il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Freedom Flottilla 2

Freedom Flottilla 2

(13 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Si prepara una nuova Freedom Flottilla internazionale per Gaza

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

Il «caso» Dieudonné-Valls visto dalla BDS France

(13 Gennaio 2014)

casodieud

Negli ultimi giorni abbiamo assistito a numerosi/e compagni/e che tramite i social network e le testate giornalistiche hanno espresso la propria acritica solidarietà al “comico” Dieudonné, esponente della destra francese razzista e antisemita che attualmente viene sdoganato come un “esponente della lotta di solidarietà con il popolo palestinese”. Per questo abbiamo ritenuto doveroso tradurre il comunicato dei compagni internazionalisti d'oltralpe che portano avanti la campagna per il Boicottaggio, il Disinvestimento e le Sanzioni contro Israele. Da anni infatti la magistratura francese e le lobby sioniste portano avanti, fortunatamente in maniera infruttuosa, un fuoco incrociato contro chi organizza iniziative pubbliche volte a condannare l'apartheid in Palestina. Una battaglia che vuole equiparare l'antisionismo e l'antisemitismo in cui la feccia neonazista come Dieudonné e soci sono solo le ennesime pedine di chi da Tel Aviv pianifica e lucra sulla colonizzazione e la pulizia etnica della Palestina Occupata. Il successo di questo personaggio nelle banlieu francesi è naturalmente un problema complicato, ma non cambia in alcun modo il carattere di destra e razzista dei suoi interventi. Nella speranza che i compagni accantonino la foga del momento e la voglia di “stare sul pezzo” per recuperare un po' più di lucidità ed approfondire i fatti che avvengono nel mondo con un occhio un po' più marxista e meno “geopolitico”

Da una settimana, si sono moltiplicati articoli ed interventi per commentare l’ideologia di Dieudonné e la decisione di Manuel Carlos Valls [Ministro dell’Interno francese, ndt] di vietare i suoi spettacoli. La Campagna BDS Francia (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni contro il regime di apartheid imposto da Israele) tiene a fare la seguente dichiarazione:

1. Sin dalla nascita, il movimento BDS condanna tutte le forme di razzismo ed in particolare l’ideologia e le pratiche riconducibili alla cosidetta «dieudosfera» (vale a dire la cricca di Dieudonné, Soral e dei loro amici) composta da persone apertamente razziste e antisemite per le quali il mondo è dominato da un «complotto giudaico» responsabile di tutti i mali di cui sono vittime i popoli e, particolarmente, quello francese. Questa gente fa capo all’estrema destra, e più precisamente all’estrema destra lepeniana. A differenza di quanto millantano, questi personaggi non si sono mai mobilitati in favore della causa del popolo palestinese. Le loro posizioni sono incompatibili con i valori della campagna BDS.

2. Condanniamo parimenti l’offensiva messa in campo da Valls che mira ad assimilare agli occhi dell’opinione pubblica, con il bene placito del CRIF (Consiglio Rappresentativo delle Istituzioni ebraiche di Francia), antisemiti e militanti antirazzisti e antisionisti che, invece, si oppongono con fermezza alla politica coloniale e di apartheid imposta dallo Stato d’Israele.

3. La Campagna BDS è un movimento antirazzista, etico e popolare che si batte per il rispetto del diritto internazionale e dei diritti umani. Lanciato nel 2005 su un appello della società civile palestinese, raggruppa numerosi cittadini, palestinesi come anche israeliani, e organizzazioni di tutto il mondo. Si oppone recisamente all’attuale politica razzista israeliana in nome di valori universali.

4. Non ci lasciamo, altresì, ingannare dall’operazione politica anti-Dieudonné portata avanti dal governo. Essa mira a creare un clima politico caratterizzato, allo stesso tempo, da un razzismo islamofobo, anti-rom, anti-immigrati, e da una complicità incondizionata con lo Stato d’Israele.

5. A fronte di questa situazione, proseguiremo senza sosta la nostra campagna unitaria che, nell’ultimo periodo ha riportato notevoli successi internazionali (di cui sono presenti testimonianze nel nostro sito www.bdsfrance.org), esigendo il ritiro della circolare Alliot-Marie che incoraggia le procure a perseguire gli attivisti che prendono parte alla Campagna.

La Campagna BDS Francia

http://www.bdsfrance.org/index.php?option=com_content&view=article&id=2910%3Acommunique-de-la-campagne-bds-france-sur-dieudonne-et-valls&catid=49%3Aactualites&Itemid=1&lang=fr

communianet.org

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Siamo tutti palestinesi»

Ultime notizie dell'autore «Communia Net - Idee e pratiche fuori mercato»

11136