">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Fiat: lacrime e sangue

Fiat: lacrime e sangue

(14 Agosto 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Comunicazione a Stellantis da parte dello Slai Cobas e risposta della Fiom rispetto all'abolizione della pausa pranzo

(20 Gennaio 2024)

slai cobas logo

Pomigliano 19 gennaio 2024
Spett. le Direzione Aziendale di Stellantis Europe S.p.A.
Stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d'Arco
80038 (NA) via Ex Aeroporto snc
Pec: fca-it.spp-mmmb-plant-g-vico@pec.fcagroup.com

In relazione alla illegittima pretesa aziendale di abolizione della pausa pranzo – per effettuare lavoro straordinario – per gli addetti ai reparti di Lastratura, Verniciatura, Stampaggio, Plastica, Qualità di prove su rulli, convergenze, TDF, movimentazione vetture verso le prove statiche dinamiche e il piazzale prodotto finito, bollino verde Tonale/Hornet e Panda, aree rework dello Stabilimento G. B. Vico di Pomigliano d'Arco e per i lavoratori ivi trasferiti dalle Vs. unità produttiva di Melfi, Cassino e Sevel, nel significarVi che in relazione alle vigenti normative di legge, di evidente rango gerarchico superiore a quelle contrattuali, il lavoratore non è tenuto alla rinuncia della richiamata pausa, la scrivente organizzazione sindacale invita la Direzioni Aziendali in indirizzo a desistere dal mettere in atto comportamenti e/o iniziative disciplinari intimidatori e lesive dei citati diritti dei lavoratori in quanto ciò potrebbe inoltre configurare, a giudizio di Slai cobas, evidenti e gravi ipotesi di reato.
Nel porVi distinti saluti si resta in atteso di Vs. sollecito riscontro preannunciando in mancanza ogni idonea iniziativa di mobilitazione sindacale e giudiziale a tutela dei diritti dei lavoratori.

Per Slai cobas – coordinamento provinciale di Napoli ed esecutivo Nazionale: Vittorio Granillo


----------------

Lavoratrici e lavoratori,
La Rsa della Fiom esprime parere negativo in merito all'accordo siglato oggi, tra i firmatari e la direzione aziendale.
Nel corso dell'incontro, Fim, Uilm, Fismic, Uglm e Azienda hanno stabilito (riportiamo testualmente):
" _che a far data dal 22 Gennaio 2024 e fino al 30 Aprile 2024 per le attività di Lastratura, Verniciatura, Stampaggio, Plastica, Qualità di prove su rulli e convergenze, TDF, movimentazione vetture verso le prove statiche, dinamiche e il piazzale prodotto finito, bollino verde Tonale/Hornet e Panda, aree rework dello Stabilimento viene ripristinata, l’attività lavorativa anche nella mezz’ora prevista per la refezione.
In sostituzione del pasto non fruito coloro che hanno lavorato nella mezz’ora di intervallo per refezione, sarà riconosciuto un buono ticket restaurant dell’importo di € 7,00, spendibile all’esterno presso gli esercizi accreditati, fermo restando la quota a carico del lavoratore per il ticket restaurant di € 1,24, trattenuta in busta paga.
Inoltre, dal 01 Febbaraio 2024, per le lavoratrici e i lavoratori che svolgono l’attività lavorativa sul turno centrale ( 8-17), così come previsto dal CCSL, l’intervallo di un’ora non retribuito sarà ridotto a 45 minuti, prevedendo l’uscita alle ore 16:45.
Anche per coloro ( quadri e impiegati) che fruiscono di un sistema di flessibilità
dell’ orario di lavoro, la riduzione dell’ora di intervallo, si riduce a 45 minuti._"
Come Fiom non possiamo acconsentire ad un accordo che aumenta di altri trenta minuti l'orario di lavoro e che di conseguenza non dà più la possibilità di usufruire di un diritto sacrosanto, quale quello della mensa. Tutto questo non fa altro che peggiorare ancora una volta le condizioni di lavoro delle Lavoratrici e dei Lavoratori, tra l'altro scegliendo di procedere senza un preventivo confronto in assemblea dando l'ultima parola alle lavoratrici e ai lavoratori.
Sappiamo che avere 5,80 euro in più al giorno in busta paga è un elemento retributivo utile per tutti, ma pensiamo che non possiamo dare un valore economico a tutto.
La mensa è un diritto fondamentale conquistato con anni di lotta e pertanto è compito di un sindacato serio porre dei limiti e preservare un aspetto contrattuale fondamentale, come quello della mensa.
La mercificazione dei diritti non è accettabile e avremmo sicuramente accettato un impostazione di questo tipo, solo se si fosse garantito l'aspetto della volontarietà.

Rsa Fiom 19 gennaio 2024

2012