il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Moody's vivendi

Moody's vivendi

(18 Maggio 2010) Enzo Apicella
Dopo la guerra finanziaria guidata dall'agenzia di rating Moody's, in Grecia ha inizio il massacro di salari e pensioni

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Lotta in termini di conflitto di classe

(22 Settembre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in it.kke.gr

11/09/2011

Sabato 10 settembre c'e stata la piu grande manifestazione degli ultimi anni di Salonicco per opera del PAME, del Movimento dei lavoratori autonomi e i piccoli commercianti contro i monopoli (PASEVE), del Movimento dei contadini (PASY), del Fronte militante studentesco (MAS) e della Federazione delle donne greche (OGE), contro le politiche antipopolari del governo socialdemocratico, l'UE e il FMI.

La manifestazione ha avuto luogo in occasione dell'inizio della Fiera Internazionale di Salonicco, aperta dal Primo Ministro che persiste nella linea politica antipopolare e antioperaia e ha annunciato nuove misure che ridurranno il reddito delle persone.

Nel suo discorso alla manifestazione, Sotiris Zarianopoulos, membro della Segreteria Esecutiva del PAME, ha invitato gli operai e gli strati popolari a favorire un clima combattivo ovunque, a intensificare la lotta e prepararsi al prossimo sciopero generale.

Migliaia di manifestanti hanno marciato nel centro della citta superando il clima di paura e di intimidazione che il governo ha cercato di alimentare. I tentativi di creare uno scenario violento intorno alla mobilitazione delle forze di classe e fallito. I media televisivi internazionali hanno concentrato ancora una volta l'attenzione sui piccoli gruppi di provocatori, cercando di nascondere la realta che decine di migliaia di lavoratori hanno dimostrato con le parole d'ordine e le rivendicazioni del PAME. Gli slogan "La crisi e il debito non appartengono al popolo, sono dovuti ai profitti del capitalismo", "Basta con gli inganni: il capitalismo non puo diventare umano", "Lavoratore senza di te nessun ingranaggio puo girare, puoi fare a meno dei padroni", risuonavano nelle strade di Salonicco.

Le forze dei sindacati di classe hanno dimostrato in modo organizzato e ben protetti.

Nella mattinata di sabato una vigorosa manifestazione di massa si e svolta ad Atene, a cui ha partecipato la Segretaria Generale del CC del KKE, Aleka Papariga, che ha rilasciato ai media la seguente dichiarazione: "Dobbiamo mettere da parte le nostre paure, illusioni, esitazioni, altrimenti i lavoratori, la classe operaia e specialmente i giovani, si troveranno letteralmente con le spalle al muro. Da questo momento deve iniziare il conto alla rovescia per la rinascita e la controffensiva del movimento".
La sera stessa, nel suo discorso al festival della gioventu comunista KNE-ODIGITIS a Patrasso, Aleka Papariga ha osservato che. "C'e una possibilita concreta che prima di un sostanziale recupero si manifesti una nuova crisi economica di dimensioni internazionali. E' inoltre molto probabile un aggravamento dell'antagonismo tra gli stati capitalistici, il rafforzamento delle forze centrifughe e la tendenza di lasciare la zona Euro. Senza un determinato intervento del popolo, dei popoli, i risultati saranno gravi e imprevedibili. Per questo motivo il popolo non deve essere spettatore, fatalista, timoroso e disorientato.

Non e un'esagerazione: ad esempio in Grecia ci troviamo di fronte alla possibilita della cessazione dei pagamenti degli stipendi e delle pensioni.
Non e un'esagerazione che la Grecia sia ancora piu profondamente coinvolta, minacciata sempre piu dalla competizione imperialistica nella regione che con le armi della NATO e i meccanismi repressivi e militari dell'UE, interviene apertamente per acquisire nuovi mercati. Il pericolo e grande perche la classe borghese del paese cerca di prendere parte attiva in questa lotta, indifferente ai diritti sovrani del paese, fedele alla propria prospettiva di classe. Il paese che ha in mente il popolo e diverso da quello dei capitalisti e dei loro partiti.

Non e un'esagerazione prevedere, nelle condizioni di disoccupazione e poverta crescenti e con il divampare della lotta di classe, che arriveremo alla caduta del governo e che il cosiddetto processo di "salvezza nazionale" accelerera o prenderanno corpo delle sue varianti, per esempio un governo di ampie alleanze di centro-sinistra ecc.. Potrebbe esservi una rapida rotazione di governi, impasse temporanee o piu serie nel raggiungimento della stabilita del sistema politico borghese.

Nella condizione in cui il sistema politico borghese e scosso, il popolo deve trovarsi assolutamente pronto per spingere in avanti la situazione, per ampliare le fratture e le contraddizioni del sistema, contrattaccare con l'obiettivo del rovesciamento del potere dei monopoli".

La Segretaria Generale del CC del KKE ha affermato che "lottiamo in termini di conflitto di classe, di rottura e rovesciamento. Dobbiamo guadagnare tempo e forzare l'avversario, il governo, i padroni, Bruxelles almeno a una temporanea ritirata, in modo da potere organizzare il contrattacco, con il sostegno e la solidarieta internazionale: per il rovesciamento del potere dei monopoli, per il potere della classe popolare lavoratrice, per l'economia popolare che fara del popolo il proprietario della ricchezza, protagonista della rinascita ad ogni livello dall'economia e il controllo operaio e popolare fino al sistema politico e le relazioni internazionali del paese".

Traduzione dall'inglese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Partito Comunista di Grecia (KKE)

5122