il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Taranto

Taranto

(26 Ottobre 2012) Enzo Apicella
Una ricerca del ministero della Salute indica che a Taranto le morti per tumori sono nettamente al di sopra della media

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il saccheggio del territorio)

No pedemontana. No grandi opere. No tangenziali militari

Manifestazione contro la pedemontana sabato 17 marzo ore 14.30 piazza san paolo  alte ceccato.

(15 Marzo 2012)

I lavoratori si  mobilitano non solo per le proprie condizioni di lavoro  ma anche sui beni comuni e sul sociale.
La Pedemontana è un'altra delle famose grandi opere di cui è costellato il nostro paese; tav, ponte sullo stretto, expo di Milano, f35 e Dal Molin per le spese militari, ecc
Grandi opere che comportano la distruzione del territorio e che fanno sicuramente felici i costruttori ma scarso se non nullo vantaggio per i cittadini.
La Pedemontana  che vogliono costruire parte da Brendola, va in Valle Agno fino a Castelgomberto,  con galleria  giunge a Malo, poi Villaverla  e affianca la Gasparona fino a Bassano per poi proseguire fino a Spresiano.
L’opera in sé è devastante e non utilizza tratti stradali già esistenti e soprattutto nel tratto vicentino l'opera è assolutamente inutile; abbiamo già  l'autostrada Valdastico e la Gasparona: bastano ammodernamenti dell'esistente per andare incontro alle esigenze di traffico.
La Pedemontana  serve sopratutto per  quello delle  merci; perchè si hanno ancora in mente   2 corridoi che dal Portogallo vanno in Russia; uno ferroviario, tav, e uno stradale: così avremmo le merci che per essere  consumate avranno alti costi di trasporto e alti costi di inquinamento  a tutto svantaggio della agricoltura locale.
la Pedemontana se costruita sarà a pagamentto, per cui poco utile alla mobilità locale.
Costa milioni di euro che vengono sottratti ad altri interventi sociali, e ambientali sicuramente più utili: sanità scuola, mobilità alternativa, trasporto pubblico e collettivo, trasporto merci su rotaia o su mare, fonti rinnovabili, ecc..
Sempre inerente alla mobilità siamo contrari pure al prolungamento della valdastico in quanto  a nord esiste già la Valsugana (anche qui basterebbero pochi interventi ) e a sud già con la tangenziale di Padova  dove è possibile muoversi bene.
Non vogliamo neppure  la tangenziale militare che vogliono costruire  tra il Dal Molin e La Caserma Ederle. la definiamo militare perchè in realtà serve allo spostamento delle truppe USA: altro che compensazione rispetto alla occupazione militare  che subisce Vicenza.

A FRONTE DI UNA CRISI ECONOMICA RECESSIVA CHE MIETE VITTIME TRA I LAVORATORI, CHE PRODUCE POVERTA',  LA SOLUZIONE "CAPITALISTA" PREVEDE LENZUOLATE DI ASFALTO E DEVASTAZIONE AMBIENTALE, PREVEDE GRANDI OPERE   CHE PORTANO UN SACCO DI  SOLDI ( per ottenerli  esagerano anche i percorsi da costruire) E OCCUPAZIONE LIMITATA E TEMPORANEA, PREVEDE INFILTRAZIONI MALAVITOSE, RICICLAGGGIO DI SOLDI E SOSTANZE TOSSICHE. E DI SOLITO QUALCHE BUSTARELLA.

Queste grandi opere; tutte a pagamento per i cittadini, sono un debito ulteriore per le nostre tasche; non servono  e non le vogliamo pagare.

Vogliamo una mobilità che rispetti  il territorio e non la privatizzazione dei trasporti pubblici collettivi.
Vogliamo occupazione buona che veda la salvaguardia del territorio e non la sua distruzione.
Vogliamo lavoro e reddito per tutti.

UNIONE SINDACALE DI BASE

3520