">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Un'altra nave per Gaza

Un'altra nave per Gaza

(10 Giugno 2010) Enzo Apicella
Gli ebrei tedeschi spediranno a metà di luglio una nave carica di aiuti per Gaza, nel tentativo di rompere l'assedio israeliano

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Egitto, la morte del venerdì

(4 Gennaio 2014)

egimort

Quattordici vittime è l’ennesimo tributo di morte pagato ieri dagli oppositori al colpo di stato nei cortei riproposti, come quasi ogni venerdì al Cairo, Alessandria, Ismailia, Minya. Più sessantadue feriti, secondo dati diffusi dal ministero della Salute egiziano. Per l’ormai fuorilegge Fratellanza Musulmana, cuore pulsante della protesta delle quattro dita (Rabaa, dal luogo della strage d’agosto) i martiri di questo venerdì sarebbero diciassette. Si sommano alle centinaia di cittadini passati per armi dalla scorsa estate con uno stillicidio che non risparmia una parte degli attivisti Tamarrod che, rivedendo le posizioni pro-esercito assunte a primavera, ora manifestano contro il divieto di esprimere dissenso. Questo, secondo le direttive dell’esecutivo El-Beblawi, rappresenta “un attentato alla sicurezza” che prevede d’ufficio cinque anni di detenzione per i semplici partecipanti ai cortei e una possibile condanna a morte per i leader delle proteste. Tutti terroristi, dunque, coloro che scendono in piazza. Nel primo venerdì del 2014 ne sono stati arrestati altri 258, accusati d’essere appartenenti alla disciolta Brotherhood e colpevoli d’aver attentato alla vita di poliziotti e soldati schierati nelle strade.

Dei violentissimi scontri durati l’intera notte ha riferito anche la tivù di Stato che ha trasmesso immagini dei tumulti estesi alla zona archeologica di Al-Talbiya. I cronisti accusavano soprattutto gli studenti della facoltà di Agricoltura dell’Università Al-Azhar e i gruppi di militanti della Confraternita d’aver fatto uso di armi improprie (molotov) e da fuoco. La voce di alcuni manifestanti è stata diffusa da Al Jazeera, un intervistato diceva: “Noi amiamo l’Egitto. Siamo solo contro il regime militare, non permetteremo che esso schiacci la libertà. Non temiamo la morte né la galera”. Com’era già accaduto in altre occasioni ad Alessandria nuclei organizzati di cittadini hanno dato manforte alla polizia, scontrandosi coi contestatori di Al-Sisi. L’Alleanza per la Legittimità, come si è da mesi nominato il fronte che s’oppone al rovesciamento presidenziale di Mursi, si dà l’obiettivo di far crescere le contestazioni per far fallire il referendum sul nuovo modello costituzionale varato dall’attuale governo, scadenza che dovrebbe tenersi a metà gennaio. Fra i punti dell’attuale Carta Costituzionale uno vieta la presenza nel Paese di partiti a ispirazione religiosa.
4 gennaio 2014

articolo pubblicato su http://enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Paese arabo»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

8057