobre giornata nazionale per i diritti degli immigrati proteste al ministero degli interni e alle prefetture

(8 Ottobre 2010)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.cobas.it

08/10/2010 17:28

14 ottobre a ROMA, ore 17 corteo da p.za Vittorio/ angolo “Sherkhan”

ore 18 in poi presidio in p.za Esquilino

15 ottobre a ROMA, ore 17 p.za Esquilino, Assemblea Generale sull’Immigrazione

Il 14 ottobre in tutta Italia avrà luogo una giornata a sostegno dei diritti degli immigrati.

Nella crisi , si stanno accentuando i fenomeni xenofobi e razzisti nei paesi europei, che a 60 anni dai crimini commessi nelle guerre mondiali, pensavano di essere immuni da questa peste.

Addirittura è la Commissaria Europea ai Diritti Umani che accusa e denuncia i governi Sarkosy e Berlusconi, responsabili il primo della deportazione dei Rom, il secondo dei famigerati accordi sui respingimenti nei lager libici.

Dopo la rivolta di Rosarno , che ha smascherato il ruolo delle cosche nel mantenere in regime di schiavitù il bracciantato migrante , le cose non son cambiate : per i migranti la paga al nero è sempre sui 20 Euro , costretti a sopravvivere in condizioni bestiali, lucrando le istituzioni sulla loro pelle anche con i miseri “ villaggi dell’accoglienza”.

Il leghista Ministro degli Interni Maroni non perde occasione per vantarsi : delle migliaia di espulsioni , della distruzione di campi Rom, del disconoscimento della cittadinanza per i nati-cresciuti in Italia,della negazione del permesso di soggiorno e del diritto di asilo, dell’apertura di nuovi CIE.

Il 14 ottobre , nei confronti del Ministero degli Interni e delle Prefetture scatterà la protesta antirazzista per rivendicare i diritti negati, quali :

la proroga del permesso di soggiorno per chi ha perso il lavoro per la crisi e rischia l’espulsione a causa della “ legge Bossi-Fini”;

il permesso di soggiorno, per chi ha fatto richiesta di regolarizzazione nella “ sanatoria 2009”

l’applicazione della Direttiva UE , che garantisce il permesso di soggiorno a coloro che denunciano la prestazione del lavoro in nero e/o in condizioni di “ schiavitù”;

la garanzia dei Diritti di Asilo e Umanitario , previsti dalla Convenzione di Ginevra sui Rifugiati e dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo ; l’annullamento dei respingimenti in mare e degli accordi bilaterali di espulsione ( vedi Italia-Libia);

la chiusura dei CIE , la condanna del regime di internamento, le tutele per i reclusi .

La Confederazione Cobas fa propri questi obiettivi impegnandosi a sostenerli in ogni sede.

Allo stesso tempo , promuove le azioni di lotta – tra cui lo sciopero nella scuola del 15 ottobre – atte a contribuire al riconoscimento dei diritti di cittadinanza per quanti vivono in Italia e UE .

Roma 6 ottobre 2010

CONFEDERAZIONE COBAS

-

Confederazione Cobas

3240