">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Italiani!

Italiani

(15 Agosto 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

UK, la sinistra e le prossime elezioni generali

Come bilanciare la necessità di disarcionare i conservatori con il desiderio di promuovere politiche socialiste

(2 Aprile 2024)

n questo pezzo che fa riflettere, Dave Kellaway analizza le sfide che la sinistra britannica deve affrontare mentre la nazione si prepara alle elezioni generali che probabilmente porteranno a un governo laburista. Kellaway esplora il modo in cui la sinistra può navigare in questo panorama politico

Labour Campaigne Centre

È iniziata. I media e i politici sono già in piena modalità elezioni generali. Certo, c’è la questione delle elezioni amministrative e dei sindaci di maggio, ma tutti le trattano come una cartina di tornasole per le elezioni parlamentari di ottobre o novembre. Tutti i sondaggi sono fermi da più di un anno su un vantaggio laburista di 17-20 punti percentuali. Gli opinionisti ci ricordano che il Labour ha ancora bisogno di uno scarto storico per ottenere la maggioranza. La leadership laburista mette continuamente in guardia dall’autocompiacimento e vuole che i suoi membri si concentrino sul sondaggio piuttosto che sulla solidarietà palestinese o sulla discussione di eventuali arretramenti politici.

Ufficialmente, i Tories insistono sul fatto che i loro giochetti della settimana sull’estremismo, i barconi o il Labour che aumenta le tasse (come se!) eroderanno il vantaggio. Sunak si aggrappa alla speranza che alcune statistiche economiche convincano la gente che le cose non vanno poi così male. Ma le inutili morti del COVID, il fatto che il tenore di vita sia peggiore rispetto al 2010, o il fatto che milioni di potenziali elettori Tory stiano passando a mutui che costano centinaia di sterline in più ogni mese, non possono essere cancellati dalla memoria politica delle persone. I rapporti periodici delle associazioni di beneficenza o degli organismi politici che mostrano l’aumento della povertà, delle disuguaglianze o la crisi della sanità o dell’odontoiatria rafforzano il senso di fine del regime: non c’è molto che funzioni. Anche la maggior parte dei parlamentari Tory sa che il gioco è finito: sta cercando un nuovo lavoro o sta complottando per il prossimo leader. Alcuni sono indecisi se abbandonare Sunak dopo la debacle delle elezioni di maggio o mantenerlo farà la differenza.

Alcuni attivisti laburisti continuano a sostenere che l’estrema moderazione di Starmer e la sua caccia alle streghe a sinistra, che ha impoverito l’esercito elettorale di base, fanno sì che il vantaggio nei sondaggi sia debole. Essi sottolineano giustamente la mancanza di entusiasmo per Starmer o per il partito, il numero di elettori disaffezionati e il pericolo di astensione. Alcuni aspirano addirittura a una maggioranza risicata, dando ai parlamentari di sinistra una certa influenza. Tutto vero, ma tutto lascia pensare che i Tories perdano molto male, e chiunque sia il leader o qualunque cosa faccia il Labour non farà molta differenza. È vero il vecchio adagio secondo cui la maggior parte delle elezioni sono perse dagli incumbent piuttosto che vinte dall’opposizione.

Come dovrebbe reagire la sinistra a un governo Starmer?

I recenti interventi di Owen Jones, che si è dimesso dal Labour, e della leadership di Momentum, che rimane all’interno del Labour, sono un buon punto di partenza per questa discussione.

I loro contributi fanno seguito alla vittoria di Galloway a Rochdale e una pletora di iniziative di candidati di sinistra contro il Labour. Di recente si è tenuto un incontro nazionale intitolato No Ceasefire, No Vote, con oltre un centinaio di consiglieri espulsi o dimissionari dal Labour, la maggior parte dei quali, ma non tutti, si trova in Palestina. Transform e il Socialist Party/Trade Union and Socialist Coalition (TUSC) hanno in programma di presentare decine di candidati. Il TUSC vuole presentarsi con 98 candidati per ottenere una trasmissione televisiva. Galloway parla di una cinquantina di candidati del Partito dei Lavoratori, in particolare dove ci sono comunità musulmane.

Reti di attivisti di sinistra e di solidarietà palestinese non allineati con nessuna corrente si sono uniti per sfidare Starmer a Camden, Wes Streeting a Ilford e Peter Kyle a Hove. Andrew Feinstein, ex deputato degli ANC, sta sfidando Starmer e ha una rete chiamata Collective, che ha adottato i punti chiave del progetto di pace e giustizia di Corbyn. Leanne Mohammed si candida contro Streeting e Tanushka Mirah contro Kyle; entrambe sono donne palestinesi britanniche. L’ex parlamentare Emma Coad è candidata a North Kensington. Le fonti indicano che Corbyn si candiderà sicuramente a Islington e avrà ottime possibilità di vittoria. Senza dubbio, ci sono altri candidati che emergeranno per affrontare il Labour da sinistra, come il gruppo Communist Future di Manchester.

