il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Marchio Marchionne

Marchio Marchionne

(26 Ottobre 2010) Enzo Apicella
Esternazione di Marchionne contro la scarsa produttività degli operai italiani

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

GLI OPERAI DI POMIGLIANO PRESENTANO:
“DOSSIER FIAT : AUTOSABOTAGGIO COI SOLDI DELLO STATO”

(26 Giugno 2013)

FIAT POMIGLIANO - DOMANI ORE 11.30 - SALA STAMPA MONTECITORIO

Le mobilitazioni delle scorse settimane contro i sabato di recupero alla Fiat Pomigliano, promosse da Slai cobas e Fiom, hanno posto con forza la “questione Fiat” nella sua valenza generale, politica e democratica prima che sindacale perché la Fiat, coi fantomatici piani “alla Marchionne” - scritti solo sulla carta dei giornali, e per televisione - sta sfasciando l’intero comparto industriale e rischia di precipitare l’Italia in un disastro sociale “stile Grecia”. Il tutto con l’ausilio di svariati miliardi di euro di finanziamenti pubblici.

E’ in questo senso, e premesso che la mobilitazione sindacale è indispensabile per far valere le ragioni dei lavoratori, che lo Slai cobas chiede alle forze politiche e parlamentari disponibili di “battere un colpo e spendersi in ogni ambito a fianco agli operai della Fiat”.

Per questo domani 50 operai di Pomigliano si recheranno a Roma e presenteranno, nella Sala Stampa della Camera dei Deputati, un dettagliato e documentato Dossier sulla Fiat per constatare coi fatti chi, tra le forze politico-istituzionali (vecchie e nuove) saprà schierarsi davvero con i lavoratori e chi intende continuare ad usarli solo per “strumentali ed ininfluenti passerelle mediatiche”.

Ci sono stati in questi giorni incontri con vari esponenti parlamentari che si sono espressi sulla necessità di attivarsi per la predisposizione di una commissione parlamentare d’inchiesta sulla Fiat.

Da questi ci aspettiamo un definitivo e concreto passo in questa direzione.

Sappiamo che il Parlamento, dove sono rappresentate svariate lobby professionali ed economiche, non è terreno fertile a reali prospettive di cambiamento sociale dalla parte dei lavoratori. Tuttavia come sindacato non ci sottraiamo ad alcuna verifica “sul campo” anche tenendo conto che, ad ogni tornata elettorale ogni forza politica non manca di chiedere il voto ai lavoratori con le più svariate e strumentali promesse mai mantenute.



Pomigliano d’Arco, 26/6/2013

Slai cobas Fiat Alfa Romeo e terziarizzate

6461