il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

L'ultima vittima

L'ultima vittima

(26 Dicembre 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il nuovo ordine mondiale è guerra)

Pakistan, strage di studenti

(16 Dicembre 2014)

pakistrage

Un attacco senza cuore, rivolto ai figli dei militari, bambini e ragazzi dagli 8 ai 18 anni. Sferrato stamane a Peshawar da un commando talebano, i Tehreek-e-Taliban, una delle formazioni più intransigenti della galassia fondamentalista. Volto a vendicare l’offensiva che l’esercito pakistano conduce dallo scorso giugno nella zona del nord Waziristan, sul confine afghano. E’ un’area tribaledove varie componenti talebane stabiliscono le proprie basi militari e operative, controllando di fatto un territorio teoricamente appartenente alla nazione pakistana. Tutto s’è svolto nella scuola dov’erano a lezione 500 allievi, finora si registrano centoventi vittime, ottantatre sono bambini e ragazzi.

La regione del Waziristan e i suoi abitanti, sono un’antica fabbrica di combattenti. Già durante l’occupazione sovietica dell’Afghanistan (1979-1989) da quei luoghi provenivano gruppi di mujaheddin che, anche dopo la conclusione di quel conflitto continuarono ad agire come Warlords nella successiva guerra civile afghana. Attualmentei talebani dell’area, di cui i Tehreek-e-Taliban, guidati da Maulana Fazlullah e volgarizzati in Taliban pakistani,sono uno dei gruppi più agguerriti oltre alle azioni anti-governative contro Islamabad, praticano attacchi in Uzbekistan e nella provincia Xinjiang della Cina. Con gli alleati di Al-Qaeda puntano astabilire un proprio governo islamico; il gruppo ha contatti con l’altro ceppo talebano della Rete di Haqqani. La forza militare dei Tehreek, contrastati dall’esercito pakistano e dai droni statunitensi, è stimata attorno ai 16.000 guerriglieri. Dodicimila autoctoni, altri quattromila provenienti dall’estero, sono fazioni fondamentaliste arabo-sunnite, uzbeki e turkmeni.

Altra temibile struttura è quella guidata daGul Bahadur, anch’egli ex guerrigliero anti-sovietico, che nel 2006 ha firmato una tregua nella lotta contro l’esercito pakistano. Conta su oltre 9.000 armati, e negli ultimi tempi sembra che alcuni suoi comandanti militari dissentano dalla sua volontà di non collaborare coi Tehreek. Il sostegno economico a tutta la guerriglia talebana delle aree tribali di amministrazione federale (Fata) proviene da alcune madrasse radicali presenti in Pakistan, ma anche in alcune nazioni arabe che inseguono la Shari’a,e rende possibile da anni il mantenimento di militanti dediti esclusivamente ad azioni di guerriglia. Ci sono poi donazioni da parte di gruppi di fedeli, non necessariamente legati al mondo jihadista. Sempre più spesso vengono praticati rapimenti a scopo di riscatto, pescando le vittime nei territori pakistani che confinano col Waziristan. Rendono cospicuamente anche le commissioni frutto del contrabbando praticato sui confini delle nazioni limitrofi.
16 dicembre 2014

articolo pubblicato su http://enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

7641