">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Salvate la Sanità

Salvate la Sanità

(28 Novembre 2012) Enzo Apicella
Secondo Monti il sistema sanitario nazionale è a rischio se non si trovano nuove risorse

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Slai Cobas Alfa Romeo di Arese. Sulla “pensione d'oro” di Corrado Delledonne: Risposta alla “stroncatura” di Roberto Poletti

(23 Novembre 2011)

anteprima dell'articolo originale pubblicato in www.slaicobas.it

IN ALLEGATO IL RECENTE COMUNICATO SULLA CASSA DI RESISTENZA per i LICENZIATI dell'ALFA

Slai Cobas Alfa Romeo di Arese. Sulla “pensione d'oro” di Corrado Delledonne: Risposta alla “stroncatura” di Roberto Poletti su “Affari Italiani”. Roberto Poletti, sul sito di AFFARI ITALIANI, contesta a Corrado Delledonne, coordinatore dello Slai Cobas, il fatto che ieri ha “accompagnato una cinquantina di operai licenziati da Innova Service, l'azienda che gestisce le portinerie sull'area dell'ex Alfa Romeo di Arese, all'Iper di piazzale Accursio a Milano per una spesa proletaria”.

comunicato pdf

“Un gesto dimostrativo per attirare l'attenzione, quello di riempire i carrelli”. “Delle Donne, ex consigliere regionale, e' uno dei pensionati d'oro di Regione Lombardia. Che riempisse il carrello per tutti col suo grasso mensile guadagnato dopo soli cinque anni passati tra i banchi del consiglio, allora...”.
Roberto Poletti sa bene che Corrado Delledonne, per tutti i 5 anni da consigliere regionale, ha versato tutti i soldi presi dalla Regione alla cassa di resistenza per gli operai licenziati dall'Alfa Romeo.
Corrado Delledonne, eletto nel 1995 in Regione Lombardia col voto di 5.000 operai dell'Alfa Romeo, come primo atto ha dato disposizione agli uffici regionali di versare l'intero ammontare dei suoi emolumenti da consigliere sul conto corrente della CASSA di RESISTENZA per i licenziati dell'Alfa Romeo.

E per tutti i 5 anni da consigliere regionale Corrado ha ricevuto dalla cassa di resistenza la stessa modesta quota mensile ricevuta dagli altri licenziati. Corrado, a causa dei continui licenziamenti, non percepisce nessun'altra pensione, né dall'Inps né da alcun altro ente.
Corrado Delledonne nel 1995, un mese dopo la sua elezione, depositò due proposte di legge, una per eliminare le doppie pensioni d'oro dei consiglieri regionali e un'altra per dimezzare gli stipendi d'oro dei consiglieri regionali stessi.
Queste proposte furono bocciate da tutti i gruppi consigliari, sia di centrodestra che di centrosinistra. Corrado Delledonne, sulla base della legge regionale di allora, presentò nel 1998 regolari firme di cittadini per far votare con REFERENDUM tutti i cittadini lombardi per dire SI o NO alle doppie pensioni d'oro dei consiglieri regionali e per dimezzatre gli stipendi degli stessi consiglieri.
Ma con una vergognosa ed illegittima decisione, prima dell'ufficio di presidenza e poi del consiglio regionale, fu deciso di non indire i referendum nonostante ciò fosse un atto dovuto. Fu lo stesso Formigoni a proporre al consiglio di cassare i referendum.

Anche la liquidazione, data a fine legislatura nel 2000 ai consiglieri regionali, è stata versata integralmente da Corrado nella cassa di resistenza per i licenziati. La Fiat, dopo che nel 1987 ebbe in regalo l'Alfa Romeo, ha ripetutamente licenziato i lavoratori ed i delegati più combattivi; lo stesso Corrado è stato licenziato per 11 volte dalla FIAT.
I soldi della cassa di resistenza in questi anni hanno aiutato molti nostri compagni a resistere alla tracotanza della Fiat e, dal 2000, anche alle altre consorterie padronali e istituzionali che stanno speculando sull'area dell'Alfa sempre assieme alla Fiat.

Per “riempire i carrelli” dei 70 lavoratori ex Alfa Romeo licenziati da Innova Service non basta la pensione della Regione di 19.200 euri annui di Corrado, ma serve innanzitutto il ritiro di questi odiosi licenziamenti.
E intanto, per non darla vinta a Lorsignori e per far sì che i lavoratori licenziati dell'Alfa resistano un minuto più del padrone, servono soldi: per dare 1.000 euro solo a ognuno dei 70 licenziati Alfa Romeo di Innova Service occorrerebbero 70.000 euro al mese.
E' per questo che nei giorni scorsi lo Slai Cobas ha lanciato una sottoscrizione straordinaria per i licenziati dell'Alfa. Invitiamo perciò Roberto Poletti, se gli è rimasto ancora qualcosa delle generose prebende dell'era Moratti, a contribuire anche lui con una sottoscrizione d'oro facendo un bonifico ai licenziati dell'Alfa.


Arese, 23 novembre 2011

Slai Cobas Alfa Romeo

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Allegati scaricabili

  • Presidio permanente da nove mesi dei 70 lavoratori licenziati dall'azienda spionistica: Alfa_Romeo_di_Arese.docx  (14 Kbyte)

Ultime notizie del dossier «Arese in lotta»

Ultime notizie dell'autore «SLAI Cobas»

10184