il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Un'altra nave per Gaza

Un'altra nave per Gaza

(10 Giugno 2010) Enzo Apicella
Gli ebrei tedeschi spediranno a metà di luglio una nave carica di aiuti per Gaza, nel tentativo di rompere l'assedio israeliano

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

Lander Libero! Lander Askatu!

No all'estradizione!

(17 Aprile 2013)

Dichiarazione di solidarietà nei confronti di Lander, circolata alla vigilia della sciagurata sentenza della Cassazione

Come compagne e compagni della rete italiana dei comitati di amicizia col popolo basco EHL ITALIA, siamo a fianco di Lander, dei suoi compagni e dei suoi familiari nel giorno in cui la Corte di Cassazione dovrebbe esprimersi sulla richiesta di estradizione verso lo Stato Spagnolo, il prossimo 16 di Aprile.

Da oltre dieci mesi infatti, Lander Fernandez Arrinda cittadino basco, è costretto a subire gli arresti domiciliari, da quando il 13 Giugno scorso, venne arrestato a Roma nella sua dimora con un’imponente, quanto grottesca, operazione di polizia e trasferito nel carcere di Regina Coeli dove fu costretto a trascorre due giorni in completo isolamento giudiziario, senza ora d’aria né pasti per il primo giorno; un fenomenale sequestro di persona eseguito dalla polizia e dalle autorità italiane sotto le pressioni dello Stato spagnolo, che poi si convertirà in mesi di domiciliari, con un mandato internazionale che lo accuserebbe di terrorismo.

Conosciamo sin troppo bene la cieca violenza repressiva che le autorità madrilene, e sovente quelle francesi, rivolgono al popolo basco per tentare di far tacere, impaurire e disgregare un movimento che rivendica il diritto del proprio popolo ad autodeterminarsi, a vivere in un territorio libero da speculazioni e devastazioni ambientali, che è costretto a subire la militarizzazione forzata da parte di Francia e Spagna, che lotta per costruire un Paese Basco libero, non solo dall'occupazione straniera, ma anche dalle logiche di profitto e sopraffazione.

Per questo non ci stupiamo delle accuse inconsistenti, faziose e false che dipingerebbero Lander come un criminale terrorista, che si basano addirittura su alcune dichiarazioni estorte sotto tortura a un suo conoscente nel periodo di isolamento che segue all’arresto, un'altra pratica aberrante più volte denunciata da numerosi organismi internazionali nonché dagli attivist* basch*. Lander era già stato perseguitato nella sua Euskal Herria, sequestrato e minacciato dalla polizia spagnola, così come aveva già subito processi dai quali era stato assolto.

Ribadiamo la nostra vicinanza a Lander, ai suoi compagni di Roma e di Euskal Herria, denunciando ancora una volta lo stato di eccezione permanente e di criminalizzazione verso chi lotta nel Paese Basco. Cammineremo a fianco di Lander sino alla sua liberazione, per dire con forza che la repressione non scalfisce la solidarietà, che siamo e saremo sempre a fianco di chi lotta, in Italia e in Euskal Herria.

No all'estradizione! Lander Libero! Libertà per i prigionieri politici baschi!

Rete EHL Italia ( Euskal Herriaren Lagunak-Amiche e amici del Paese Basco)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Euskadi»

6240