il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Aiuto!

Aiuto!

(2 Maggio 2012) Enzo Apicella
A Torino contestato Piero Fassino al corteo del primo maggio. La polizia interviene con una carica pesante e immotivata.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Giordano e Lombardi a casa.

Proponiamo comitati per la ricostruzione della sinistra

(15 Aprile 2008)

Tanto tuonò che piovve. Bertinotti e Giordano per anni ci hanno spiegato (con una certa sufficienza) che bisognava fare come dicevano loro per evitare il ritorno di Berlusconi e costruire una sinistra più forte. Dopo la catastrofe di ieri ogni commento è superfluo. Ma su un punto occorre essere chiari. Il direttore del Manifesto ieri ha consigliato ai vertici della sinistra di riunirsi in un convento per "ripensare al futuro". Ci vadano, ma a riflettere sui propri peccati, che di danni ne hanno fatto già abbastanza e al futuro ci pensiamo da soli. Una precisazione che qui a Genova ovviamente vale in primo luogo per Mirko Lombardi: il biglietto del treno eventualmente glielo offriamo noi.

Se infatti qualcosa ha dimostrato la catastrofe di ieri è che questi dirigenti non solo sono minoranza nel paese: sono minoranza nella sinistra e nei loro stessi partiti. Dunque nessuno è più titolato a parlare da un piedistallo: tutti militanti, nessun dirigente dunque. Nel Prc chiediamo le dimissioni del gruppo dirigente nazionale (a Genova le dimissioni del loro commissario) e l'avvio immediato del congresso. C'è da rimuovere le macerie di Rifondazione e della sinistra, prendere atto che l'Arcobaleno è morto e aprire un confronto sulla prospettiva: non è solo una questione interna del Prc, è un problema di tutta la sinistra.

Il risultato di ieri ci dice infatti che una nuova sinistra, che è necessaria, ha un futuro proprio e solo se rompe col modello arcobaleno. Ma a questo futuro stavolta vogliamo pensarci noi e per questo proporremo che in tutte le città, a partire da Genova, si formino comitati per la ricostruzione della sinistra. Non una sinistra Ogm, che nell'illusione di condizionare il Pd si vota masochisticamente alla subalternità e all'autodistruzione, ma una sinistra radicale e anticapitalista che affondi le proprie radici nei posti di lavoro; nella sinistra sindacale e nel sindacalismo alternativo; a Vicenza e in Val di Susa; tra tutti coloro che stavolta non ci hanno votato e con tutti coloro che hanno criticato da sinistra il pasticcio arcobaleno. Una sinistra in grado di prepararsi a un lungo periodo di opposizione all'asse Pd-Pdl per le "riforme" e capace di uscire dall'illusione di condizionare, anche a livello locale, chi non ha nessuna volontà né ormai più alcun interesse a far finta di essere condizionato da noi. Infine una sinistra in cui di un soggetto comunista organizzato ci sarà ancora bisogno. Burlando, Repetto e Vincenzi si preparino. Magari non ci riusciremo, ma da oggi in molti lavoriamo per ricostruire una sinistra di opposizione a tutte le politiche neoliberiste, quelle del governo nazionale, ma anche le loro.

Genova, 15 aprile 2008

Marco Veruggio
Comitato Politico nazionale Prc
Coordinatore nazionale Controcorrente Sinistra Prc

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Elezioni politiche aprile 2008»

Ultime notizie dell'autore «Marco Veruggio»

7625