il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Spagna. La caccia agli immigrati in un videogioco

(18 Novembre 2010)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.dirittidistorti.it

Scritto da Alessandra Valentini
Giovedì 18 Novembre 2010 12:30
Si guadagnano punti distruggendo personaggi e icone. La protagonista del videogioco è Alicia Croft, alias la candidata dei popolari nelle elezioni per il rinnovo del Parlamento della regione autonoma di Barcellona, la Generalitat de Catalunya, Alicia Sanchez-Camacho, che spara a tutto quello che si muove per "portare fuori" la Catalogna dalla crisi. Tra i bersagli di Rescate, questo il nome del gioco, finiscono anche immigrati "illegali", indipendentisti catalani e immagini della cultura catalana e spagnola, come la barretina (cappello tipico della Catalogna), la butifarra (salsiccia) e la paella (piatto a base di riso). Poche ore dopo il lancio su internet, la pagina è andata in tilt per le migliaia di contatti. Tuttavia, i Popolari hanno deciso di rimuoverla, sottolineando che il gioco non era stato realizzato secondo le indicazioni date dal partito, che aveva chiesto di rappresentare le “mafie illegali" e non gli immigrati. "L'idea di 'distruggere' gli immigrati irregolari non è nuova", scrive il quotidiano El Pais, ricordando che nel 2009 la Lega Nord pubblicò sulla sua pagina Facebook un gioco in cui si accumulavano punti affondando le imbarcazioni cariche di migranti che si avvicinavano alle coste italiane. Insomma gli insegnamenti leghisti varcano le frontiere.

18-11-10

DirittiDistorti

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La tolleranza zero»

Ultime notizie dell'autore «DirittiDistorti»

4072