il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Fiat: lacrime e sangue

Fiat: lacrime e sangue

(14 Agosto 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Lettera di un operaio al direttore dello stabilimento Fiat di Pomigliano

(8 Luglio 2013)

Egregio direttore Giuseppe Figliuolo, è con stupore che leggo sul quotidiano Il Mattino la sua missiva, che identifica in chi protesta e sciopera, per rivendicare il PROPRIO DIRITTO a lavorare e a non essere discriminato, come violento.
Dopo oltre 24 anni di lavoro in quest’azienda, ho contribuito insieme a tutti i lavoratori a renderla forte e produttiva , a pagarle lo stipendio milionario e ad incrementare i guadagni degli azionisti.
Voglio presentarmi, perché come mia abitudine ho sempre sostenuto le mie posizioni mettendoci la faccia, sono Pirozzi Tommaso OPERAIO di Fiat Auto, trasferito per vostra volontà al polo logistico di Nola, orgoglioso di esserlo, di aver sempre lavorato con diligenza, e soprattutto per non aver mai abbassato la testa per elemosinare ciò che mi spettava di diritto e contratto.
So che lei mi conosce, anche perché il suo predecessore il dott. Garofalo insieme al capo del personale e al mio, all’ora Repo, vennero a trovarmi in ospedale, subito dopo il mio gravissimo incidente, dichiarandomi il loro sostegno in caso di necessità, cosa che io garbatamente rifiutai, le dico ciò unicamente per evidenziare che ci sono persone che chiedono per amicizia e chi rivendica per diritto.
Oggi lei mi dà del violento, o meglio identifica noi lavoratori estromessi da ciclo produttivo, che continuiamo a subire violenza da oltre quattro anni, come violenti.
Mi chiedo, le chiedo, chi è violento? Noi che difendiamo il nostro posto di lavoro, la nostra unica possibilità di sopravvivenza, per noi e le nostre famiglie, o voi che con i vostri falsi piani industriali, ci costringete a tali azioni? Credete che mentre voi ci sacrificate sull’altare del profitto noi da buoni discepoli accettiamo passivamente di sottoporci al patibolo e ci immoliamo in silenzio?!
A differenza sua io non cerco di dividere i lavoratori, invitando il Vescovo di Nola che è sempre stato a favore del vostro piano industriale difendendolo a spada tratta e oggi ,che si è reso conto dei disastri che ciò comporta sia sul piano occupazionale che su quello industriale, prende prudentemente le distanze schierandosi con chi attualmente lotta in difesa del proprio posto di lavoro e dell’azienda.
Noi tutti siamo parte integrante di quella fabbrica, e la difenderemo e ci difenderemo con le unghie e con i denti, anche contro chi con falsi piani tenta di delocalizzare le fabbriche italiane, senza calarsi nei dettagli, voglio ricordarle che secondo un dossier presentato in parlamento da parte dello Slai-Cobas, comitato mogli operai e da alcuni lavoratori per chiedere una commissione di inchiesta parlamentare, sono oltre 7,5 miliardi di euro che la Fiat ha ricevuto in questi anni per rilanciare l’occupazione e il lavoro…..
Quindi egregio direttore chi e dove sono i violenti?

In fede
Tommaso Pirozzi operaio Fiat Pomigliano d’Arco 07/07/2013

Tommaso Pirozzi

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Crisi e lotte alla Fiat»

Ultime notizie dell'autore «Tommaso Pirozzi»

8936