il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Aiuto!

Aiuto!

(2 Maggio 2012) Enzo Apicella
A Torino contestato Piero Fassino al corteo del primo maggio. La polizia interviene con una carica pesante e immotivata.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

MICHELE CHIAMATO A COMPARIRE, MA LO HANNO GIA’ IN MANO, PER LA LOTTA PER LA CASA

(17 Luglio 2014)

Considerato che è in tutta evidenza iniziata una contro campagna su Brushwood e Michele cui fanno sponda alcuni anonimi commentatori e a qualche sparutissimo giornalista nostrano, con l’obiettivo di fermare la marea di adesioni all’appello per la libertà di Michele. chiariamo quanto segue.

Quello che U24H ha definito: misura cautelare” riguardante Michele, in riferimento alla manifestazione del 12 aprile a Roma per il diritto alla casa, noi sappiamo, essere, attraverso quanto comunicato all’avvocato Parente: “obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria” che si sostanzia con un obbligo di firma settimanale cosa che non può essere per Michele, visto che è detenuto.

Ma al di là della misura repressiva adottata, la cosa più importante da chiarire è che:

Noi siamo per il diritto alla casa.

Noi siamo nella lotta per la casa.

Sosteniamo chi le case non ce l’ha e occupa le grandi proprietà disabitate.

Allo stesso modo con cui i comunisti negli anni ’50 sostenevano i contadini senza terra che occupavano la terra.

Allo stesso modo con cui i comunisti e le forze autenticamente democratiche stavano con gli operai che occupavano le fabbriche se il padrone voleva licenziare.

Allo stesso modo con cui il popolo delle valli del Piemonte occupa i cantieri della TAV.

Noi siamo con l’operaio che perde lavoro e il salario è occupa la casa che non può più permettersi. Noi siamo con il disoccupato che non può neanche sposarsi e occupa la casa per vivere. Noi siamo con l’immigrato che occupa la casa per non dormire sotto i ponti.

Forse qualcuno non sa, che in Italia ci sono 10 milioni di poveri ? Forse qualcuno non sa che ci sono file infinite di povera gente alle mense della Caritas ?

Quindi stiamo con chi il 12 aprile era in Piazza a Roma a lottare per la casa come diritto di tutti.

E ci stiamo in tanti con loro. Così come diciamo che hanno fatto bene gli operai della Pozzi a picchettare la fabbrica a tirare farina e bottiglie d’acqua a quei ladri dei loro padroni.

Poi ci stanno gli altri. Chi sta con i palazzinari, con le forze dell’ordine che sgomberano violentemente le case occupate, a Bologna come a Milano, a Torino come a Parma, a Pomezia come a Padova a Roma e in tutta Italia, quelli che stanno con Renzi che decreta per legge che sarà tolta “acqua, gas e luce per chi occupa abusivamente una casa. Chi lo fa per 5 anni ( e quindi è chiaro non per avventura ma per necessità) non potrà essere nemmeno iscritto nelle liste per le case popolari”, quelli che sono dispiaciuti perché l’ecomostro sarà abbattuto.

Quindi non provateci nemmeno a criminalizzare Michele per il suo coraggio civile, noi stiamo con quelle lotte.

O si sta con Renzi, i palazzinari, con chi ha voluto l”ecomostro”, con chi vuole la TAV, con i padroni ladri della Pozzi, o si sta con quei poveri cristi che occupano le case, che difendono il lavoro, che difendono la valle, con Michele.

E infine nel merito della manifestazione del 12 aprile a Roma per la casa, siccome hanno filmato tutto, come sempre, come sabato scorso in Piazza del Comune, perché oltre a far filtrare notizie interessate non mettono in circolo anche i filmati, così ci facciamo quattro risate. Come fanno lo sappiamo per lunga esperienza, filmano chi c’è, selezionano chi fa militanza politica e poi gli appioppano qualche capo di imputazione. Far desistere chi non resiste, imprigionare chi non si fa piegare.

Comitato23Ottobre

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

3874