il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

The Health Farm

The Health Farm

(15 Luglio 2011) Enzo Apicella
Cisgiordania notebook

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Colombia: le FARC-EP smentiscono responsabilita' nei fatti del Club El Nogal!!!

(12 Marzo 2003)

Le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia - Esercito del Popolo, FARC-EP, rendono noto che:

1. Il Segretariato dello Stato Maggiore Centrale delle FARC-EP, dopo aver condotto una paziente, rigorosa e seria investigazione all'interno di tutte le loro strutture politico-militari a livello di stati maggiori di blocchi, fronti, colonne, compagnie, guerriglie, forze speciali e strutture urbane, ha concluso che le unità della loro organizzazione non sono responsabili dei fatti avvenuti nel Club El Nogal, di Bogotá, venerdì 7 febbraio di quest'anno.

2. La nostra percezione rivoluzionaria ci permette di affermare che gli autori dei fatti del Nogal sono gli stessi della "collana-bomba", gli stessi che hanno tolto la vita ai magistrati della Corte Suprema di Giustizia nel 1985, che hanno sacrificato il dottor Alvaro Gómez Hurtado ancorché fedele rappresentante dei loro interessi ed appartenente alla loro stessa classe, e che hanno ucciso Luis Carlos Galán Sarmento supponendo che rappresentasse, nella forma ma non nel contenuto, una nuova scelta; gli stessi che alla stregua dei mercanti della morte hanno costruito una catena di dolore e frustrazione, scandita dai magnicidi dei candidati presidenziali Jaime Pardo Leal, Carlos Pizarro León Gómez e Bernardo Jaramillo, e che hanno sterminato fisicamente col piombo l'Unión Patriótica ed importanti dirigenti del Partito Comunista, così come centinaia di dirigenti sindacali, contadini, indigeni, intellettuali, giornalisti, studenti, umoristi ed avvocati.

3. Con i fatti del Nogal, il terrorismo di Stato ha cercato unicamente di scatenare nel paese un isterismo contro la guerriglia che propiziasse l'approvazione dello Statuto Antiterrorista da parte del Congresso, e di ripulire l'immagine a livello internazionale del Governo paramilitare di Uribe Vélez e raccogliere solidarietà nei suoi confronti, coinvolgendo alcuni paesi in una crociata contro le FARC con il pretesto secondo il quale esse sarebbero un'organizzazione terrorista. Fortunatamente, alcuni governi non sono caduti nella trappola, avendo la sana e solidale speranza nei confronti del popolo colombiano di poter contribuire, al più presto, alla soluzione politica negoziata del conflitto sociale ed armato che ci affligge da decenni. Né le risoluzioni dell'ONU, né quelle dei Paesi Non Allineati, né quelle dell'Organizzazione degli Stati Americani segnalano direttamente le FARC-EP come organizzazione terrorista.

4. E' molto sospetta la velocità con cui i rappresentanti dello Stato e del Governo colombiani si sono affrettati ad indicare, per esigenza del Dipartimento di Stato nordamericano, le FARC come autrici dei fatti del Nogal, coinvolgendo persino l'ETA basca e l'IRA irlandese, cosa con cui hanno innalzato una malintenzionata cortina fumogena diversiva per coprire i veri responsabili.

5. Ratifichiamo una delle conclusioni dell'Ottava Conferenza Nazionale Guerrigliera, svoltasi nel 1993: "Vogliamo manifestare con chiarezza la nostra condanna nei confronti del terrorismo, indipendentemente dalla sua origine. Le azioni violente che hanno per obiettivo intimidire la popolazione civile e soppiantare il popolo con azioni individuali che questo deve sviluppare, possono ottenere soltanto incertezza e condanna popolare. La nostra politica è giusta perché siamo interpreti di un paese intimidito dal terrorismo di uno Stato che, da 45 anni, si accanisce contro la popolazione".

Montagne della Colombia, 9 marzo del 2003

Segretariato dello stato maggiore centrale delle FARC-EP

3897