il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Bell'Italia amate sponde

Bell'Italia amate sponde

(16 Maggio 2009) Enzo Apicella
L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha reiterato al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, la richiesta di porre fine alla prassi del respingimento di migranti dalla Libia.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La tolleranza zero)

Salvini, l’odio calcolato

(9 Aprile 2015)

salviniodio

Vi ricor­date di quel tomo, depu­tato euro­peo della Lega, che tempo fa ha urlato, nel corso di un talk show, che i Rom sono la «fec­cia della terra»? Ebbene, quella sera, una buona parte, forse la mag­gio­ranza, degli spet­ta­tori pre­senti ha applau­dito.
Ma è solo la punta di un ice­berg. Un anno fa, il sin­daco Pd di un paese della cin­tura tori­nese ha pro­po­sto di isti­tuire un bus riser­vato ai Rom. Insomma, gli abi­tanti del campo non pote­vano più salire insieme agli ita­liani…
Ma se un ammi­ni­stra­tore, e nem­meno della Lega, ripro­pone nient’altro che la vec­chia segre­ga­zione, vuol dire che l’ostilità per i Rom è paros­si­stica.
Che una mino­ranza di esseri umani (tra i 150 e i 180.000, di cui 70.000 ita­liani e solo poche migliaia nei campi nomadi) possa susci­tare un atteg­gia­mento simile non dipende però solo da micro-dinamiche urbane e sociali, come la paura dif­fusa in tempo di crisi. Dipende soprat­tutto dall’odio deli­be­ra­ta­mente sparso da una parte del ceto poli­tico e dall’indifferenza o con­ni­venza degli altri. Insomma, da un discorso xeno­fobo mag­gio­ri­ta­rio.
Pren­diamo Sal­vini, che sce­glie pro­prio l’8 aprile, Gior­nata inter­na­zio­nale dei Rom e dei Sinti, per pro­porre la distru­zione dei campi. Il lea­der della Lega per­se­gue evi­den­te­mente un piano arti­co­lato e deli­be­rato: con­qui­starsi visi­bi­lità su un tema popu­li­sta e popo­lare.
Prima va a pro­vo­care i Rom nei loro campi e poi appro­fitta del fatto che se ne parla in una data spe­ciale per rove­sciare il signi­fi­cato della ricor­renza. Che, infatti, riguarda la memo­ria della costi­tu­zione della prima asso­cia­zione dei Rom, a Lon­dra l’8 aprile 1971, ven­ti­sei anni dopo il loro ster­mi­nio da parte dei nazi­sti. Quindi, un insulto a vasto rag­gio: ai Rom di oggi, discri­mi­nati in tutti i modi pos­si­bili, e a quelli morti nelle camere a gas.
Un odio cal­co­lato per attrarre voti nello sfa­celo del cen­tro­de­stra e basato, come sem­pre sull’ipocrisia e sulla mani­po­la­zione della realtà. Nes­suna (o quasi) ammi­ni­stra­zione comu­nale, soprat­tutto nelle metro­poli, ha mai attuato una poli­tica decente per siste­mare i Rom non stan­ziali in abi­ta­zioni nor­mali, per edu­care i bam­bini e for­nire un’adeguata assi­stenza sani­ta­ria. I dati sulle con­di­zioni sani­ta­rie, le malat­tie cro­ni­che e l’evasione dell’obbligo sco­la­stico tra i Rom sono i peg­giori del paese.
Il denaro pub­blico, speso anche dalle ammi­ni­stra­zioni leghi­ste, ha sem­pre finan­ziato inse­dia­menti ino­spi­tali, fati­scenti, con ser­vizi ina­de­guati o assenti. E quindi gli sgom­beri, attuati dalle ammi­ni­stra­zioni di destra e cen­tro­si­ni­stra con lo stesso zelo, chiu­dono un cer­chio di disprezzo, esclu­sione e rimo­zione della realtà.
Che poi una mino­ranza della mino­ranza Rom cer­chi di sfug­gire a que­sta sorte, quasi sem­pre invo­cata dai gruppi di cit­ta­dini solerti o inva­sati, cam­biando inse­dia­mento, o magari con un atteg­gia­mento spe­cu­lare a quello della società che li esclude, è del tutto ovvio e com­pren­si­bile. Ma la banale verità è che la nostra società iper-liberale è inca­pace di con­ce­pire un minimo diritto alla mobi­lità e alla tra­sgres­sione delle fron­tiere, visi­bili e invi­si­bili, che si sono mol­ti­pli­cate al suo interno.
Ed ecco che i Rom, non cor­ri­spon­dendo di certo all’immagine levi­gata e per­be­ni­sta che la società ita­liana vor­rebbe di se stessa, diven­tano i capri espia­tori per­fetti di tutta la fru­stra­zione che ribolle in una vita quo­ti­diana impo­ve­rita e pau­rosa.
Il discorso pub­blico feconda inces­san­te­mente que­sto risen­ti­mento verso i più poveri e i più esclusi. Rap­porti inter­na­zio­nali sti­mano che in Ita­lia le mani­fe­sta­zioni poli­ti­che di odio per i Rom abbiano cadenza pres­so­ché quo­ti­diana.
E basta dare un’occhiata ai blog più dif­fusi per leg­gere com­menti che fanno driz­zare i capelli in testa.
Ma sem­bra che il nostro sistema poli­tico non si pre­oc­cupi mini­ma­mente dei mec­ca­ni­smi di pre­va­ri­ca­zione e vio­lenza che attra­ver­sano la società ita­liana e le sue isti­tu­zioni. Un silen­zio assor­dante ha accolto la sen­tenza della Corte di Stra­sburgo per i fatti della Diaz. E solo dichia­ra­zioni di maniera sono seguite alla pro­vo­ca­zione di Sal­vini.
Ma tanto la cuc­ca­gna che il governo ci pro­mette da un anno è alle porte, ci viene detto, e tutto il mondo verrà a cele­brare il genio ita­liano all’Expo. Men­tre i Rom cac­ciati dalle terre in cui sor­ge­ranno padi­glioni, fon­tane, piazze e mostre dell’opulenza errano da qual­che parte.

Alessandro Dal Lago - il manifesto

5083