Non è chiaro quanto coordinamento si svilupperà tra queste iniziative. Galloway darebbe il suo braccio destro se Corbyn si unisse a lui. Fortunatamente, Corbyn e la maggior parte di queste correnti si stanno tenendo alla larga da George; alcuni ricordano come operava in Respect e sono riluttanti ad associarsi a qualcuno le cui opinioni sono diventate più reazionarie su molte questioni e che frequenta Farage e altri nazionalisti estremi. Lo stesso Corbyn è riluttante a confrontarsi troppo direttamente con il Partito Laburista. A parte la sua ONG, Peace and Justice, non ha indicato di voler organizzare altro. Forse nutre la speranza di poter essere riammesso nel Labour in un futuro nuovo ordine.

Alcuni sostenitori di uno o dell’altro candidato si stanno già illudendo che il Labour perderà un certo numero di seggi. Tuttavia, un buon risultato per i candidati a sinistra del Labour può aiutare a costruire reti di attivisti a lungo termine e dimostrare che il Labour non può dare per scontata la sua base tradizionale. Le elezioni locali e quelle dei sindaci potrebbero fornire un terreno più fertile ai candidati di sinistra per vincere o mantenere i seggi. Jamie Driscol ha buone possibilità nel Nord Est. L’elettorato di oggi è più volatile e si sta sgretolando, come abbiamo visto con le esperienze dell’UKIP e dei Verdi. Voti soddisfacenti per i candidati di sinistra dovrebbero incoraggiarli a spingere per un sistema democratico di rappresentanza proporzionale.

Owen Jones lascia il Labour

Owen Jones, nella sua drammatica rubrica o video di dimissioni, ha appoggiato un altro gruppo chiamato We Deserve Better, che mira a raccogliere fondi e a sostenere attivamente alcuni deputati verdi, socialisti indipendenti e e i deputati socialisti laburisti per “costruire un’alternativa basata sulla politica della speranza”. È significativo che non appoggi Galloway, le cui posizioni campiste, nazionaliste e di destra su LBGHT e trans sono per lui anatema. La mossa di Jones è stata un po’ una sorpresa, dal momento che è sempre stato un membro del Partito Laburista, uno dei principali sostenitori di Corbyn, ma non legato a una corrente di sinistra radicale o marxista. Il video su YouTube ha avuto 226.000 visualizzazioni e ci sono stati oltre 5000 commenti, quindi ha avuto un certo impatto. Il sostegno acritico di Starmer a Israele è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

A Owen va il merito di aver ammesso che, a differenza di molti di noi, sperava che la sinistra potesse lavorare con Starmer. “Starmer può avere successo e merita il nostro sostegno”, era il titolo di uno dei suoi articoli. In un certo senso, il suo percorso ha rispecchiato la disillusione di decine di migliaia di membri del Partito laburista che si sono avvicinati al partito grazie al progetto Corbyn.

L’aspetto politico fondamentale della sua dichiarazione è che rifiuta una posizione semplicistica e di ultra-sinistra secondo la quale non fa differenza se abbiamo un governo laburista o conservatore. In altre parole, rifiuta di portare la linea No Ceasefire, No Vote in una campagna elettorale generale. Insiste sulla necessità di sostenere le sempre più limitate conquiste politiche per i lavoratori che un governo laburista porterebbe, come i nuovi diritti del lavoro. Jones aggiunge che le condizioni per la lotta sono di solito più facili sotto un governo laburista. I movimenti, soprattutto con il sostegno dei sindacati, possono avere un impatto maggiore. Inoltre, non sostiene una campagna elettorale che minacci la maggioranza laburista. Il sostegno ai candidati verdi o indipendenti da lui citati, come Carla Denyer contro Thangam Debonnaire a Bristol, rientra in questa logica.

A parte Corbyn e forse un secondo deputato verde, è improbabile che vengano eletti altri deputati laburisti a sinistra. Galloway potrebbe resistere, ma ha avuto una combinazione unica di circostanze nelle elezioni suppletive. Tuttavia, buoni risultati e campagne attive in diversi seggi potrebbero aiutare a costruire la rete di attivisti di cui abbiamo bisogno. Un movimento di questo tipo non è utile solo per mantenere alta la visibilità di campagne importanti come quella per la Palestina. Può anche sfidare il governo laburista quando rischia di arretrare ulteriormente sulla politica, rifiutando di porre fine all’austerità o di pagare ai lavoratori del settore pubblico un salario decente.

