">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Five o'clock tea

Five o'clock tea

(18 Settembre 2010) Enzo Apicella
Papa Ratzinger in visita in Gran Bretagna

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Marino, S. Maria delle Mole: sabato 2 marzo che sodalizio (Fra Sorrentino/Onofrio) con “Polvere”!

Ospite d'eccezione Farag Zyoud, del Consiglio Nazionale Palestinese

(25 Febbraio 2024)

bibliopop

Sabato 2 marzo, a partire dalle ore 18, Bibliopop sarà teatro di un sodalizio artistico molto interessante: quello tra Marco Onofrio, il noto scrittore romano naturalizzato marinese (anche se da qualche tempo, dopo 17 anni, è tornato a vivere a Grottaferrata), e un altro marinese, di origini campane, il giovane rapper emergente Fra’ Sorrentino, che recentemente ha catturato l’attenzione di Rosario Fiorello a “Viva Rai 2” e che, anche grazie alla produzione di Matteo Gabbianelli dei Kutso, spera di seguire presto le orme de Il Tre, altro rapper marinese sulla cresta dell’onda. Onofrio e Fra’ Sorrentino, malgrado la notevole differenza d’età (lo scrittore 53 anni, il rapper 22), si trovano a meraviglia nella performance poetico-musicale che proporranno sabato prossimo: POLVERE. Al punto di aver composto un rap insieme, dall’omonimo titolo, che eseguiranno all’inizio della serata. La quale, di fatto, consisterà nella fusione dei rap di Fra’ Sorrentino con i vibranti versi di “civile indignazione” scritti da Onofrio sedici anni fa, all’alba della grande recessione legata alla crisi dei subprime, e più volte recitati pubblicamente, dallo stesso autore o da attori, prima con il titolo “Emporium”, poi “La cenere dei Sogni” (unitamente alle canzoni di Valerio “Saman” Mattei), infine POLVERE, appunto con Fra’ Sorrentino. I rap di quest’ultimo si integrano molto bene con il testo di Onofrio, poiché hanno una implicita vocazione sociale di denuncia dei problemi e dei malesseri contemporanei.La prima dello spettacolo ha avuto luogo con successo lo scorso 6 ottobre a Muccia, nelle Marche, in occasione del “Festival Poetico delle Visioni”, ideato e organizzato dallo stesso Onofrio. Nessuno sapeva che poche ore dopo, con l’attacco terroristico di Hamas, sarebbe cominciato l’ennesimo capitolo del sanguinoso conflitto arabo-israeliano che tuttora scuote le nostre coscienze e alimenta le nostre preoccupazioni. Proprio la meditazione sui meccanismi della storia e della guerra, centrale nei versi di Onofrio e, più indirettamente, nei rap di Fra’ Sorrentino, fungerà da apripista per il momento conclusivo della serata, con l’intervento di informazione e riflessione garantito da Farag Zyoud, del Consiglio Nazionale Palestinese per incontri internazionali oggi in Italia. Un modo per dire tutti quanti insieme, con forza, stop ai conflitti armati e via libera alla giustizia, da cui sola può nascere una pace duratura.

Maurizio Aversa

1239