il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Università munnezza

Università munnezza

(25 Novembre 2010) Enzo Apicella
La riforma Gelmini In discussione alla Camera

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Sciopero ATM Milano: per chi valgono le regole ?

(3 Dicembre 2003)

Sindaco e vice sindaco, Cgil-Cisl-Uil e Codacons : tutti insieme appassionatamente nel condannare l'estensione dello sciopero effettuato dai lavoratori dell'ATM. Le regole vanno rispettate dicono all'unisono, e rifacendosi alla legge che quelle regole ha imposto (la 146 del'90) piovono minacce di provvedimenti disciplinari, multe e quant'altro per punire i lavoratori in sciopero.

Regole sempre più restrittive applicate da una Commissione che di 'garanzia del diritto di sciopero' ha solo il nome. Scioperare diventa sempre più difficile, specie nei servizi, dove impera la famigerata legge 146 che considera lo sciopero un'illegalità latente e che vorrebbe rendere gli scioperi sempre più indolori e pertanto inefficaci.

Regole che valgono e puniscono solo i lavoratori e le organizzazioni sindacali. Per le aziende pubbliche o private che disattendono gli accordi, che non rinnovano i contratti, non vi sono regole : la libertà d'impresa è sacra, il padrone fa quello che vuole e ti può lasciare senza i soldi del contratto anche per due anni.

Siamo solidali con i lavoratori dell'ATM di Milano, arrivati a scioperare infrangendo le regole proprio perché esasperati dall'aver fatto tanti scioperi - nel rispetto di quelle regole - che non hanno portato al rinnovo di quel contratto. I lavoratori dell'ATM hanno portato alla ribalta un problema più generale : i salari e gli stipendi continuano a perdere valore, i rinnovi contrattuali sono ormai perennemente in ritardo a quando arrivano non servono a recuperare il potere d'acquisto perso, né a migliorare le condizioni di lavoro.

Le loro rivendicazioni sono giuste e sacrosante e ogni intervento repressivo va contrastato. Il problema non sono i lavoratori che scioperano, ma il governo e le amministrazioni che privatizzano i servizi, tagliano i fondi per gli enti locali e infine non rispettano nemmeno i contratti e non vorrebbero neanche più farli, così lavori lo stesso oggi ma con il salario di due anni prima.

SinCobas Coordinamento provinciale di Milano

9128