il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Pomigliania

Pomigliania

(24 Giugno 2010) Enzo Apicella
Mentre la Lega rilancia la secessione della Padania, gli operai di Pomigliano fanno fallire il plebiscito richiesto dalla Fiat.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Fiat: se passa l’america arrivano i licenziamenti !

(13 Gennaio 2011)

Nonostante il lavoro- sia nella dimensione stabile che in quella precaria – abbia perso valore, in virtù delle sconfitte subite e volute dal sindacato e dall’intera partitocrazia, bisogna “ ringraziare” proprio Marchionne per avergli ridato attualità e centralità nel sistema-azienda Italia.

Pur nella loro spietatezza i diktat su Pomigliano e Mirafiori dimostrano , ad onta dei sociologi “ quelli della fine del lavoro”, che tuttora nella modernità cibernetico-globale il capitale non può fare a meno della forza lavoro per riprodursi. Anzi, deve appellarsi ad essa per ottenere consenso al proprio autosfruttamento !

Il coinvolgimento dei lavoratori non è legato al ricatto della permanenza delle produzioni in Italia – sono noti le promesse-piani non mantenuti dal 2004 ad ogfgi, da Termini Imprese a Melfi, da Pomigliano a Mirafiori , e tra breve alla Sevel di Atessa – è piuttosto una lezione “ marxiana” ad uso dell’intero assetto capitalistico.La dimostrazione palese che il capitalismo si basa esclusivamente sui rapporti di forza e se ne frega delle convenzioni proprie dello stato di diritto, approfittando come sempre delle crisi da lui prodotte per sfruttare al massimo la situazione. E senza alcuna remora nel seppellire quanto ha dovuto cedere in termini salariali e di diritti al tempo in cui i lavoratori erano e si sentivano “ classe”, anzi aspiravano e lottavano per l’abbattimento del capitalismo.

Dalla sconfitta dei “ 35 giorni” alla Fiat-Mirafiori nel dicembre ’80 , la classe operaia non si è più ripresa! Al sussulto rabbioso dell’autunno ’92 è seguito l’ingabbiamento prodotto dagli accordi del luglio ’93, gli stessi che oggi Marchionne,Confindustria,Sacconi, dichiarano decaduti !I sindacati concertativi e le RSU non servono più !Con la firma degli accordi su Pomigliano e Mirafiori i sindacati firmatari diventano strumenti esclusivamente repressivi, occorrenti – come recita la 1° pagina del Sistema di Relazioni Sindacali – “ ad assumere la prevenzione del conflitto …. , in tale ambito si identificano nella Direzione Aziendale e nella RSA i soggetti che hanno questo compito…” !

Del resto se Marchionne , per trovare la quadra degli accordi ha utilizzato lo Statuto dei Lavoratori – nato per tutelare i diritti dei lavoratori in fabbrica – si può ben capire che insieme alla ricostruzione del rapporto di forza , i lavoratori devono ricercare nuovi strumenti di rappresentanza per esercitare i diritti.

Intanto ,nel tempo dell’azione referendaria per far votare SI alla ripubblicizzazione dell’acqua e contro il nucleare , si possono raccogliere le firme per mettere a referendum l’art.19 dello Statuto( quello utilizzato da Marchionne) e la legge Gelmini !

Non trascuriamo, non facciamo cadere, questa proposta. Stiamone ben certi, i Marchionne si moltiplicheranno per 10.000 e più ! Chi tra i padroni non vorrà approfittare della situazione favorevole ? Chi non vorrà disporre di manodopera a 800 euro, servizievole e senza diritti ?

Il rinascimento della classe lavoratrice dovrà essere ricercata superando le attuali contraddizioni e debolezze .Mica possono cavarci le castagne dal fuoco i lavoratori cinesi ! Per la loro rivolta emancipatrice dovremo attendere un altro decennio . Un tempo enorme,dilatato,dove si rischia di perdere la memoria dei diritti e del conflitto !

Un compito arduo compete agli attuali resistenti del NO a Pomigliano e Mirafiori, di tutti i NO nelle manifatture, nei servizi, nel pubblico impiego, nel precariato.

La coscienza di essere senza rete, senza protezione democratica, esposti a ricatti sempre più infimi, a configgere tra lavoratori ,tra generazioni precarie.

E dunque , al punto più basso della storia recente, la necessità di stendere relazioni solidali e cooperanti in permanenza , capaci di riattivare il blocco sociale antagonista, di identificarsi in proprie istituzioni e politiche dirette : solo a quel momento saremo in grado di ricontendere il rapporto di forza e di annunciare una nuova stagione di conflitti libertari.

