il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

DIRITTI DEI LAVORATORI

La lotta del Popolo Kurdo

(176 notizie dal 20 Gennaio 2003 al 21 Settembre 2016 - pagina 1 di 9)

Tutte e tutti a Roma il 24 settembre!

La Commissione di Corrispondenza della Federazione Anarchica Italiana fa proprio l'appello del Gruppo Anarchico "Carlo Cafiero" - FAI di Roma, ed invita tutte le realtà federate ad attivarsi per la più ampia partecipazione allo spezzone rosso e nero alla manifestazione del 24 settembre a Roma. Il colpo di stato in Turchia ha permesso al governo turco di imporre lo stato di emergenza,...

(21 Settembre 2016)

La Commissione di Corrispondenza della Federazione Anarchica Italiana

Siria, i molti nemici della guerriglia kurda

Nella Siria fatta a fette, dissanguata da una guerra che ha tranciato mezzo milione di vite e creato milioni di profughi, finiti lontano o appena oltre confine, l’intreccio della distruzione non placa il suo corso. Come i micro conflitti infilati nell’inseguìto caos totale per ricreare un Medio Oriente comunque asservito. Sorgono alleanze di comodo, strumentalità con cui...

(24 Agosto 2016)

Enrico Campofreda

Turchia: agli appelli kurdi Erdogan fa orecchie da mercante

L’Hdp torna a chiedere il rilancio del processo di pace, ma le chiusure del presidente sono già una chiara risposta. Ankara vuole mantenere acceso il conflitto per dominare meglio il paese Rilanciare il processo di pace: è l’appello del co-segretario del Partito Democratico dei Popoli, Hdp, Selahattin Demirtas. A quasi due settimane dal tentato golpe e in piena campagna epurativa...

(27 Luglio 2016)

Nena News

Le comuni agricole in Rojava. Viaggio in una cooperativa a Serekaniye

La strada che taglia il Rojava lungo il confine con la Turchia attraversa il paesaggio spoglio e polveroso di Serekaniye. Qui, a metà strada tra Qamishlo e Kobane, è iniziata la rivoluzione quattro anni fa, quando un migliaio di miliziani di Jabat Al-Nusra, che volevano imporre alla città la loro restaurazione coranica, furono umiliati da un centinaio di combattenti curdi poco...

(1 Luglio 2016)

Dall'inviato di Radio Onda d'Urto e Infoaut a Serekaniye, Rojava

Kurdistan turco, il mattone dopo il cannone

Sembrerebbe un mea culpa, ma non lo è. Il vicepremier e portavoce del governo turco Numan Kurtulmus dichiara che i nove mesi (s’iniziò il 4 settembre 2015) d’assedio continuato e semi interrotto a varie città kurde del sudest anatolico, da Diyarbakir a Cizre, passando per Silopi, Idil, Yukeskova e in quest’ultime settimane Nusaybin, hanno prodotto la distruzione...

(1 Giugno 2016)

Enrico Campofreda

Rojava: come si crea un processo rivoluzionario

Quando la guerriglia curda cacciò esercito e polizia siriani dal Rojava (19 luglio 2012), il vuoto militare fu riempito dalle unità di protezione popolare (Ypg), che non potevano risolvere, tuttavia, il problema della creazione dell'organizzazione della vita sociale e dell'economia. Il Pyd si fece promotore di un'intesa tra diverse forze politiche, sociali e religiose della Siria settentrionale,...

(29 Maggio 2016)

Infoaut

Sud-est turco, i giovani che scelgono la guerriglia

Non si sa se possono risuonare tragicamente profetiche le parole pronunciate da un attivista kurdo di Cizre, che aveva ricoperto anche incarichi amministrativi prima di morire colpito durante scontri avvenuti nel 2012, in occasione della cosiddetta “tempesta dei bambini”. Prima dunque, del recente coprifuoco e delle battaglie che, secondo le fonti ufficiali, hanno fatto 279 vittime fra...

(4 Aprile 2016)

Enrico Campofreda

Cizre: rigettare l’orrore

Il corpo di ragazza, seminudo e maculato di sangue, sta su un impiantito di mattoncini. Già rigido, la vita è volata via, oltre le macchie rosse che s’intravvedono su un fianco, sul petto. Via dall’enorme grumo rappreso di lato. La foto è stata lanciata su un social network. Le due mimetiche turche, di poliziotto e militare, che osservano il cadavere potrebbero essere...

(12 Febbraio 2016)

Enrico Campofreda

Cizre, l’ordine della pulizia etnica

Pattuglie in marcia fra edifici scarnificati. Le case sventrate, incenerite preventivamente sotto il fitto tambureggiare di granate. Nera pece tutt’attorno, dentro e fuori i locali che plumbee nubi incorniciano all’orizzonte. Anche il tempo meteorologico s’è vestito a lutto nelle cittadine di Cizre e Sirnak, spettrali icone dei mesi d’assedio e guerra. Certo guerra,...

(3 Febbraio 2016)

Enrico Campofreda

LA VITA È BELLA

Sei storie dal Kurdistan in guerra

Qui i viaggi in autobus, percepiti di solito come eventualità noiose e seccanti, si trasformano in introspezioni che attraversano anime e pensieri. Perché i paesaggi di Bakur sono di una bellezza irreale, che cattura: lande collinose frastagliate dove mucche, pecore e asini appaiono immobili, come se qui il tempo non esistesse; brutali rupi massicce, a volte nude, a volte pesantemente...

