il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Manchester 4 - Milan 0

Manchester 4 - Milan 0

(10 Marzo 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

IL SENSO E IL MALE DELLA STORIA

(14 Aprile 2015)

sensoemalestoria

Foto: Especial

La scomparsa, quasi in contemporanea, di Gunter Grass e Eduardo Galeano richiama, al di là delle celebrazioni di maniera, quelli che sono stati gli orrori e le ingiustizie del ‘900 che ancora si tramandano oggi nell’orizzonte di un mondo anonimamente ipertecnicizzato in maniera globale.
Un mondo popolato da una pseudo - umanità che non è riuscita a scrollarsi di dosso tutta l’impalcatura teorica della sopraffazione, dell’endemicità della tragedia bellica, della diseguaglianza strutturale eretta a sistema.
Una pseudo- umanità emersa nell’indifferenza e nell’oblio del revisionismo inteso come occultamento di ciò che è stato e di conseguente mancanza di visione per ciò che potrà essere.
Un’immersione nell’eterno presente.
Grass e Galeano hanno toccato il tasto del senso della storia: ne sono stati pervasi sia la “Trilogia di Danzica”, sia le “Vene aperte dell’America Latina”, pur descrivendo mondi diversi, lontani, quasi eternamente contrapposti tra il Nord e il Sud.
Un senso della storia, nell’insieme delle contraddizioni che lo attraversano (e che le biografie stesse dei due grandi scrittori dimostrano) che ne ha indicato il male profondo che lo ha pervaso e che non può essere evocato soltanto per esorcizzarlo attraverso l’indicazione di un “bene” ipotetico e unilaterale, di parte, nell’apparente impossibilità di una moderna teodicea e di una nuova “filosofia della Liberazione”.
Il XXI secolo rispetto al XX pare aver abbandonato la lezione riguardante la necessità di indicare un futuro diverso a quello costruito sull’identità del male che ci attraversa: il male della diseguaglianza, il male dell’abbandono dell’idea della storia come percorso del riscatto sociale.
E’ sicuro che il cammino della storia non può evitare di segnare contraddizioni, rivolgimenti, arresti: un fiume che reca con sé detriti che ne deviano il corso.
Eppure è a quel fiume che dobbiamo affidarci : lo sbocco non sarà mai quello di un mare tranquillamente disteso nella serenità dell’oblio.
Sempre ci sarà la fatica della rincorsa e della ricerca: quella della visione di un’utopia da ricercare, di una “Città del Sole” da ritrovare nel nostro immaginario collettivo.
E’ questo che ci manca, oggi, nella tragedia del divenire quotidiano e la morte dei due grandi narratori di un ‘900 visto dagli angoli opposti del mondo ce lo fa notare con grande crudezza: quasi come se scoprissimo una ferita ancora eternamente aperta.

Franco Astengo

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Culture contro»

Ultime notizie dell'autore «Franco Astengo»

4150