il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Ci facciamo un Tonchino?

Ci facciamo un Tonchino?

(5 Gennaio 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Iran. Il prossimo obiettivo della guerra imperialista?")

L’Iran dalla sfida elettorale alla difesa nazionale

(1 Gennaio 2012)

Rafsanjani

Cinquemiladuecentottantatre aspiranti deputati si contenderanno i duecentonovanta seggi del Majlis nelle elezioni politiche iraniane programmate per il prossimo 2 marzo. L’ha reso noto ufficialmente il Ministero dell’Interno della Repubblica Islamica assieme ad altri dati: delle trenta province quella col maggior numero di candidati è ovviamente Teheran che ne conta 1006, la più contenuta Busher con 37. In mezzo collegi medi come Fars dove i pretendenti sono 350. Le liste presentano volti noti della scena nazionale, dal navigatissimo presidente del Parlamento Larijani a Motahhari e Behrouzi, avversari di Ahmenadinejad durante le contestatissime presidenziali del 2009. Si candida anche Parvin, sorella del presidente, già inserita nel Consiglio cittadino. Una strada percorsa anni addietro da Mohammad che dal ruolo di sindaco della capitale salì sullo scranno più altro del Paese. All’epoca (2005) fu protetto dalla Guida Suprema Khamenei, nonostante all’interno del partito dei Guardiani della Rivoluzione avesse sostenuto l’idea di ridimensionare la funzione del clero a vantaggio dei pasdaran. Quell’incrinatura, solo parzialmente digerita da Khamenei, è ricomparsa negli ultimi due anni, e non certo per le contestazioni dell’, bensì per la ripresa dello scontro egemonico fra una parte del clero sciita e il ‘partito dei militari’ consolidato economicamente attorno alle sue affaristiche fondazioni (martiri, veterani, invalidi, alloggi) che costituiscono un potentissimo apparato finanziario. Fra le due e più anime conservatrici dell’islamismo interno probabilmente neppure l’ayatollah fondamentalista Mesbah Yazdi se la sente più di far da tutore ad Ahmadinejad, e non è un caso che nell’ottobre scorso questi sia incappato nel trappolone di un’inchiesta per frode che gli fa tuttora rischiare l’incriminazione. La sorella naturalmente lo difende. Dice “Il nostro presidente è perseguitato da vicende giudiziarie. Personalmente non sono d’accordo sull’impeachment”.

Quel che accadeva nel settembre 2009 con le proteste di piazza (where’s my vote? ricordate?) in parte spontanee, in parte supportate da chi negli States e in Gran Bretagna lavora per attaccare lo Stato Islamico, non aveva incrinato la leadership del contestatissimo Ahmadinejad. L’accusa di brogli rivoltagli s’allargava a Khamenei e al blocco clericale che lo fiancheggiava. Quell’abbraccio d’autunno è stato l’ultimo concesso dalla Guida Suprema al presidente. Poi i rapporti si sono sempre più raffreddati nonostante gli scontri dell’Ashura del dicembre 2009, con tanto di attentati e spargimento di sangue vissuti come un attacco all’intera nazione e alla Rivoluzione Islamica. Le crescenti sanzioni imposte dall’Occidente, seguìte alle verifiche (in alcuni casi falsificate) dell’Aiea su un possibile uso militare della ricerca nucleare iraniana, hanno rinsaldato un’immagine unitaria del Paese solo in funzione esterna. Di fatto il confronto-scontro interno su chi dovrà tenere le leve del potere è aperto e, passo dopo passo, utilizzerà ogni scadenza compresa quella elettorale di marzo. A essa si riaffacciano i riformisti che utilizzano volti seminuovi come gli avvocati Mohamad Ali Kouzegar e Asgar Eslamdoust che furono parlamentari ai tempi del secondo mandato di Khatami (2000-2004). Nel quadriennio seguente la loro candidatura era stata rigettata dal Consiglio dei Guardiani sebbene ora i due minimizzano. In una recente conferenza stampa Kouzegar ha ricordato che “Alcuni noti esponenti riformisti hanno evitato di candidarsi, io la penso diversamente e ho deciso di esserci. Lotterò da indipendente. Non comprendo invece il boicottaggio elettorale: è contro l’interesse del Paese”. Lo segue Eslamdoust “La nostra precedente cancellazione dalla corsa elettorale può essere stato un equivoco o un ostacolo. Dev’essere però chiaro che i riformisti non intendono rovesciare il sistema islamico”.

I contrasti palesi ci sono e i protagonisti non li nascondono. E’ di queste ore la notizia che il sito web di un altro volpone della politica e dell’economia iraniana, l’ex presidente Hashemi Rafsanjani, è stato bloccato dall’interno. Dopo aver guidato la nazione con piglio imprenditoriale Rafsanjani ha continuato a seguire più gli affari che le istituzioni nonostante i primi non possono prescindere da contesti di macroeconomia e politica estera. Alle presidenziali del 2009 si espose sostenendo la candidatura di Moussavi, inimicandosi i basij pro Ahmadinejad. Quest’ultimi lo guardavano con sospetto già negli anni Novanta quando praticava aperture e concessioni all’Occidente riassunte in quel cosiddetto “sviluppismo” che introdusse una sorta di liberalizzazioni. Esse salvaguardavano un business in molti casi anche personale, e insieme alle privatizzazioni che piacevano ai bazari intaccarono quella cosa pubblica su cui mettevano le mani le bonyad religiose e militari. Eppure fra conflitti odierni e rancori del passato un fattore fa ritrovare all’intero quadro politico iraniano la coesione: l’ipotesi d’un attacco alla nazione. L’idea che la Quinta Flotta statunitense di stanza nel Bahrain (20 navi da guerra, aerei e 15.000 militari) possa intervenire o semplicemente contrastare le manovre della propria marina (23 sottomarini e navi d’appoggio) nello stretto di Hormuz fa ringalluzzire ‘partito dei militari’, clero, bazari con e senza turbante, e gli stessi riformisti. In questo caso tutti si stringono a difesa della sovranità politica ed economica della nazione. Lo spirito della “generazione del fronte” che s’oppose a Saddam non sembra affievolito.

31 dicembre 2011

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Iran. Il prossimo obiettivo della guerra imperialista?"»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

4084