(1 Febbraio 2016)

Traduzione di Trevis Annoni

Kurdistan turco, vietato piangere i morti

Se il numero dei guerriglieri del Partito dei lavoratori kurdi uccisi sino a metà dicembre da esercito e polizia ammonta a 448, come afferma una nota del comando militare turco, chi sono le restanti duemilaseicento vittime della repressione che da mesi s’abbate sulle province del sud-est? E’ il popolo kurdo. Civili d’ogni età, di cui parliamo da settimane, assassinati...

(11 Gennaio 2016)

Enrico Campofreda

Kurdistan turco, pena di morte per via

C’è modo e modo di assassinare a sangue freddo. I boia sauditi lo fanno con la spada, i compari-antagonisti che provano a superarne fondamentalismo e cinica ferocia usano coltellacci, poi c’è chi spara indiscriminatamente sui civili. L’ha fatto ancora l’Isis a Parigi, lo fa lo Stato turco da due mesi accanito contro le popolazioni kurde del sudest del Paese. Lo...

(7 Gennaio 2016)

Enrico Campofreda

Silopi: Lo stato turco ha giustiziato tre attiviste curde!

Da oltre due settimane continua il coprifuoco nelle città di Cizre, Sur e Silopi, luoghi storici della resistenza curda. La popolazione civile è stremata dall’impossibilità di uscire di casa e dall’assenza di forniture elettriche e idriche, vengono attaccate le abitazioni di interi quartieri, impedendo alle ambulanze di soccorrere le persone ferite negli attacchi armati...

(6 Gennaio 2016)

Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia- UIKI Onlus

Diyarbakir, morire di coprifuoco

Siyar Salman e Serdil Cengiz erano due giovani del distretto di Sur, diciannove anni il primo, ventuno il secondo. Sono morti ieri di coprifuoco, presso Diyarbakir. Colpiti da proiettili “vaganti” come l’avvocato dei diritti Tahir Elçi, freddato a sua volta durante una conferenza stampa tenuta giorni addietro all’aperto, sotto lo storico minareto della città....

(15 Dicembre 2015)

Enrico Campofreda

La Turchia della licenza d’uccidere

Mentre l’attenzione internazionale è concentrata sull’attacco che il presidente Erdogan ha ricevuto dal Gotha militare russo per i presunti traffici di petrolio a vantaggio della famiglia prima che della Turchia, la situazione repressiva nel Paese continua a segnare uno stato d’estrema tensione e di morte. Verso chiunque ponga il desiderio di libertà, democrazia, autodeterminazione,...

(4 Dicembre 2015)

Enrico Campofreda

IL SISTEMA DI AUTODIFESA DELLE DONNE È FONDAMENTALE PER AFFRONTARE LA VIOLENZA PATRIARCALE!

In questo giorno del 25 novembre, Giornata Internazionale Contro la Violenza Sulle Donne, acclamiamo ancora una volta la resistenza delle sorelle Mirabel contro il volto fascista del sistema patriarcale. Le sorelle Mirabel hanno mostrato nel corso della loro vita un atteggiamento basato sulla consapevolezza, la mobilitazione e la resistenza. Come molte altre donne che hanno resistito per migliaia...

(22 Novembre 2015)

uikionlus.com

Elezioni del 1° novembre in Turchia: dall’Italia una folta delegazione di osservatori internazionali

Anche dall'Italia è partita una delegazione di osservatori internazionali indipendenti per monitorare l'andamento delle elezioni legislative del 1° novembre in Turchia. Su invito del Partito Democratico dei Popoli (HDP), il grande protagonista della passata tornata elettorale di giugno, quando riuscì a superare la soglia di sbarramento del 10% eleggendo un'ottantina di deputati,...

(30 Ottobre 2015)

Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia UIKI Onlus

Turchia: prelievo di sangue forzato per inviati infoaut

Decisamente quello che succede nel Kurdistan turco non s'ha da sapere. Anzi, ancora ancora si può sapere dei rifugiati (causati da quel mostro dello Stato islamico con cui Erdogan non avrebbe nulla a che fare), si può sapere delle case trivellate e delle macerie (causate ovviamente dai "terroristi" per l'imparzialissima informazione turca) ma non s'ha da sapere che da diversi mesi alcuni...

(29 Ottobre 2015)

InfoAut

L’attentato di Ankara, ipocrisia e complicità occidentali nella guerra contro il Kurdistan

La narrazione mediatica anche italiana ancora una volta ha dimostrato chi è contro il terrorismo e chi è complice nella guerra contro il popolo curdo, l’unico a combattere e ad aver vinto contro l’ISIS, che vede il governo turco in prima fila Il recente attentato ad Ankara ha colpito la sinistra rivoluzionaria kurda e coloro che si battono per la Pace e la democrazia, movimenti...

(14 Ottobre 2015)

Alessio Di Florio

Cizre, l’assedio, il sequestro, la morte

Il “pericolo di attentati” allontana il voto da Cizre, nel distretto di Sirnak, la città uscita con morti e feriti, da uno stato d’assedio durato dal 4 al 12 settembre. Per cui il Consiglio del distretto elettorale decide di non collocare urne nelle aree di Cudi, Nur e Sur che raccolgono 48.000 dei 66.000 elettori di Cizre, dove il voto plebiscitario per la formazione filo...

(22 Settembre 2015)

Enrico Campofreda

<<   | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |    >>

153957