il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Gugliotta

Si apre una finestra sui metodi della polizia italiana

(14 Maggio 2010) Enzo Apicella
I TG trasmettono l'intervista a Stefano Gugliotta, che porta i segni del pestaggio immotivato da parte della polizia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

COSTRUIRE LA MOBILITAZIONE UNITARIA
DEL SINDACALISMO CONFLITTUALE
CONTRO LA GUERRA PER RESPINGERE GLI ATTACCHI REPRESSIVI ALLE ORGANIZZAZIONI DELLA CLASSE LAVORATRICE

(7 Aprile 2022)

union net e cla

Ieri mattina i carabinieri hanno fatto irruzione nella sede nazionale dell’Unione Sindacale di Base. Non hanno avuto bisogno del mandato perché intervenivano per una telefonata anonima sulla presenza di armi. A colpo sicuro hanno trovato una pistola nel cassetto del water.

I vecchi metodi per colpire le organizzazioni di lotta dei lavoratori sono grotteschi ma se, e quando, il regime politico della classe dominante vi ricorre, è perché li ritiene efficaci.

Questa macchinazione colpisce l’Usb ma va oltre: colpire il sindacalismo conflittuale!
È di due settimane fa l’avvio dell’inchiesta da parte della Procura di Bologna contro dirigenti e militanti del SI Cobas con l’accusa di estorsione verso alcune aziende. Accusa avanzata anche negli anni scorsi – poi caduta nel nulla – prima dalla procura di Modena, poi di Piacenza.

Azioni intimidatorie e repressive da inquadrare nel clima politico che il regime padronale in ogni paese vuole imporre alla classe lavoratrice, affinché sia questa a pagare il prezzo della guerra, preparandola ad accettare senza contrapporsi a combattere e a versare il proprio sangue, in un domani non lontano, nella guerra fra Stati capitalisti per i loro interessi.

QUESTE AZIONI INTIMIDATORIE CONFERMANO QUANTO SIA URGENTE E NECESSARIA LA RISPOSTA UNITARIA DEL SINDACALISMO CONFLITTUALE CONTRO LA GUERRA, CONTRO LE CONSEGUENZE SULLA CLASSE LAVORATRICE, A DIFESA DELLE LIBERTÀ, POLITICHE E SINDACALI, DEI LAVORATORI E DELLE PROPRIE ORGANIZZAZIONI.

Questo percorso unitario deve essere intrapreso senza perdere tempo, recuperando lo spirito che aveva condotto allo sciopero generale dell’11 ottobre scorso e la prossima occasione pratica è l’ASSEMBLEA NAZIONALE SABATO 9 APRILE A MILANO – “Verso lo sciopero generale e sociale. Contro la guerra e l’economia di guerra” – promossa da diversi sindacati di base.

Gli organismi sindacali conflittuali dovrebbero parteciparvi, inviando delegazioni, per una risposta unitaria alla guerra e alle conseguenze economiche e repressive contro i lavoratori.

PER L’UNITÀ DI LOTTA DEI LAVORATORI, DELLE REALTÀ DI BASE E DEL SINDACALISMO CONFLITTUALE!

Roma, 7aprile 2022

Collettivo Union.net
Coordinamento Lavoratori e Lavoratrici per l’unità della classe (CLA)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

3241