il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Moody's vivendi

Moody's vivendi

(18 Maggio 2010) Enzo Apicella
Dopo la guerra finanziaria guidata dall'agenzia di rating Moody's, in Grecia ha inizio il massacro di salari e pensioni

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' uscito il n. 77 di "Alternativa di Classe"
    (23 Maggio 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Capitale e lavoro)

    Favorito l’ex vice presidente della BCE

    (7 Novembre 2011)

    anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.radiocittaperta.it

    [RCA News] Il premier greco Papandreou e il capo dell'opposizione Antonis Samaras, leader di Nea Dimocratia, hanno raggiunto nella serata di ieri un accordo per dare vita ad un governo di unità nazionale che sarà guidato da un primo ministro il cui nome sarà scelto oggi in un nuovo incontro tra i due esponenti politici: il favorito è Lucas Demetrios Papademos, ex vice presidente della Banca Centrale Europea. Secondo i giornali, del nuovo governo faranno parte anche due vice premier: l'attuale ministro delle Finanze Evangelos Venizelos, e Stavros Dimas, ex Commissario Europeo per l'Ambiente. Il nuovo esecutivo dovrà approvare le misure imposte dall'Ue e dal Fmi per ottenere le nuove tranche di “aiuti”, a partire da quella, sospesa, da 8 miliardi di euro. Solo dopo potrà indire elezioni anticipate che, secondo indiscrezioni, si terranno il prossimo 19 febbraio. Oggi, intanto, il presidente della Repubblica Karolos Papoulias incontrerà i leader degli altri partiti politici: alla riunione non parteciperanno – come annunciato - i leader della sinistra, Aleca Papariga, del Partito Comunista di Grecia, e Alexis Tsipras, di Syriza. Intanto, dalla Germania continuano ad arrivare “inviti ultimativi” a seguire il percorso di politiche antipopolari imposto dall’Unione Europea. La Grecia o adotta le riforme necessarie a contrastare il problema del debito o non lo fa e esce dalla zona Euro, dichiara il ministro dell'Economia tedesco, Philipp Roesler, in un'intervista alla Bild: “i greci possono decidere da soli tra l'adozione di riforme all'interno dell'Eurozona o la mancata adozione di riforme e la loro uscita. Non esiste una terza soluzione”, ha affermato Roesler. [RCA News]

    Radio Città Aperta - Roma

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «La Grecia brucia!»

    Ultime notizie dell'autore «Radio Città Aperta - Roma»

    4892