il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Dulce et decorum

Dulce et decorum

(1 Marzo 2011) Enzo Apicella
Un altro soldato italiano ucciso in Afghanistan. I soliti discorsi ipocriti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

Lander Fernandez: la Cassazione obbedisce a Madrid

(17 Aprile 2013)

landerfer

La notizia è arrivata questa mattina: i giudici della Corte di Cassazione di Roma, così come avevano fatto i colleghi della corte d’Appello a gennaio, hanno detto si all’estradizione in Spagna di Lander Fernandez.

Niente sorprese dai togati di Piazza Cavour, che si sono presi qualche ora in più per decidere su un caso che sta generando una vera e propria ondata di solidarietà in tutta Italia, come dimostrano le decine di striscioni esposti ieri contro l’estradizione del militante basco in molte città grandi e piccole del nostro paese. Ma alla fine anche la Cassazione ha deciso di chinare la testa di fronte alle richieste di Madrid. Anche se il reato contestato è ampiamente prescritto, anche se la Spagna ha una legislazione d’emergenza che fa a cazzotti con tutti i trattati e le convenzioni internazionali, anche se nelle caserme spagnole si tortura, anche se le prove contro l’imputato sono fumose e vaghe.

Un altro fatto che grida vendetta e che la dice lunga sulla presunta indipendenza della magistratura italiana è che Il contenuto della decisione dei giudici di Piazza Cavour l’interessato l’ha appreso... dalla stampa spagnola. Si, perchè prima ancora che la decisione fosse notificata agli avvocati difensori di Lander e quindi all’attivista basco, le agenzie di stampa iberiche già battevano, con toni trionfalistici, il si della Cassazione alla richiesta di estradizione avanzata da Madrid. “Un altro punto a favore della lotta al terrorismo”... Informando anche che il tribunale ha condannato l'imputato a pagare le spese processuali. "E' la prima volta che l'Italia dice si a un decreto di estradizione in un delitto che risale a prima dell'entratai in vigore del mandato di cattura europeo" hanno sottolineato le autorità di Madrid. Secondo le quali i tempi per la consegna di Lander agli aguzzini saranno brevi, appena il tempo per la ministra della giustizia italiana di firmare il decreto.

Ma la battaglia continua. Lander e i suoi difensori hanno già fatto sapere che ricorreranno contro l’assurda decisione in tutte le sedi giuridiche e politiche ancora a disposizione, sia italiane che internazionali. E già oggi pomeriggio, dalle 17, il comitato ‘Un caso basco a Roma’ sarà di nuovo in piazza, al Colosseo, con gli striscioni e le bandiere contro l’estradizione e per la libertà di tutti i prigionieri politici baschi, a fianco dei comitati di solidarietà col popolo palestinese e quello cubano e insieme alla comunità kurda.

Marco Santopadre - Contropiano

7728