">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Omsa

Omsa

(28 Luglio 2010) Enzo Apicella
Anche la Omsa di Faenza vuole delocalizzare in Serbia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

I risultati delle elezioni RSU nel Pubblico Impiego.

Crescita dei Cobas e consistente balzo in avanti nel comparto Enti Locali.

(23 Novembre 2004)

Stanno affluendo in queste ore i primi risultati delle elezioni RSU del Pubblico Impiego. E’ cominciata la solita bagarre dei dati col consueto intingolo paradossale di “tutti vincitori”, con la bandiera di “…abbiamo vinto…”, sventolata sul pennone più alto da ogni organizzazione sindacale. La sproporzione di mezzi e delle risorse messe in campo dai sindacati confederali in tutta la campagna elettorale ha di fatto preparato il terreno ad una loro riconferma e probabilmente ad un avanzamento di liste, candidati, voti.

E certamente chi farà la parte del leone sarà la Cgil vista dalla gran massa dei lavoratori riferimento e “unico baluardo” contro il governo Berlusconi.

Come Cobas registriamo una sostanziale tenuta e crescita nei comparti dei Ministeri, delle Agenzie Fiscali e dell’Università con “incursioni positive” in diversi uffici e territori e col raddoppio significativo degli eletti nel Ministero Economia e Finanze di Roma.

Ma il grande balzo in avanti vi è negli Enti Locali dove vi è un aumento complessivo e consistente dovunque con un grosso posizionamento positivo e l’elezione di candidati Cobas nei comuni di Genova, Perugia, Taranto, Palermo, Bologna, comune e provincia di Pisa, regione Toscana.

Straordinario il risultato nel comune di Senigallia: i Cobas diventano il secondo sindacato aziendale dietro la Cgil. E questo avanzamento si propaga a macchia d’olio anche in diversi piccoli comuni di provincia. La “dote” di queste elezioni la metteremo in campo, non per rafforzare potere e apparati burocratici incancreniti, come faranno sicuramente i sindacati concertativi, ma per alzare il tono della mobilitazione che si sta sviluppando nelle categorie e nel paese contro la Finanziaria, le esternalizzazioni e le privatizzazioni, per il rinnovo del secondo biennio dei contratti pubblici con aumenti salariali non al di sotto dei 250 euro per tutti, per i diritti sindacali e per il diritto di assemblea e per rilanciare la battaglia contro il massacro della previdenza pubblica, lo scippo del TFR e contro la precarietà e il carovita.

Diamo come primo appuntamento per i lavoratori pubblici lo sciopero generale già proclamato per il 30 novembre dove su questi contenuti alternativi ci mobiliteremo con iniziative cittadine/territoriali diverse, possibilmente unitarie con le realtà antagoniste e del sindacalismo di base disponibili.

COBAS Pubblico Impiego
aderente alla Confederazione COBAS
email: info@pubblicoimpiego.cobas.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Elezioni RSU Pubb. Impiego novembre 2004»

Ultime notizie dell'autore «Confederazione Cobas»

9987