il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Ai giornalisti prezzolati

Ai giornalisti prezzolati

(9 Ottobre 2012) Enzo Apicella
Chavez viene rieletto con il 54% dei voti, con grande dispetto dei giornalisti prezzolati dall'imperialismo che davano per sicura la sua sconfitta

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La rivoluzione bolivariana)

La revolucion bonita

Viaggio a tappe nel Venezuela di Hugo Chávez

(12 Novembre 2011)

La revolucion bonita

Angelo Zaccaria, 272 pagine, 14 euro

Questo volume è un'inchiesta sul campo, un tentativo di capire il Venezuela, un paese complesso e particolare oggi teatro di un'originale e innovativa esperienza politica. Le fonti sono le più disparate: osservazione diretta, interviste, chiacchierate di strada, conoscenze casuali, partecipazione a cortei, dibattiti, conferenze, comizi...
Il Venezuela, quinto esportatore mondiale di petrolio e quarta economia dell'America Latina, è un paese interno ai circuiti dell’economia globalizzata di mercato.
Condivide con altri paesi del sub-continente una lunga storia di governi autoritari e giunte militari susseguitesi fino al 1958, anno in cui finisce la dittatura del generale Marcos Pérez Jiménez, si indicono le elezioni e i nuovi partiti siglano il Pacto de Punto Fijo, o «patto di governabilità per la democrazia rappresentativa». Questo equilibrio di potere entra in crisi nel febbraio 1989, dopo una rivolta popolare sanguinosamente repressa al prezzo di migliaia di vittime, che viene ricordata come El Caracazo.
Nel 1997 Hugo Raphael Chávez Frías, ufficiale dell'esercito, anima un movimento politico ispirato al bolivarismo, di cui il Movimento Quinta Repubblica diventa il primo strumento politico e organizzativo.
Hugo Chávez viene spesso definito un dittatore dai media internazionali, che omettono un dato di fatto: Chávez è arrivato al potere e lo ha poi conservato, sempre attraverso elezioni e con consistenti maggioranze.
Nell'aprile 2002 l'oligarchia economica, con alla testa Pedro Francisco Carmona Estanga, avvia un colpo di Stato contro il governo Chávez, ma dopo 48 ore questo rientra in carica grazie alla reazione dell'esercito e di milioni di venezuelani. La particolarità di questo golpe è il suo fallimento nonostante l'appoggio degli USA che riconoscono immediatamente il governo golpista, seguiti tra gli altri dal fedele presidente spagnolo Aznar.
Questa inchiesta affronta il presente e il recente passato del Venezuela e fornisce i presupposti per la comprensione dell'incerto futuro che attende questo paese.

l'autore
Angelo Zaccaria Angelo Zaccaria (angzac@yahoo.it), 49 anni, impiegato pubblico, vive a Milano. Dai tempi del liceo in poi ha militato in vari movimenti politici e sociali della sinistra alternativa. Nel 1995, al termine di una onorata carriera di studente fuori corso, si è laureato in Scienze Politiche. Dal 2002 ha iniziato a fare una serie di viaggi in India, America Latina ed Africa.

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Appuntamenti sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «La rivoluzione bolivariana»

3184