il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Libia. 2 Giugno

Libia. 2 Giugno

(3 Giugno 2011) Enzo Apicella
Italia: Festa della Repubblica. Libia: cadono le bombe della Repubblica Italiana

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

  • 16 Aprile 2021 - Italia
    Un posto al sole sulla quarta sponda
    Libia: ruolo dell’Italia e di altri predoni nel Mediterraneo

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Grave attentato a Suruc

(20 Luglio 2015)

uiki

Questa mattina attorno alle ore 11 si verificato un grave attento a Suruc nella provincia di Urfa.

Dalle prime notizie ricevute dalla municipalità di Suruc, erano arrivati 300 esponenti della Federazione dei giovani socialisti da Istanbul per sostenere la ricostruzione di Kobane. Avevano avanzato una richiesta ufficiale alla prefettura di Suruc per poter entrare a Kobane,ingresso che non è stato autorizzato.

A seguito di tale diniego i giovani si erano radunati al Centro culturale Amara per una conferenza stampa. Durante la conferenza stampa si è verificato un’attentato suicida, e dalle notizie che abbiamo finora ricevuto 27 persone hanno perso la vita e altre 100 sono rimaste ferite,alcune in modo grave.

Nello stesso tempo, secondo le informazioni ricevute dalla municipalità, si è verificato un secondo attacco lungo la frontiera con Kobane al passaggio di valico di Mursitpinar.

Ricordiamo che il 19 luglio 2012 i curdi nel Rojava(Siria) hanno stabilito l’Amministrazione democratica autonoma,e per questo ragione in tutto il Kurdistan hanno celebrato questo evento.

Per questa ragione,secondo noi ISIS ha attaccato in diverse località, come nel recente attacco a Kobane del 25/26/27 giugno,e questi attacchi sono stati apppoggiati da paesi confinanti.Pensiamo che dietro all’attacco di oggi vi siano gli stessi paesi confinanti,come la Turchia.

Condanniamo la brutalità di questi attacchi terroristici e chiediamo alla Comunità internazionale,all’Unione europea,al Consiglio d’Europa e all’opinione pubblica internazionale di fermare la Turchia e i paesi che appoggiano ISIS e di impedirne il sostegno.



20/07/2015

UIKI Onlus
Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Itali

5578