il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Dignità operaia

Dignità operaia

(9 Marzo 2012) Enzo Apicella
Oggi sciopero generale dei metalmeccanici convocato dalla Fiom e manifestazione nazionale a Roma

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Per un sindacato di classe)

Sull'assemblea nazionale di roma 26 maggio

(28 Maggio 2012)

Le conclusioni dell'assemblea nazionale dei delegati di base riunitasi a Roma il 26 maggio appaiono chiaramente più deboli rispetto ai contenuti dell'appello di convocazione.

L'assemblea doveva raccogliere la sfida lanciata da questo governo e indicare la strada per fargli pagare caro il costo dell'attacco che sta portando avanti ai lavoratori,precari,disoccupati, dare gambe concrete all' organizzazione di uno lsciopero generale dal basso, che andasse più avanti rispetto allo sciopero del 27 gennaio; cominciare a porre con chiarezza e decisione le basi programmatiche e organizzative per unire le realtà del sindacalismo di base e di classe.

La mozione finale parla invece e ancora di un generico sostegno alle mobilitazioni già in atto, da la sua adesione- naturalmente necessaria, ai due "momenti di lotta" del 8 e 9 giugno che sono insufficienti come assedio ai palazzi del potere e rimanda la costruzione di una piattaforma generale a una prossima assemblea!

Sono intervenuti molti delegati di base, sia operai (Ancona, Fiat Cassino) che del pubblico impiego, lavoratori licenziati come Quaglietti, De Angelis e Antonini, precari, studenti, immigrati, dirigenti sindacali fiom come Cremaschi e Bellavita, Leonardi dell'usb. Tutti all'attacco di Monti, della Cgil, tutti per lanciare l'appello per uno sciopero generale vero,tutti per fare come la rivolta in Grecia (lo stesso Cremaschi e un operaio usb di Cassino) ma il tutto viene rimandato all' organizzare in autunno una manifestazione perchè adesso la rassegnazione è forte ( affermato in particolare da Leonardi dirigenete nazionale della usb).

A tirare le fila di questa assemblea di base sono stati proprio le due realtà sindacali, usb e fiom/rete28aprile, più interessati a "tenere conto di equilibri diversi" che a rappresentare e organizzare in forme autonome e determinate da questi equilibri la spinta alla rivolta operaia e sociale e all'unità dei sindacati di base e conflittuali che viene da molte realtà di lavoratori

Occorre intensificare e sviluppare unità e lotta nelle fabbriche ,sui posti di lavoro per dare una forma organizzata e programmatica alla ricostruzione dal basso del sindacato di classe e di massa e a promuovere un movimento reale di lotta operaia e proletaria contro i padroni e il governo Monti

contro l'attacco ai salari, alle pensioni, contro la 'riforma del lavoro' e l'attacco all'art.18 per il lavoro e il salario garantito a lavoratori, precari, disoccupati per la sicurezza e la difesa della salute sui posti di lavoro e sul territorio per l'unità operai italiani-operai immigrati contro schiavismo e razzismo per uno sciopero generale per rovesciare il governo Monti e ogni governo dei padroni per un sindacato di classe nelle mani dei lavoratori il potere deve essere operaio !

27 maggio 2012

slai cobas per il sindacato di classe
coordinamento nazionale

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Per un sindacato di classe»

Ultime notizie dell'autore «Slai Cobas per il sindacato di classe»

9541