il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

14 Gruppi di danza e artistici palestinesi a tre festival italiani: "Rifiutate i soldi del governo israeliano"

(7 Settembre 2022)

ammutinamenti 2

Quattordici compagnie di danza e gruppi artistici palestinesi hanno scritto ai festival Danza Urbana di Bologna (7-11 settembre), Ammutinamenti (9-18 settembre) di Ravenna e Città delle 100 Scale (10 settembre – 29 novembre) di Potenza per chiedere che i finanziamenti del governo israeliano vengano rifiutati.

Nella lettera [qui sotto] hanno evidenziato come Israele usi l’arte per mascherare “decine di anni di apartheid, occupazione militare e oppressione di milioni di palestinesi”, inclusi attacchi sulla cultura palestinese.

“Proprio negli ultimi due anni, i nostri centri culturali sono stati rasi al suolo dalle bombe israeliane, perquisiti dai soldati israeliani e chiusi. I nostri artisti sono stati uccisi dai soldati israeliani, detenuti senza accusa, trattenuti ai posti di blocco militari israeliani ed è stato negato loro il diritto di viaggiare”, hanno scritto.

Le organizzazioni artistiche palestinesi hanno ribadito l’appello della stragrande maggioranza della società civile palestinese a “intraprendere, come minimo, una semplice azione moralmente coerente: rifiutare la complicità con l'apartheid israeliana non accettando i finanziamenti del governo israeliano."

Hanno ricordato le migliaia di artisti in tutto il mondo che hanno accolto l’appello, “riconoscendo e rispettando quella che noi, come società civile palestinese, abbiamo deciso di essere la forma più efficace di solidarietà.”

Hanno inoltre ricordato che nel 2009, il Festival internazionale del cinema di Edimburgo aveva restituito fondi del governo israeliano in seguito a tante proteste. Il noto regista Ken Loach aveva detto: “Sono sicuro che molti registi saranno inorriditi quanto me nell'apprendere che il Festival internazionale del cinema di Edimburgo accetta denaro da Israele. I massacri e il terrorismo di stato a Gaza rendono questi soldi inaccettabili.”

I gruppi artistici palestinesi hanno ricordato che da allora Israele ha ripetutamente bombardato Gaza: “Siamo ancora in lutto per le vittime dell'ultimo massacro di poche settimane fa.”

Continuare ad accettare i fondi dal governo israeliano “fa sì che gli attacchi da parte di Israele alla vita e alla cultura palestinese posso proseguire, con impunità”, hanno scritto.

Nei giorni precedenti, organizzazioni di Bologna, Ravenna e Potenza impegnate per i diritti dei palestinesi hanno contattato i festival, chiedendo di rinunciare ai finanziamenti del governo israeliano. I direttori, pur dimostrando una sensibilità per i diritti umani dei palestinesi, non hanno accolto l’appello a rinunciare ai finanziamenti del governo israeliano dell’apartheid.

Le organizzazioni hanno commentato: “Crediamo che anche festival come Danza Urbana, Ammutinamenti e Città delle 100 Scale possano fare uno sforzo per trovare alternative ai soldi sporchi del regime di apartheid di Israele. Avrebbero accettato fondi dal Sudafrica dell’apartheid allora e dal governo russo ora? Con la sensibilità che hanno dimostrato, speriamo che i direttori ascoltino le compagnie di danza palestinesi, scegliendo di stare dalla parte giusta della storia, al fianco della lotta dei palestinesi per la libertà, la giustizia e l’uguaglianza.”

Qualora i due festival non rifiutino i fondi di Israele, i gruppi locali intraprenderanno azioni volte ad informare il pubblico.

