il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Psicocomunista

Psicocomunista

(14 Novembre 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Memoria e progetto)

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Report della riunione di Ross@ a Bologna, sabato 22 novembre

(24 Novembre 2014)

ross@bologna

Sabato 22 novembre a Bologna si è tenuta la prima riunione dell'esecutivo nazionale di Ross@ emerso dopo l’assemblea nazionale del 5 ottobre. Presenti i rappresentanti delle realtà territoriali di Milano, Mantova, Brescia, Padova, Trieste, Genova, Bologna, Parma, Pisa, Roma, Napoli, Puglia e del gruppo di continuità.
La discussione, introdotta da una relazione di Giorgio Cremaschi, ha affrontato la fase politica, che molti interventi hanno rilevato come diversa da quella di solo di due mesi fa e caratterizzata da una protesta sociale e sindacale crescente e dallo stato confusionale del riformismo. In tal senso va inquadrato anche il prossimo sciopero generale del 12 dicembre convocato da Cgil Uil Ugl, una scelta obbligata dall’arroganza del governo ma che non ha alcuna idea del dopo se non quella di tornare al tavolo della concertazione.
L’altro dato che emerge è che sia il progetto espresso da Renzi che quello espresso dall’alleanza fascioleghista di Salvini, declinano in modo diverso la guerra tra poveri, il primo tra lavoratori contrattualizzati e quelli precari, il secondo tra italiani e immigrati. E’ stato inoltre sottolineato come alla guerra tra poveri venga affiancata e legittimata ormai anche tra la guerra tra i popoli. Giudizi diversificati sono emersi sulla ipotesi di una Sinistra del lavoro con a capo Landini. Per alcuni è una ipotesi che non ha la volontà soggettiva di realizzarsi, per altri sarebbe “parte del problema” e non una soluzione.
Ross@ intende misurarsi con questa fase di scontro che si caratterizza però soprattutto sul versante sociale e sindacale mentre è ancora debole sul piano politico, e questo buco non può essere riempito dalla minoranza Pd né dal M5S che anzi vede il suo consenso fortemente insidiato dal protagonismo pilotato della Lega.
Ross@ intende promuovere il suo progetto fondato sul binomio rottura e unità, rottura con gli apparati e i vincoli imposti dalle classi dominanti – dalla Troika europea alla Nato e al sistema di potere Pd – unità con le forze anticapitaliste attive sul piano sindacale, sociale, culturale e politico.
a) In tal senso Ross@ intende rilanciare la sua iniziativa sulla disdetta dei Trattati Europei, incluso quello che ha introdotto l’euro e l’eurozona, e quindi incalzare e misurarsi con l’ipotesi del referendum sull’euro sulla base delle proprie elaborazioni e proposte, tra l’altro già depositate alla Camera dei deputati. Su questa campagna è stato proposto un gruppo di lavoro specifico che fornisca indicazioni, materiali e spunti di approfondimento.
b) La presentazione nelle prossime settimane del documento e della piattaforma politica di Ross@ nelle varie città, sarà l’occasione per un confronto a tutto campo con le forze che intendono misurarsi sul piano di una opposizione antagonista nel nostro paese e, tendenzialmente, a livello europeo.
c) Entro dicembre è stata ipotizzata l’iniziativa di chiusura del Controsemestre popolare ( probabilmente a Napoli), una campagna che Ross@ ha voluto fortemente ma che ha fatto i conti sia con il basso profilo della presidenza italiana del semestre europeo, sia con la scarsa attivizzazione delle altre forze che pure si erano dette interessate alla campagna. La mobilitazione sui due vertici europei c’è stata (a Napoli il 2 ottobre, a Milano l’8 ottobre) ed ha visto i compagni di Ross@ attivi, ma non ci sono state altre occasioni rilevanti di confronto e iniziativa. In ogni caso Ross@ è impegnata ad organizzare per il prossimo anno un incontro a Napoli di tutte le realtà di lotta sociale ambientale anticapitalista del Mezzogiorno.
d) Altro punto del programma di lavoro e iniziativa sarà la partecipazione attiva di Ross@ alle mobilitazioni sull’Expo 2015 a Milano, vera e propria vetrina delle multinazionali e laboratorio del lavoro precario e gratuito.
e) E’ stato deciso di mettere al lavoro un gruppo operativo con l’incarico di preparare un documento politico sulla nuova fase. Ross@ partecipa all’assemblea di Napoli del 30/11 dello StrikeMeeting proponendo la continuità del confronto e della iniziativa tra tutte le forze del 14 novembre. Rispetto allo sciopero Cgil Uil del 12 dicembre in quella e in altre sedi Ross@ propone di esprimere tutto il necessario rifiuto della piattaforma e dello spirito concertativo di chi lo promuove. Ogni partecipazione alla giornata di lotta dovrà sottolineare e far emergere visibilmente la contraddizione tra le gravi responsabilità del sindacalismo confederale sul dramma attuale del lavoro e la ripresa di mobilitazione, che, pena altre gravi sconfitte, non può più essere diretta da chi ha portato il lavoro a questo disastro.
f) Si è deciso di procedere alla mappatura di tutte le organizzazioni territoriali di Ross@, sulla base di una scelta di fondo che assegna un compito sempre più importante alla iniziativa nel territorio. Ogni organizzazione locale deve darsi il compito di un programma di iniziativa e radicamento, sul modello di quanto realizzato a Bologna. Si sta procedendo alla realizzazione di un nuovo semplice sito web di Ross@ , www.rossa.red che sarà a disposizione della comunicazione e della iniziativa

Ross@

6664