il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Intrigo internazionale

Intrigo internazionale

(20 Marzo 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

I mercati non amano la democrazia

(3 Novembre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in confederazione.usb.it

I mercati non amano la democrazia

foto: confederazione.usb.it

Roma – mercoledì, 02 novembre 2011 I mercati, ormai si sa, sono soggetti sensibili, hanno la febbre, sono depressi, a volte euforici, non gradiscono o sono nervosi, ma di certo non amano la democrazia.

E’ bastato che un Paese sovrano, la Grecia, decidesse di sottoporre a referendum la scelta di accettare o respingere le politiche di lacrime e sangue imposte dal direttorio franco-tedesco dell’Unione Europea, per scatenare la speculazione, far crollare pressoché tutte le borse europee, far tremare la stabilità della zona euro, far gridare all’attentato alle sorti magnifiche e progressive del mercato.

Subito si sono riuniti i consigli dei ministri, il G20 di Nizza, i presidenti delle repubbliche si sono messi al telefono a dettare linee bipartisan di immediato intervento per adottare le necessarie contromisure, le opposizioni, petto in fuori, si sono dette pronte ad assumersi le loro responsabilità, ovunque si magnificano le potenziali enormi possibilità di uscire dalla crisi che avrebbero governi tecnici, di salvezza nazionale, di unità delle forze sane delle nazioni…se solo i governi in carica si decidessero a togliersi di torno.

Non ce n’è uno, dicasi uno, in giro per i talk show, per le radio, per i dibattiti più o meno scomposti cui ci costringono ad assistere ormai da tempo immemore, che provi a scansarsi da questa impostazione secondo cui ai mercati tutto è dovuto, anche le nostre esistenze e il nostro futuro.

Non ce n’è uno che dica che la scelta di chiamare i cittadini Greci ad esprimersi sulle politiche di lacrime e sangue imposte dall’Europa è una scelta sacrosanta, forse tardiva, ma sacrosanta.

E nessuno dice che se non ci fossero stati scioperi generali ripetuti ed imponenti, se non ci fosse stata una vera e propria sollevazione di popolo, quel referendum, molto probabilmente, non ci sarebbe. Che non è una scelta illuminata di Papandreou e del suo governo, ma il portato di una mobilitazione senza precedenti.

Ora siamo tutti con il fiato sospeso, ad attendere di conoscere quali altre pesantissime misure saranno prese dal nostro governo pro tempore. Per sapere se ci colpiranno direttamente, se questa volta ne usciremo ancora vivi o con le ossa definitivamente rotte. Non sappiamo ancora cosa succederà esattamente ma possiamo immaginarlo. Sappiamo però, e oggi la Grecia ce lo dimostra, che la mobilitazione di massa, decisa, energica e radicale, può contribuire a scrivere un’altra conclusione della storia.

Il 2 dicembre portiamo in piazza e nel nostro sciopero questa consapevolezza.

USB Unione Sindacale di Base

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «NO al diktat della borghesia imperialista europea»

Ultime notizie dell'autore «USB Unione Sindacale di Base»

4230