Assopace Palestina Bologna

Coordinamento Campagna BDS Bologna

Donne in Nero Bologna

Giovani e Palestina Bologna


IPRI – Corpi Civili di Pace

Pax Christi punto pace Bologna

BDS Ravenna

Donne in Nero Ravenna

Associazione Equomondo – Potenza


Per contatti:

BDS Italia
bdsitalia@gmail.com


Lettera di quattordici compagnie di danza e gruppi artistici palestinesi

Cari festival di Danza Urbana, Ammutinamenti e Città delle 100 Scale,

Vi scriviamo come organizzazioni palestinesi di danza, arte e cultura per esortarvi a rifiutare i finanziamenti dell'Israele dell’apartheid per i festival Danza Urbana, Ammutinamenti e Città delle 100 Scale.

Abbiamo mostrato più e più volte come il governo israeliano cerchi di usare la cultura per operazioni in cui l'arte viene usata per mascherare e coprire decenni di apartheid, occupazione militare e oppressione di milioni di palestinesi. Ciò include attacchi violenti alla cultura palestinese e agli artisti palestinesi.

Proprio negli ultimi due anni, i nostri centri culturali sono stati rasi al suolo dalle bombe israeliane, perquisiti dai soldati israeliani e chiusi. I nostri artisti sono stati uccisi dai soldati israeliani, detenuti senza accusa, trattenuti ai posti di blocco militari israeliani ed è stato negato loro il diritto di viaggiare.

Questi sono solo alcuni dei tentativi dell'Israele dell’apartheid di cancellare la cultura palestinese nel corso di decenni.

Come palestinesi, e in particolare come artisti, non possiamo rimanere in silenzio. Come artisti creativi nella danza, nella musica, nel cinema e nel teatro, contribuiamo alla lotta palestinese per la libertà, la giustizia e l'uguaglianza e alla conservazione della nostra cultura e del nostro patrimonio contro la continua cancellazione e appropriazione.

Insieme alla stragrande maggioranza delle organizzazioni della società civile palestinese, chiediamo agli artisti internazionali, alle istituzioni culturali e ai festival di unirsi a noi intraprendendo, come minimo, una semplice azione moralmente coerente: rifiutare la complicità con l'apartheid israeliana non accettando i finanziamenti del governo israeliano.

Siamo ispirati da letteralmente migliaia di artisti che stanno con noi nella nostra lotta, riconoscendo e rispettando quella che noi, come società civile palestinese, abbiamo deciso di essere la forma più efficace di solidarietà.

Nel 2009, il Festival internazionale del cinema di Edimburgo ha restituito i finanziamenti del governo israeliano a seguito della protesta pubblica per averli accettati, in particolare subito dopo il bombardamento israeliano dei palestinesi assediati a Gaza quell'anno. Il famoso regista britannico Ken Loach ha detto all'epoca: "Sono sicuro che molti registi saranno inorriditi quanto me nell'apprendere che il Festival internazionale del cinema di Edimburgo accetta denaro da Israele. I massacri e il terrorismo di stato a Gaza rendono questi soldi inaccettabili.”

Da allora, Israele ha effettuato molteplici assalti militari a Gaza, uccidendo migliaia di nostre sorelle e fratelli palestinesi, tra cui centinaia di bambini. Siamo ancora in lutto per le vittime dell'ultimo massacro di poche settimane fa.

Non importa quanto sia ben intenzionato, semplicemente non c'è modo di inventare giustificazioni per l'accettazione di finanziamenti da parte dell’Israele dell'apartheid e per mostrare il suo logo nei materiali dei vostri festival, in particolare uno che cinicamente ricorda i 74 anni di oppressione israeliana dei palestinesi. Ciò consente agli attacchi di Israele alle vite e alla cultura dei palestinesi di continuare impunemente.

Vi esortiamo a rifiutare i finanziamenti da parte dell’Israele dell'apartheid.

Palestinian Performing Arts Network (PPAN)

El Funoun Palestinian Dance Troupe

Popular Art Center

Wishah Dance Troupe

Naqsh Popular Art Troupe

Al Harah Theater

Freedom Theater

ASHTAR for Theater Productions and Training

The Popular Theater Society for Performing Arts and Training

YES Theater

Palestinian Circus School

The Edward Said National Conservatory Of Music

Al-Kamandjati Association

Palestinian Institute for Cultural Development - NAWA

3181