Le persone di sinistra ancora presenti nel Labour possono lamentarsi del fatto che le loro battaglie interne sono più difficili da vincere se i membri di sinistra se ne vanno. Tuttavia, denunciare le persone per aver presumibilmente “abbandonato il partito della classe operaia” o per aver abbandonato l’unica “area in cui è possibile realizzare un vero cambiamento”, non vi porterà molto lontano. È necessario che le persone che lasciano il Labour siano coinvolte nelle campagne, nelle lotte e nelle discussioni politiche. Queste campagne elettorali possono fornire un’arena per questo.

La svolta di Momentum

Anche chi non vuole lasciare il Labour può intervenire nelle prossime elezioni in modo da difendere gli interessi della classe operaia e costruire un’alternativa al Labour di Starmer/Reeves. Una recente risoluzione adottata da Momentum va in questa direzione. Potete leggere un articolo che spiega questo orientamento più attivo e indipendente e la risoluzione qui su Labour Hub:

Dobbiamo usare la nostra piattaforma per educare, organizzare e far crescere i nostri iscritti e la nostra presenza a sinistra all’interno del Partito. (..)La nostra campagna per le elezioni generali deve essere vivace, di alto profilo e una piattaforma su cui costruire un movimento sociale più ampio e la sinistra laburista per opporsi all’austerità, alle privatizzazioni, al razzismo e al militarismo, e per sostenere il socialismo indipendentemente da chi vincerà le elezioni.


L’ultima frase non è dissimile dalle posizioni della sinistra radicale o marxista al di fuori del Labour. Tuttavia, l’orizzonte strategico di Momentum rimane quello di emulare il governo Atlee del 1945-51, che nazionalizzò le industrie chiave e istituì lo Stato sociale. Quindi conserva l’essenza del progetto di Corbyn, ovvero che è possibile utilizzare il Partito Laburista come strumento per realizzare un cambiamento socialista. Uno strumento più o meno uguale a quello attuale, ma con politiche socialiste e una maggioranza socialista.

La sconfitta di Corbyn dimostra che la destra e l’establishment divideranno e distruggeranno il Partito Laburista prima di permettere una trasformazione così miracolosa. L’aggiunta di un sostegno sindacale e di un’adesione alle campagne non cambia questa realtà. L’articolo di Hilary Schan parte dal presupposto che i sindacati nel loro complesso siano alleati dei socialisti e si schierino “al nostro fianco”. Ignora la battaglia all’interno dei sindacati per conquistare una strategia di sinistra. Al loro recente congresso, la votazione per consentire ai non iscritti al Partito Laburista di far parte di Momentum è stata respinta con 138 voti contrari. Se la mozione fosse passata, avrebbe consentito un modo diverso di costruire il gruppo. Nonostante la sua affermazione, probabilmente accurata, di essere il più grande gruppo di socialisti del Partito Laburista, è un gruppo molto più piccolo di quello che era, come suggeriscono i dati di voto.

Tuttavia, la risoluzione sulle elezioni generali è positiva e faciliterà l’interazione con attivisti e socialisti con opinioni diverse sul Partito Laburista. La risoluzione prevede una discussione tra i membri per definire le priorità di cinque politiche chiave da mettere in evidenza durante la campagna elettorale. Queste potrebbero basarsi sulle politiche progressiste approvate dal congresso in materia di nazionalizzazione, energia verde, alloggi, rappresentanza proporzionale e diritti democratici. Momentum avrà un profilo indipendente con: una lettera aperta per la quale cerchiamo i firmatari, una giornata d’azione, incontri pubblici in ogni regione possibili, comunicazioni a livello nazionale, come ad esempio un giornale di quattro pagine, rivolto a coloro che sono coinvolti nella campagna elettorale laburista, che illustri la nostra posizione socialista a favore del voto laburista, le politiche socialiste per cui ci batteremo e l’importanza di combinare il nostro voto con una campagna di massa per la democratizzazione del partito.

Momentum darà inoltre priorità alle sue risorse e al suo sostegno al gruppo della campagna socialista dei parlamentari (circa 30) o ai parlamentari che sostengono un partito laburista pluralista. Quindi, in un certo senso, riconosce che i suoi membri non sosterrebbero alcuna linea di propaganda di routine per qualsiasi deputato laburista.

Di conseguenza, sia le proposte di Owen Jones che la risoluzione di Momentum offrono agli attivisti la possibilità di evitare, durante la campagna elettorale, la falsa opposizione tra l’elezione di un governo laburista e la lotta per un’alternativa socialista. Dobbiamo rifiutare l’idea che non faccia differenza se i conservatori vengono cacciati via. Ma dobbiamo lottare per organizzare il maggior numero possibile di persone a sostegno di politiche che difendano gli interessi dei lavoratori. AntI*Capitalist Resistance (l’organizzazione a cui appartiene Dave Kellaway) discuterà ulteriormente di come i socialisti dovrebbero intervenire alla nostra prossima conferenza.


David Kellaway

anticapitalista.org

2305