il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Wikileaks

Wikileaks

(23 Ottobre 2010) Enzo Apicella
Wikileaks pubblica nuovi file segreti sui massacri in Iraq

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Iraq occupato)

Iraq: dov'e' la svolta?

articolo di FABIO ALBERTI (Un ponte per...) su Il Manifesto del 10 giugno

(11 Giugno 2004)

La svolta non c'è. O almeno non ci sarà per 20 milioni di iracheni per i quali la risoluzione dell'Onu, negoziata a New York senza gli iracheni, ha posto le basi per un nuovo periodo di violenza e, forse, di guerra civile. Avrei preferito dire: è un passo avanti e un compromesso accettabile. Non è così. E il problema non è di principio, né è nella insufficienza dei poteri trasferiti, ma nel riconoscimento di un governo «made in Usa». Ciò che infatti né la Francia, né tutto il Consiglio di Sicurezza possono cambiare è la scarsa rappresentatività del neo-nominato «governo transitorio iracheno». E questo farà la differenza per la popolazione dell'Iraq: solo un governo veramente rappresentativo può portare la pace. Il «governo» è stato nominato ignorando tutti i «consigli» dell'inviato di Kofi Annan, a partire dal principale: che i membri dello screditato Governing Council avrebbero dovuto farsi da parte. E' stato invece Bremer e lo stesso Governing Council, in carica mentre nelle carceri irachene avveniva quel che è avvenuto, a nominare il suo successore. Sul primo ministro si è già detto che è stato un agente della Cia, «senza nessuna credenziale democratica» come nota «Iraqi Democrats Against Occupation», l'associazione di esuli iracheni vicini alla sinistra. Allawi, nell'ultimo anno si è occupato, come ministro del commercio estero, della privatizzazione delle imprese irachene. Sulla non-rappresentatività del governo transitorio si sono già pronunciati Harith Al-Dari, segretario del Consiglio degli Ulema, e rappresentante della «Conferenza Nazionale Irachena», larga coalizione nata l'8 maggio da un incontro di circa 2000 delegati di formazioni politiche, sciite, sunnite e laiche, che lo ha definito «un gioco americano». L'Ayatollah Al Sistani, sempre cauto, ha detto che «non rappresenta in maniera accettabile tutti i segmenti della società irachena». I segretari del «National Council of Iraqi Tribes» e del «Democratic Grouping of Iraqi Tribes», due influenti raggruppamenti delle tribù irachene, hanno espresso lo stesso concetto. Gli sciiti radicali di Moqtada al Sadr non sono stati coinvolti, come i gruppi della resistenza. E a Baghdad gli iracheni non danno credito al neonato governo, considerato, a ragione, una mera prosecuzione del precedente.

In questa situazione non è difficile pensare che la Conferenza Nazionale (che Brahimi voleva prima della nomina del governo e che la risoluzione prevede a luglio), possa ancora essere il luogo in cui raggiungere quel «consenso iracheno» che, solo, può mettere fine alla violenza e promuovere un processo elettorale condiviso.

La resistenza, anche armata, alla presenza di truppe straniere continuerà. Ricostruzione e rilancio dell'economia continueranno a tardare. La costituzione verrà dettata dagli occupanti. Gli Usa, che si sono riservati «tutti i mezzi disponibili per mantenere la sicurezza», continueranno a combattere la loro guerra per impedire che l'Iraq divenga un paese democratico e per insediare a Baghdad un governo che garantisca i loro interessi strategici e le basi militari permanenti. A farne le spese saranno 20 milioni di uomini, donne, bambini giocati dalle grandi potenze come pedine sullo scacchiere mondiale, come nei 13 anni delle sanzioni economiche, il cui milione e mezzo di morti dovrebbe pesare ancora sulla coscienza del Consiglio di Sicurezza Onu. L'occupazione prosegue.

FABIO ALBERTI
Un ponte per...

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Iraq occupato»

Ultime notizie dell'autore «Un ponte per...»

3380