il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Déjà vu

Déjà vu

(13 Ottobre 2011) Enzo Apicella
La Casa Bianca accusa l’Iran di progettare un attentato contro l’ambasciatore dell’Arabia Saudita a Washington

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

Afrin, sabato 17 l'iniziativa in piazza Esquilino a Roma. L'adesione di Progetto Diritti

(14 Febbraio 2018)

progetto diritti

Da sempre al fianco dei diritti del popolo curdo anche Progetto Diritti aderisce e partecipa alla manifestazione Defend Afrin-libertà per Ocalan e giustizia in Kurdistan di sabato 17 febbraio a Roma.

"Scendere oggi in piazza a fianco della comunità curda è più che mai necessario", si legge in una nota di Progetto Diritti. Da 24 giorni il cantone curdo di Afrin nella Siria del nord subisce l’attacco, contrario ai principi del diritto internazionale, del governo turco che nelle ultime ore bombarda il centro della città con artiglieria e mortai, colpendo anche l’ospedale cittadino. Almeno 150 morti e 354 feriti (dati del Consiglio della Salute del Cantone di Afrin) fra i civili, uccisi dai bombardamenti nelle proprie abitazioni. Intanto in Turchia, 666 persone sono state fermate dalla polizia per presunta propaganda terroristica a causa di commenti sui social media critici verso l'operazione “Ramoscello d’ulivo”.
"È chiaro che in Rojava si scontrano due visioni opposte per il futuro della Siria e del Medio Oriente. Da una parte uno Stato autoritario e repressivo, dall’altra un progetto rivoluzionario - continua Progetto diritti - che, a partire dalla lotta del popolo curdo, sta costruendo un modello di convivenza pacifica tra popoli di diversa etnia e religione e di autogoverno democratico, laico e paritario. Alla violenza e alla supremazia militare del secondo esercito della Nato ad Afrin si sta opponendo la resistenza strenua di un esercito popolare a fianco di YPG e YPJ, a supporto del quale a fine gennaio è arrivata un’unità di combattenti internazionali, fra cui tanti italiani. Con la stessa determinazione con cui hanno sconfitto i fascisti di Daesh oggi difendono un fazzoletto di terra che ha accolto così tanti rifugiati da raddoppiare la sua popolazione, per scongiurare il ritorno degli occupanti dell’ISIS e difendere così anche l’Occidente dalla minaccia terroristica".

Appuntamento a Roma sabato 17 Febbraio alle 14.00 da piazza dell'Esquilino. Info e aggiornamenti sulla pagina Facebook dedicata all'evento

controlacrisi.org

3706