Peraltro, “ i referendum del Marpione” oltre a dimostrare la debolezza dei lavoratori , sono anche la premessa dell’uscita degli Agnelli dall’ovile italiano !

Nella presente e ancora duratura stagnazione, con 6.000.000 di auto invendute in Occidente e a breve con l’invasione cinese , la cui produzione salirà al 1° posto tra le utilitarie, oltre che per l’innovazione della trazione elettrica, che speranza ha la Fiat di farcela ?! Quella dei modelli obsoleti,Panda e Punto ? Del ritardo tecnologico e dell’assenza nell’elettrico? Dell’enorme esposizione debitoria (Fiat= 4,2 mld verso banche UE; Fiat-Chysler=6,2mld verso governo USA + 4 mld verso fondi pensione UAW) ? Quella che ha perso in vendite il 35% in Ue e il 18% in Italia ?

Che piano industriale – di quale respiro – è quello di produrre la Panda “polacca” a Pomigliano ? O quello di fare i SUV a Mirafiori , per rivenderli in USA ?? O quello dello “ spin off” , la divisione in 2 dell’ultracentenaria Fiat spa ? Quando era soprattutto dai trattori-macchine agricole che Fiat ricavava l’utile per pareggiare il bilancio negativo del settore auto ?!

E’ credibile la promessa di produrre 1,2 milioni di auto in Italia a fronte delle attuali 600.000 ? Con quali modelli e in quali-quanti stabilimenti ? Per quali clienti squattrinati ?

Tutte domande che non trovano risposte ! Cosa nasconde Marchionne ? La realtà ci dice che chiude Termini Imerese , nel 2006 prometteva di investire oltre 200 milioni per la nuova Ypsilon ! E che ne è stato dell’investimento di 720 milioni per la logistica promesso nel 2008 a Pomigliano? Non se n’è fatto niente, è sorto a Nola il reparto confino con 326 deportati tra i più attivi sindacalmente ed è stato licenziato l’RSU-Cobas Mimmo Mignano ! E i promessi 20 miliardi per “ Fabbrica Italia”? ridotti a meno di 2 , solo se si accetta di lavorare alle sue condizioni !

Tutto ciò porta a dire non solo ai Cobas, ma a consumati conoscitori della Fiat e a noti economisti, che la Famiglia Agnelli, quella che detiene la maggioranza del pacchetto azionario Fiat, è pronta a lasciare l’Italia. Il continuo rilancio e le provocazioni di Marchionne, le minacce esplicite di andarsene ad investire altrove, sono parte del piano “ Famiglia Agnelli” di alzare il prezzo,fare cassa e andare ad investire in prodotti più renumerativi e in territori “ off shore” ! L’ingratitudine è propria dei padroni. Marchionne : da ultimo, sostiene spudoratamente che Fiat non “guadagna 1 euro in Italia”, quando vende 500.000 auto a costo lavoro dimezzato per il lauto sostegno offerto dalla Cassa Integrazione, CIG in cui vuol sbattere tutti i lavoratori di Mirafiori per tutto il 2011 e metà 2012 !

Con i “ se” non si fa la storia. Ma se ci fossero sindacati e partiti almeno sostenenti il lavoro, la Famiglia Agnelli e i loro AD Fiat non sarebbero leccati ed osannati, bensì messi alle corde e costretti a tirare fuori i soldi per garantire lavoro e reddito in Italia, così come fanno Volfwgen e Daimler in Germania, Pegeuot-Citroen-Renault in Francia, Nissan e Toyota in Giappone.

E posto che gli Agnelli volessero ritirarsi e/o cambiare aria , prima verrebbero costretti a restituire il maltolto di 60 anni e poi a vendere all’offerente in grado di mantenere inalterata l’occupazione !

Nell’attualità dei meschini e feroci ricatti posti dalla Famiglia Agnelli e dal suo AD Fiat, questi non dovrebbero trovare alcuna udienza nella pur devastata “ classe lavoratrice”: quale credibilità infine avrebbe Fiat nel mondo e in borsa, quando non sa fare il proprio mestiere in Italia, se chiude a Torino dove è nata ??

I creduloni del SI , si domandino piuttosto che avvenire c’è nella produzione di SUV a Mirafiori ?!

Nessuna paura ! Se si rimane compatti e vincono i NO, se si respinge il ricatto, Fiat continuerà a produrre auto nostrane per il mercato italiano( non può perdere altre quote di mercato dov’è monopolista) , se passa l’America arrivano il licenziamenti !

Vincenzo Miliucci

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Crisi e lotte alla Fiat»

Ultime notizie dell'autore «Confederazione Cobas»

2969