il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La caccia

La caccia

(21 Settembre 2011) Enzo Apicella
Standard & Poor’s taglia il rating dell’Italia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Senza casa mai più!)

basta polizia, gli sfratti devono essere graduati

(4 Agosto 2014)

unimessina

La questione abitativa ha assunto nella nostra città e nel resto del Paese un carattere di urgenza, gli sfratti per morosità incolpevole hanno raggiunto picchi del 90% sugli sfratti complessivi e per questo, tante famiglie, le cui condizioni economiche si sono aggravate dall'impennata della disoccupazione, rischiano di finire per strada se non si adottano misure strutturali che affrontino alla radice il dramma della precarietà abitativa.

Giorno 24 luglio l'ennesima famiglia a cui è stato notificato lo sfratto esecutivo, ha vissuto momenti di panico e ricevuto un trattamento indecente, alla stregua di un pericoloso criminale. La scena che ci siamo trovati davanti è stata surreale: un dispiegamento spropositato di forze dell'ordine, con la presenza di circa 20 agenti tra polizia e carabinieri, dotati per di più di una camionetta con agenti in tenuta antisommossa pronti ad intervenire. Tale comportamento, grave in sé e per sé per le modalità repressive ed intimidatorie, assume a nostro avviso dei contorni ancora più preoccupanti poiché il Prefetto ricevuto il nominativo trasmesso dal Comune ai sensi dell'articolo 6 comma 5 della legge 124/13 e dal decreto attuativo pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 14 luglio del 2014, che prevede la graduazione della forza pubblica, ha disatteso platealmente le modalità operative di tale dispositivo, inasprendo l'intervento della polizia piuttosto che graduarlo.

Ci chiediamo: questa è la graduazione che intendono Governo e Prefetto?

Ad ogni sfratto esecutivo pensano di mantenere questo clima minaccioso?

Per tali motivi esigiamo chiarezza, e chiediamo urgentemente un Tavolo di confronto in Prefettura tra Comune, Prefetto e parti sociali al fine di scongiurare la reiterazione di tali comportamenti.

E’ ovvio che se questo non accadesse e il Prefetto continuasse su questa strada, noi non ci fermeremo e utilizzeremo ogni mezzo per far rispettare un diritto inalienabile sancito al livello internazionale come quello all’abitare.

4 agosto 2014

Unione Inquilini Messina
Prc Messina Circolo P. Impastato

4710